Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
P/E
Paasche, indice di
PAC
Packaging
Paga base
Palazzo Koch
Panel
Paniere dei beni e servizi
Pantaleoni, Maffeo
Parabancario
Paradiso fiscale
Paradosso del risparmio
Paradosso del valore
Paradosso della maggioranza
Paradosso di Allais
Paradosso di Giffen
Paradosso di Leontief
Paradosso di Scitovsky
Paradosso liberale
Parafiscalità
Parallel loan
Parametri di Maastricht
Parametro
Pareto, Vilfredo
Paris Interbank Offered Rate
Parità aurea
Parità centrale
Parità del potere d'acquisto
Parità mobili
Parità monetaria
Parità strisciante
Partecipazione statale
Partite correnti
Partite invisibili
Partizione
Partly paid
Passeggiata casuale
Passività verso l'estero
Patinkin, Don
Patrimonio
Patto Andino
Patto di stabilità e di crescita
Patto di stabilità interno
Patto sociale
Pay-back period
PAYE
PBC
Pendenza
Pensione
Percentile
Percussione dell'imposta
Perequazione
Perequazione tributaria
Performance bond
Periodo base
PERT
Perturbazioni
Pesi
Petrodollari
Phelps Brown, E. Henry
Phillips, curva di
Pianificazione aziendale
Pianificazione del prodotto
Pianificazione economica
Pianificazione familiare
Pianificazione fiscale
Piano Baker
Piano Brady
Piano d'impresa
Piano Dawes
Piano di campionamento
Piano di Colombo
Piano di marketing
Piano di produzione
Piano di vendita
Piano Keynes
Piano Marshall
Piano settoriale
Piano Vanoni
Piano White
Piano Williams
Piano Young
Piazza
Piazza degli affari
PIBOR
Piccola e media industria
Piccola impresa
Piena occupazione
Piggy back
Piggy back export schemes
Piggy back financing
Piggy back selling
Pigou, Arthur Cecil
Pigou, effetto di
PIL
PIM
PIN
Piramide dell'età
Piramide finanziaria
Plafond
Plain vanilla
Planning Programming Budgeting System
Plusvalore
Plusvalore assoluto
Plusvalore relativo
PMI
PNL
PNN
Polanyi, Karl
Poli di sviluppo
Politica Agricola Comune
Politica antinflazionistica
Politica commerciale
Politica comune nel settore dei trasporti
Politica dei redditi
Politica di bilancio
Politica di coesione economica e sociale
Politica di concorrenza
Politica economica
Politica fiscale
Politica industriale
Politica monetaria
Politica monetaria dell’area euro
Political business cycle
Politiche comunitarie
Poll-tax
Ponzi, gioco di
Pool
Popolazione
Portafoglio
Portafoglio di mercato
Portafoglio prodotti
Porto franco
Posizione dominante
Posizione verso l'estero
Post-keynesiani
Post-test
Posted price
Postulati
Potenza del test
Potere d'acquisto
Potere di mercato
Potere liberatorio della moneta
Poteri bilanciati
PPBS
Preapertura
Predatory pricing
Preferenza per la liquidità
Preferenze
Preferenze ad angolo
Preferenze omotetiche
Preferenze rivelate
Preferenze well-behaved
Prelievi agricoli
Premio all'esportazione
Premio Nobel per l'economia
Premio o sconto della lira a termine
Pressione tributaria
Prestatore d'ultima istanza
Prestito
Prestito littorio
Prezzi al consumo, indice dei
Prezzi alla produzione, indice dei
Prezzi correnti
Prezzi costanti
Prezzi per le famiglie di operai e impiegati, indice dei
Prezzo
Prezzo amministrato
Prezzo comunitario
Prezzo d'entrata
Prezzo di domanda
Prezzo di esclusione
Prezzo di intervento
Prezzo di offerta
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prezzo politico
Prezzo pubblico
Prezzo relativo
Prezzo-ombra
Price leader
Price maker
Price taker
Price-cap
Price/earning ratio
Primary dealer
Prime rate
Principio d'inversione
Principio del beneficio
Principio del sacrificio
Principio della capacità contributiva
Private banking
Privatizzazione
Privatizzazione formale
Privatizzazione funzionale
Privatizzazione sostanziale
Probabilità
Probabilità dell'errore del I tipo (a)
Probabilità dell'errore del II tipo (b)
Problema principale-agente
Processi Gaussiani
Processo stocastico
Processo White Noise
Prodotti di base
Prodotto
Prodotto interno lordo
Prodotto interno netto
Prodotto netto
Prodotto potenziale
Product test
Produttività
Produttività marginale
Produttività media
Produttività ponderata
Produttività totale
Produzione
Produzione a flusso continuo
Produzione congiunta
Produzione di massa
Produzione intermittente
Produzione standardizzata
Profitto
Programmazione economica e finanziaria
Programmazione matematica
Programmi integrati mediterranei
Progressione aritmetica
Progressione geometrica
Progressività dell'imposta
Progresso tecnico
Promozione delle vendite
Pronti contro termine
Propensione
Propensione al consumo
Propensione al rischio
Propensione al risparmio
Propensione all'importazione
Proposizione di Lucas-Sargent-Wallace
Proprietà degli stimatori
Protezionismo
Prova
Prove bernoulliane
Prove ripetute
Prove sequenziali
Proxy
Psycological price
Pubblica amministrazione
Pubblicità
Pubblicità comparativa
Public choice
Public company
Public relations
Public utilities
Punti dell'oro
Punto di pareggio
Punto di Polonio
Punto franco
Putty-clay
Putty-putty
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Preferenza per la liquidità

