Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
OP9 Codice del Nuovo Condominio Operativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 1280 € 79,00</span> L6 I Rapporti di Vicinato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 272 € 38,00</span> L5/A Le Spese di Ristrutturazione negli Immobili Condominiali<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 304 € 38,00</span> L5 Il Nuovo Condominio<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XV, pag. 816 € 45,00</span> FM204/1 Formulario Commentato del Nuovo Condominio<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 Novità, pag. 352 € 34,00</span> E9/A Codice del Condominio Esplicato - Leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 , pag. 448 € 18,00</span>
Sacchi e bidoni dei rifiuti
Sanatoria dell’abusivismo
Sanificazione
Scale
Scantinati e seminterrati
Scioglimento del condominio
Seminterrati
Servitù
Sgocciolatoi
Sicurezza degli impianti
Siepi
Soffitta
Soffitti, volte e solai
Solai
Soletta
Soppalco
Sopraelevazione
Sostituto d’imposta
Sottotetto
Spese condominiali
Spese di conservazione
Spese di manutenzione
Spese gravose e voluttuarie
Spese sostenute con urgenza dal condòmino
Spese straordinarie
Sporti
Strade private o vicinali
Suolo e sottosuolo
Supercondominio



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario del Condominio
Ciascun condòmino può, senza autorizzazione dell’amministratore o dell’assemblea, sostenere le spese necessarie per la conservazione delle parti comuni dell’edificio, ma ha diritto al rimborso soltanto laddove le spese sostenute rivestano carattere di urgenza.
Il concetto di spese urgenti, cui si riferisce l’art. 1134 c.c., deve interpretarsi, secondo una consolidata opinione giurisprudenziale, con una certa larghezza ed elasticità, sì da ricomprendervi qualsiasi spesa che, secondo il criterio del bonus pater familias, appaia indifferibile al fine di evitare un possibile, anche se non certo ed imminente, nocumento alla cosa comune (si pensi, ad esempio, alle spese sostenute per rimuovere un pericolo effettivo alla stabilità o alla funzionalità dell’edificio).
Il condòmino, beninteso, non ha l’obbligo ma soltanto la facoltà di provvedere alle opere urgenti, anticipandone le spese. Il credito che egli matura nei confronti degli altri condòmini, per il recupero delle spese legittimamente anticipate, costituisce un credito di valuta e, in quanto tale, può dar luogo, in caso di mora, soltanto ad una pretesa risarcitoria che, ai sensi dell’art. 1224 c.c., si esaurisce nella misura degli interessi sulla somma dovuta, salvo la prova del maggior danno (Cass. 26-8-1996, n. 7834).
L’art. 1134 c.c. detta, in materia di spese per la cosa comune, una regola diversa da quelle operanti in materia di comunione e di gestione d’affari: il diritto al rimborso, infatti, è riconosciuto dall’art. 1110 c.c. al partecipante che, in caso di trascuranza degli altri partecipanti o dell’amministratore, abbia sostenuto spese necessarie (ancorché non urgenti) alla conservazione della cosa comune, ed analoga prerogativa viene riconosciuta dall’art. 2031 c.c. al gestore che si sia sobbarcato a spese necessarie o utili.
Alcuni hanno proposto, perciò, di interpretare estensivamente la nozione di urgenza; altri la assimilano alla nozione di necessità; altri ancora ritengono ammissibile l’azione di indebito arricchimento. L’interpretazione rigorosa appare, tuttavia, preferibile e ciò sia alla luce dei lavori preparatori, sia argomentando dalla diversa formulazione dell’art. 1134 c.c. rispetto all’art. 1110 c.c.
Peraltro, in presenza di spese non urgenti ma necessarie, il condòmino, in mancanza della prescritta autorizzazione, può sempre ricorrere all’assemblea o all’autorità giudiziaria.