Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span> 347 44 Funzionari promozione culturale Ministero Affari Esteri (Ripam - MAECI) - Manuale delle materie specialistiche<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1120 € 45,00</span>
M-D-M
M-Form
M1, M2, M3
MA
Maastricht
Macrodato
Macroeconomia
MAD
Maggioranza, paradosso della
Mali
Malinvaud, Edmond
Malthus, Thomas Robert
Malthusianesimo
Management
Manchesterismo
Manifesto di carico
Mano invisibile
Manovra di bilancio
Mansioni
Mantissa
Mappa d'indifferenza
Marca
Marché à terme des instruments financiers
Marginal cost pricing
Marginal lending facilities
Marginalismo
Margine delle fluttuazioni
Mark up
Market maker
Market oriented
Marketing
Marketing audit
Marketing concentrato
Marketing dei servizi
Marketing differenziato
Marketing indifferenziato
Marketing industriale
Marketing internazionale
Marketing mix
Marketing operativo
Marketing strategico
Markov, catena di
Markowitz, Harry
Marris, teoria dell'impresa di
Marshall - Lerner, condizione di
Marshall, Alfred
Marx, Karl
Marxisti
Massima verosomiglianza, metodo della
Massimale sugli impieghi
Massimi e minimi
Massimizzazione
Massimizzazione del profitto
Matematica finanziaria ed attuariale
Materie prime
MATIF
Matrice
Matrice delle varianze e covarianze
Matrice delle vendite
Matrice payoff
Maturità economica
Maximin
MBO
MCW
Meade, James Edward
Media
Media aritmetica
Media armonica
Media campionaria
Media geometrica
Media mobile
Media mobile [modello]
Media planning
Media ponderata
Mediana
Menger, Karl
Menu costs
Mercantilismo
Mercati contendibili
Mercati d'asta
Mercati efficienti, teoria dei
Mercati regolamentati
Mercato
Mercato a pronti
Mercato a termine
Mercato after hours
Mercato aperto
Mercato comune
Mercato comune bancario
Mercato Comune del Cono Sud dell'America Latina
Mercato comune europeo
Mercato dei cambi
Mercato dei capitali
Mercato del lavoro
Mercato di sportello
Mercato diretto
Mercato finanziario
Mercato grigio
Mercato interbancario
Mercato interno
Mercato italiano dei futures
Mercato locale
Mercato mobiliare
Mercato monetario
Mercato nero
Mercato non regolamentato
Mercato obbligazioni e titoli
Mercato parallelo
Mercato primario
Mercato privato
Mercato ristretto
Mercato secondario
Mercato telematico azionario
Mercato telematico dei contratti a premio
Mercato telematico dei covered warrant
Mercato telematico delle euro-obbligazioni
Mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato
Mercato telematico secondario dei titoli di Stato
Mercato valutario
Merce
Merchandising
Merchant bank
Merci a dogana
Merci a dogana controllata
Merci a licenza
MERCOSUR
Merit goods
Merton, Robert K.
MES
Meso-economia
Metodi di ricampionamento
Metodo Cross-validation
Metodo dei fattori chiave
Metodo dei minimi quadrati
Metodo dei momenti
Metodo della massima verosomiglianza
Metodo Delphi
Metodo Jackknife
Metodo Monte Carlo
Metzler, Lloyd
Mezzi di produzione
MIB
MIB 30
MIBTEL
Microdato
Microeconomia
Microimpresa
Midex
MIF
MIGA
Miglioramento paretiano
Mill, John Stuart
Miller, Merton
Mincomes
Minimax
Minimi quadrati, metodo dei
Minimizzazione
Minimo
Minimum tax
Ministero del bilancio e della programmazione economica
Ministero del commercio con l'estero
Ministero del tesoro
Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica
Ministero dell'economia e delle finanze
Ministero delle finanze
Minsky, Hyman P.
Mir
Mirless, James A.
