Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span> 347 44 Funzionari promozione culturale Ministero Affari Esteri (Ripam - MAECI) - Manuale delle materie specialistiche<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1120 € 45,00</span> 332 35 Funzionari Contabili Amministrazione Penitenziaria<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 42,00</span>
IAPC
ICCRI
ICE
ICI
ICIAP
ICM
ICOR
IDA
IDEM
Identità di Roy
Identità di Slutsky
Ideogramma
IFM
IFQV
IGE
Illusione finanziaria
Illusione fiscale
Illusione monetaria
ILOR
IME
Imitazione, effetto di
Imperialismo economico
Importazioni
Importi compensativi monetari
Imposizione ottimale
Impossibilità, teorema della
Imposta
Imposta ad valorem
Imposta comunale sugli immobili
Imposta di registro
Imposta diretta
Imposta generale
Imposta generale sulle entrate
Imposta in somma fissa
Imposta indiretta
Imposta locale
Imposta monofase
Imposta negativa
Imposta personale
Imposta plurifase
Imposta progressiva
Imposta proporzionale
Imposta reale
Imposta regressiva
Imposta speciale
Imposta specifica
Imposta straordinaria
Imposta sui consumi
Imposta sul patrimonio
Imposta sul reddito come consumo
Imposta sul reddito come entrata
Imposta sul reddito come prodotto
Imposta sul reddito delle persone fisiche
Imposta sul reddito delle persone giuridiche
Imposta sul valore aggiunto
Imposta sulle successioni e donazioni
Imposta sulle vendite
Imposte doganali
Imposte ipotecarie e catastali
Imprenditore
Impresa
Impresa extramarginale
Impresa inframarginale
Impresa marginale
Impresa pubblica
Impresa-rete
Imprese d'investimento
In the money
INAIL
Incentive marketing
Incentivi all'esportazione
Incentivo fiscale
Incertezza
Incidenza dell'imposta
Incidenza dell'imposta in concorrenza monopolistica
Incidenza dell'imposta in concorrenza perfetta
Incidenza dell'imposta in monopolio
Incidenza dell'imposta in oligopolio
Inclusione
Income splitting
Income-tax
Incoterms
Incremental Capital-Output Ratio
Indagine di mercato
Indagine pilota
Indebitamento netto
Indebitamento netto della Pubblica Amministrazione
Indennità di contingenza
Indennità di disoccupazione
Indent
Indicatori economici
Indice
Indice armonizzato dei prezzi al consumo per i paesi dell’Unione Europea
Indice beta
Indice dei prezzi al consumo
Indice dei prezzi alla produzione
Indice dei prezzi per famiglie di operai e impiegati
Indice del costo della vita
Indice della produzione industriale
Indice di Bonferroni
Indice di concentrazione delle imprese
Indice di curtosi
Indice di Fisher
Indice di Gini
Indice di Herfindahl
Indice di Laspeyres
Indice di mutabilità di Gini
Indice di Paasche
Indice di Williamson
Indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività
Indici assoluti
Indici di asimmetria
Indici di Borsa
Indici di forma
Indici di mutabilità
Indici di posizione
Indici di variabilità
Indici normalizzati
Indici relativi
Indici settoriali
Indici statistici
Indicizzazione
Indifferenza, curva di
Indipendenza
Individualismo metodologico
Indivisibilità
Indotto
Industria
Industria nascente
Ineguaglianza
Inferenza bayesiana
Inferenza statistica
Infinitesimo
Inflation targeting
Inflazione
Inflazione da costi
Inflazione da domanda
Inflazione galoppante
Inflazione importata
Inflazione strisciante
Informazione
Informazione asimmetrica
Informazione nascosta
Informazione Tariffaria Vincolante
Inframarginale
Infrastruttura
Innovazione
Innovazione finanziaria
Inoccupati
INPS
Inputs
Inside money
Insider trading
Insider-Outsider
Integrale
Integrazione
Integrazione economica
Integrazione orizzontale
Integrazione verticale
Intensità di capitale
Intensità di lavoro
Interaction
Intercetta
Interdipendenza oligopolistica
Interdipendenze strutturali
Interesse
Interesse composto
Interesse nominale
Interesse reale
Interest rate swap
Intermediari finanziari
Intermediazione finanziaria
Internalizzazione delle esternalità
International Development Association
International Monetary Fund
International Trade Organization
Internazionalizzazione
Interpolazione
Intersezione
Intervallo di confidenza
Intervento pubblico
Intervista
Intese
Intra-firm trade
Intra-industry trade
Intrastat
Invenzione
Investimento
Investitori istituzionali
Investment trust
INVIM
IOU
Ipergeometrica, variabile casuale
Iperinflazione
Ipotesi alternativa
Ipotesi composita
Ipotesi non parametrica
Ipotesi nulla
Ipotesi parametrica
Ipotesi semplice
Ipotesi statistica
IRAP
IRI
IRPEF
IRPEG
Irredimibile
IS-LM
ISAE
ISCO
Isobenessere
Isocosto
Isola di montaggio
Isole
Isoprofitto
Isoquanto
ISPE
ISTAT
Isteresi
Istituti di credito di diritto pubblico
Istituti di credito speciale
Istituto di credito
Istituto di Credito delle Casse di Risparmio Italiane
Istituto di emissione
Istituto di Studi e Analisi Economica
Istituto di Studi per la Programmazione Economica
Istituto Monetario Europeo
Istituto Nazionale della Previdenza Sociale
Istituto Nazionale per lo Studio della Congiuntura
Istituto per il Commercio Estero
Istituto per la Ricostruzione Industriale
Istituto poligrafico e Zecca dello Stato
Istituzioni Finanziarie Monetarie
Istogramma
Istogramma perequato
Istruzione
ITO
ITV
IVA




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Pianificazione economica

Metodo di gestione centralizzato della produzione e dell'allocazione delle risorse (v.) produttive mediante la predisposizione, a priori, di piani che determinano la quantità, il prezzo e la distribuzione della ricchezza nazionale.
Dalla stessa definizione emerge chiaramente come i due elementi centrali che contraddistinguono la pianificazione economica siano:
— la definizione a priori degli obiettivi. Questa caratteristica differenzia le economie pianificate da quelle di mercato: nelle prime, infatti, il coordinamento dell'attività del sistema economico è assicurato da una unità centrale mentre nelle seconde tale coordinamento è affidato all'operare spontaneo delle forze di mercato (v.) che tendono a massimizzare l'utilità (v.) per il consumatore ed i profitti (v.) per i produttori. In un sistema economico pianificato l'equilibrio è quindi raggiunto ex ante (v.), mentre, in un'economia di mercato, è un evento contestuale al verificarsi degli scambi;
la predisposizione di un piano, che individui gli obiettivi da perseguire in termini di produzione e distribuzione delle risorse. Il raggiungimento di tali obiettivi può avvenire nel breve, nel medio o nel lungo periodo.
La pianificazione economica può distinguersi in:
imperativa, quando tutte le decisioni relative alla produzione e alla distribuzione siano assunte da un'unica autorità centrale.
Ha avuto la sua massima espressione a partire dagli anni '30 nell'ex Unione Sovietica dove l'attività di coordinamento tra tutti i settori e tutte le fasi della pianificazione erano affidati al Gosplan (il Comitato Statale per la pianificazione).
La sfera della produzione era articolata in una serie di piramidi con al vertice il governo ed alla cui base operavano le imprese dei vari settori.
Le fasi della pianificazione economica erano sostanziamente tre: la prima era la raccolta delle informazioni, dal basso verso l'alto della piramide, relative alle risorse disponibili in termini di mezzi di produzione e di prodotti finiti realizzati o realizzabili.
Tale operazione avveniva stilando i cosiddetti bilanci materiali.
La seconda fase della pianificazione vedeva il trasferimento delle informazioni dai ministeri competenti al Gosplan che elaborava una o più proposte di piano da consegnare al governo; questo sceglieva, in base alle proprie priorità politiche, il piano di produzione più soddisfacente.