Mises, Ludwig von
Mishan, Ezra
Mitbestimmung
MITI
Mobilità
Mobilità dei capitali
Mobilizzazione della riserva obbligatoria
Moda
Modalità
Modelli a ritardi distribuiti
Modelli ARIMA
Modelli armonici
Modelli cross-section
Modelli econometrici
Modelli lineari
Modelli linearizzabili
Modelli polinomiali
Modelli VAR
Modello
Modello deterministico
Modello di Cournot
Modello di Mundell-Fleming
Modello di oligopolio di Sylos-Labini
Modello di regressione
Modello di regressione multipla
Modello di regressione semplice
Modello di Stackelberg
Modello di sviluppo di Harrod
Modello di Tiebout
Modello di Williamson
Modello dinamico
Modello economico
Modello in forma ridotta
Modello in forma strutturale
Modello inglese
Modello Logit
Modello Probit
Modello statico
Modello statistico
Modello stocastico
Modello tedesco
Modigliani, Franco
Modigliani-Miller, teorema di
Moltiplicatore
Moltiplicatore degli investimenti
Moltiplicatore dei depositi
Moltiplicatore del credito
Moltiplicatore del gettito fiscale
Moltiplicatore della spesa pubblica
Moltiplicatore delle esportazioni
Momenti
Momenti, metodo dei
Moneta
Moneta ad alto potenziale
Moneta bancaria
Moneta commerciale
Moneta elettronica
Moneta legale
Moneta merce
Moneta precauzionale
Moneta segno
Moneta speculativa
Moneta sussidiaria
Moneta transattiva
Monetaristi
Monetizzazione del disavanzo pubblico
Monometallismo
Monopolio
Monopolio bilaterale
Monopolio fiscale
Monopolio legale
Monopolio naturale
Monopsonio
Montante
Monte Carlo, metodo
Monte salari
Monti di credito su pegno
Monti di pietà
Moody's
Morag, teorema di
Moral hazard
Morgenstern, Oscar
Mortalità, quoziente di
MOT
Movimenti di capitale
Movimento della popolazione
Movimento migratorio
MTA
MTM
MTS
Multicollinearità
Multidimensional scaling
Multifibre, accordo
Multilateral investment guarantee agency
Multilateralismo
Multinazionale
Mundell, Robert Alexander
Mutabili
Mutabilità, indici di
Mutua variabilità
Myrdal, Karl Gunnar




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Politica monetaria

Particolare politica economica (v.) tesa a regolare il livello della domanda aggregata attraverso un aumento o una diminuzione dell'offerta di moneta.
Non è sempre facile distinguere se una misura di politica economica rientra nella politica fiscale o in quella monetaria. In genere, si è soliti operare la distinzione sulla base di due diversi criteri: in base alle autorità che prendono la decisione o in base ai mercati che da tale decisione sono influenzati.
Secondo la definizione di Hansen (v.) la politica fiscale comprende ogni transazione governativa in tema di tasse, imposte, spesa pubblica che influenzi l'ammontare del debito pubblico ma non la sua composizione. Di conseguenza, è un atto di politica monetaria ogni decisione che riguardi la composizione del debito pubblico ma non il livello del suo ammontare.
In quanto parte della più generale politica economica, la politica monetaria ne condivide gli obiettivi di breve e lungo periodo (v. Obiettivi di politica economica). A volte, comunque, alla politica monetaria sono assegnati obiettivi specifici: ad esempio, al SEBC (v.), responsabile della politica monetaria dell'area dell'euro (v.), il Trattato di Maastricht (v.) assegna il compito di assicurare la stabilità dei prezzi.
Per strumenti della politica monetaria devono intendersi quelle variabili economiche sotto il diretto controllo della banca centrale (v.) e che possono essere manovrate tempestivamente per il raggiungimento degli obiettivi dell'azione monetaria. Essi sono in genere costituiti da:
base monetaria (v.); tramite il controllo dell'offerta di base monetaria la banca centrale regola anche la crescita dei depositi bancari grazie al meccanismo del moltiplicatore dei depositi (v.). Il controllo della componente interna della base monetaria (in pratica quella non derivante da un surplus della bilancia dei pagamenti) avviene tramite le operazioni di mercato aperto e le variazioni della riserva obbligatoria.
Le operazioni di mercato aperto (v.) consistono nell'acquisto (o nella vendita) di titoli di Stato: se la banca centrale vuole immettere liquidità nel sistema essa acquisterà titoli. Se invece l'obiettivo è quello di drenare liquidità (ovvero diminuire la base monetaria) la Banca venderà titoli.
Tramite le variazioni del coefficiente di riserva obbligatoria (v.) la banca centrale ha un controllo pressoché completo dell'offerta di moneta anche in un sistema in cui gran parte della moneta è costituita da moneta bancaria. Ad un coefficiente più elevato corrisponderà un moltiplicatore dei depositi più piccolo, cosicché minore sarà l'ammontare dei depositi bancari conseguente ad una variazione della base monetaria;
— i tassi d'interesse del mercato monetario;
— i controlli diretti (o amministrativi) sui flussi finanziari.
Rispetto al controllo della base monetaria ed alle variazioni dei saggi d'interesse, i controlli amministrativi del credito presentano il vantaggio di un'applicabilità più diretta, non mediata dal mercato. Nel lungo periodo, però, essi possono provocare effetti distorsivi sull'ottimale allocazione delle risorse finanziarie. In Italia, in particolare, sono stati adottati per qualche tempo il massimale sui prestiti bancari (v. Massimale sugli impieghi) ed il vincolo di portafoglio (v.).
Gli strumenti di volta in volta azionati dalle autorità monetarie non influenzano direttamente gli obiettivi perseguiti ma agiscono su variabili intermedie. Nella versione più semplice, un aumento dell'offerta di moneta (esogena) provoca una riduzione del tasso d'interesse (per l'accresciuta domanda di moneta speculativa) stimolando così gli investimenti e, di conseguenza, il reddito.
In sostanza, un aumento della quantità di moneta detenuta dalle banche provoca una riduzione del tasso d'interesse che incentiva la richiesta di credito da parte degli operatori economici; a sua volta un aumento del credito, ed in particolare il suo minor costo, potrebbero essere un fattore stimolante per l'intero sistema economico: facilitando un aumento degli investimenti e, in ultima analisi, facendo aumentare il livello del reddito di equilibrio.
Al contrario una politica monetaria restrittiva, facendo aumentare il tasso d'interesse (indice della scarsità di moneta nel circuito economico), scoraggia gli investimenti privati e quindi provoca una riduzione del reddito di equilibrio.
Nel grafico sono rappresentati gli effetti di una politica monetaria espansiva e restrittiva con l'ausilio del modello IS-LM (v.). Partendo da una posizione iniziale in cui il reddito è pari a Y0 ed il tasso d'interesse è i0, un aumento dell'offerta di moneta (da LMo a LM1) provoca una riduzione del tasso d'interesse (da i0 a i1) ed un aumento del reddito di equilibrio (da Y0 a Y1). Viceversa, una politica restrittiva (da LM0 a LM2) farà aumentare il tasso d'interesse (da i0 a i2) e diminuire il livello del reddito nazionale (da Y0 a Y2).
Questo schema semplificato di meccanismi di trasmissione della politica monetaria può essere raffinato tenendo conto della scuola delle scelte di portafoglio (v.) secondo cui la ricchezza detenuta da ciascun operatore è formata da un portafoglio di investimenti che includono attività liquide, titoli con diverse scadenze, beni reali ecc.
Una variazione della base monetaria, perciò, comporterà un progressivo aggiustamento dei portafogli degli operatori che sostituiranno le attività finanziarie a lungo termine con le attività reali (gli investimenti) a seconda dei rispettivi rendimenti.
Anche senza considerare che in questo modo la variazione della base monetaria deve compiere un processo abbastanza tortuoso prima di riflettersi sulle variabili reali, la politica monetaria può (in determinate circostanze) dimostrarsi inefficace.
Se, ad esempio, il tasso d'interesse è troppo basso e le previsioni degli operatori sono pessimistiche, vi sarà un'altissima preferenza per la liquidità (v.): gli operatori preferiranno cioè detenere una grande quantità di scorte liquide piuttosto che impiegarle nei processi produttivi o nell'acquisto di titoli.
In tale situazione la politica monetaria risulta inefficace in quanto la domanda di moneta è teoricamente infinita e, di conseguenza, il saggio d'interesse non può variare (v. Trappola della liquidità).
Studi empirici, inoltre, hanno rilevato una notevole asimmetria della politica monetaria: le manovre espansive, infatti, si sono dimostrate meno efficaci di quelle restrittive. Fra le possibili spiegazioni del fenomeno ricordiamo il razionamento del credito (v.) e il cd. effetto d'immobilizzo (v.).
A sua volta una politica monetaria restrittiva potrebbe risultare inefficace per due motivi:
— la liquidità bancaria. Se le banche hanno un eccesso di liquidità, l'efficacia di qualsiasi strumento monetario può essere vanificata utilizzando le scorte liquide detenute e non ancora utilizzate. In questo modo non vi sarà alcuna variazione nel volume del credito accordato dalle banche e, quindi, della liquidità immessa nel circuito economico;
— la velocità di circolazione della moneta (v.). Una riduzione della quantità di moneta presente nel sistema economico può essere bilanciata da un aumento della velocità di circolazione della stessa. Poiché in un sistema economico in qualunque momento vi sarà una parte del circolante detenuto in forma liquida (improduttiva), un aumento del saggio d'interesse, provocato da una politica monetaria restrittiva, indurrà i detentori di moneta ad immetterla nel circuito economico, aumentando la velocità di circolazione della stessa.