Nella terza fase, il Gosplan assegnava alle imprese i relativi piani di produzione e gli obiettivi (espressi sotto forma di indici) da raggiungere. Le imprese erano dunque obbligate a rispettare i termini fissati sia per il volume della produzione lorda che per la qualità dei prodotti ed erano sottoposte ad un controllo tanto ossessivo quanto inefficace da parte dell'autorità centrale;
indicativa, se in un'economia di mercato si proceda alla definizione, per grandi linee, di obiettivi macroeconomici da realizzare nel lungo periodo. Tale forma di pianificazione si differenzia da quella imperativa in quanto:
— non tende alla completa definizione di tutto il processo produttivo ma, semplicemente, ad attenuare quelle distorsioni che spesso si verificano in un'economia di mercato (diseguaglianza nella distribuzione dei redditi, formazione di poteri monopolistici, dualismo economico tra diverse aree regionali ecc.);
— è attuata attraverso il coinvolgimento delle parti sociali interessate (imprenditori, lavoratori, consumatori) e tiene conto delle diverse esigenze manifestate da queste forze sociali;
— ha un semplice carattere di indirizzo in quanto non tende a definire con precisione le quantità globali di ciascun bene da produrre ma, tenendo conto dell'evoluzione del mercato, fornisce dei parametri di sviluppo compatibili con una crescita costante ed equilibrata del sistema economico;
— si avvale in larga misura delle imprese a partecipazione statale (v.) che in un simile contesto hanno un ruolo guida nell'indirizzare la produzione nazionale verso determinati obiettivi fissati dalle autorità di governo (dislocazione di grandi industrie in aree arretrate, produzione di beni poco convenienti per le industrie private, ingenti investimenti nella ricerca e sviluppo di prodotti innovativi ecc.).
Il tentativo, durato diversi decenni, dei paesi dell'area socialista di additare la pianificazione economica come soluzione ottimale per un'efficiente allocazione delle risorse e per la formazione di prezzi di equilibrio è stato al centro, per molti anni, di un vivace dibattito.
Il primo attacco venne da parte dell'economista austriaco L. von Mises (v.) che, muovendo da posizioni marginaliste (v. Marginalismo), riteneva che i piani elaborati dagli stati socialisti fossero necessariamente irrazionali. Ciò in quanto, non consentendo di individuare gli indici di scarsità (i prezzi), per la rilevazione dei quali è necessaria l'esistenza di un'economia di mercato, non permettevano di scegliere, in presenza di risorse limitate, tra impieghi alternativi.
Alle tesi di von Mises rispose E. Barone (v.), il quale, rifacendosi alla teoria sull'equilibrio economico generale (v.) di Walras (v.), postulò che la formazione dei prezzi potesse scaturire da un sistema di equazioni, risolvendo le quali è possibile determinare gli indici di scarsità per un'ottima allocazione delle risorse anche in assenza di mercato.
Altre critiche vennero da F. von Hayek (v.) e L. Robbins (v.) e riguardarono le difficoltà di impostare un sistema che avrebbe dovuto contemplare molte equazioni. Ad esse sono state date due tipi di risposte.
La prima fa capo all'economista polacco O. Lange (v.) che, come Barone, si ricollega alle tesi dell'equilibrio economico generale walrasiano seppur con impostazione diversa.
Per Lange con un processo per tentativi si può ugualmente giungere ad ottimizzare l'allocazione delle risorse e trovare prezzi d'equilibrio. In pratica, i prezzi sono fissati da un organo centrale e sulla base di quelli le imprese prendono le decisioni relative ai metodi di produzione e alle quantità da produrre. L'interagire di questi fattori evidenzierà l'abbondanza o la scarsità delle varie merci, indicando se i prezzi erano stati fissati ad un livello troppo alto o troppo basso. Laddove questi dovessero rivelarsi smisurati l'ufficio della pianificazione potrà modificarli; procedura, questa, simile al tâtonnement (v.) walrasiano.
Per l'economista inglese M. Dobb (v.), invece, il vero problema era quello di modificare la situazione di scarsità aumentando le risorse disponibili. In tal senso l'economia pianificata presenta il vantaggio, rispetto all'economia di mercato, di fissare a priori gli obiettivi da conseguire per cui gli investimenti possono essere meglio coordinati. Nel coordinamento ex post (v.), tipico delle economie di mercato, gli imprenditori possono essere portati a non attuare alcuni investimenti nel timore che le loro iniziative non rendano per il venir meno di tutta una serie di investimenti paralleli (ad es. costruzione di infrastrutture od investimenti in processi produttivi collegati).
Quest'ultima teoria è stata particolarmente osteggiata dai sostenitori dell'economia di mercato che negano la possibilità di un serio sviluppo di una economia pianificata soprattutto per l'assenza del profitto individuale che agisca da stimolo per il progresso tecnico.

Approfondimento: L'efficienza in una economia pianificata.