Espressione utilizzata da J.M. Keynes (v.) per indicare i diversi motivi che spingono gli individui a conservare scorte monetarie, ed in seguito impiegata in riferimento all'intera teoria keynesiana della moneta (v.) che trova i suoi presupposti proprio nelle diverse funzioni attribuite dall'economista inglese e dai neoclassici (v.) alla moneta.
Per i neoclassici, infatti, l'unica funzione della moneta è quella di fungere da intermediario negli scambi; per Keynes invece la moneta ha anche un'altra funzione che gli economisti neoclassici di solito sottovalutano. La moneta in un sistema di mercato è anche ricchezza, è una riserva di valore. Chi possiede moneta può farla valere in ogni momento, può convertirla come vuole in questa o in quella merce. Il possesso della moneta procura il vantaggio della liquidità, poiché essa gode della proprietà di convertirsi all'istante in qualsiasi altro bene.
Secondo gli economisti neoclassici il bisogno di moneta, la domanda di scorte liquide che gli operatori trattengono presso di loro, è giustificato esclusivamente dal motivo delle transazioni (v. Moneta transattiva): poiché gli incassi ed i pagamenti non si verificano per tutti gli operatori nel medesimo istante, nel sistema economico vi sarà sempre una certa quota di moneta circolante.
Per Keynes, invece, gli operatori economici sono posti di fronte a due diverse scelte, da operare avendo a disposizione un certo reddito. Esse sono:
— fissare la quota del reddito disponibile da impiegare in consumi e quella destinata al risparmio;
— una volta operata tale scelta, decidere come impiegare il risparmio accumulato. Questo, infatti, può essere trattenuto in forma liquida oppure essere investito in qualche attività finanziaria. È chiaro che nel primo caso il vantaggio è quello di avere sempre una certa somma immediatamente disponibile che tuttavia non frutta alcun interesse ed è inoltre soggetta a deprezzamenti a causa dell'inflazione (v.). Nel secondo caso, pur producendo un certo interesse, la somma investita non può essere immediatamente disponibile in caso di necessità.
Mentre la prima decisione non è strettamente legata al saggio di interesse (il reddito di una famiglia serve in primo luogo a soddisfare le necessità quotidiane), la seconda ne è fortemente influenzata.
I motivi che spingono i soggetti economici a domandare moneta possono quindi essere distinti in:
transattivo, connesso alla mancanza di sincronia tra la periodicità degli incassi ed il ritmo quotidiano dei pagamenti. La quantità di moneta domandata per fini transattivi è evidentemente influenzata dal reddito (Y), poiché essa cresce all'aumentare delle entrate della famiglia;
precauzionale, ovvero la quantità di moneta che viene trattenuta per far fronte ad eventi incerti.
La maniera più diretta con cui imprese e famiglie possono far fronte ad eventi sfavorevoli e imprevedibili è accantonare una certa somma di moneta da utilizzare all'occorrenza.
Si può supporre che anche questa domanda dipenda direttamente dal reddito (Y) nazionale: quanto più una collettività è ricca, tanto più essa può permettersi di trattenere moneta per scopo precauzionale;
motivo speculativo, che riguarda in particolare i risparmiatori ed è legato all'opportunità di avere delle somme a disposizione per poter effettuare investimenti finanziari qualora lo si reputi conveniente.
Il movente speculativo è quello più importante per lo sviluppo dell'analisi keynesiana in quanto l'alternativa tra il detenere moneta infruttifera ed investirla, dipende, in questo caso, unicamente dal saggio d'interesse (i) corrisposto.
Keynes affermò che l'acquisto delle varie forme di attività finanziarie (depositi, buoni del Tesoro, obbligazioni, azioni ecc.) fosse influenzato dalle aspettative (v.) degli operatori circa il livello futuro dei tassi di interessi. Se il prezzo dei titoli infatti è alto (tasso di interesse basso) si determinerà la tendenza a vendere titoli ed a conservare moneta in forma liquida; d'altro canto se il prezzo dei titoli è basso (alto saggio di interesse) la tendenza sarà quella di comprare. In definitiva, il tesoreggiamento di moneta per scopi speculativi (v. Moneta speculativa) varierà con il tasso di interesse: quanto più basso sarà il saggio di interesse, tanto maggiore sarà l'ammontare di contante che il pubblico desidererà detenere.
La domanda di moneta (v.) può essere perciò sintetizzata nell'equazione:

MD = L1 (Y) + L2 (i)

dove la domanda di moneta (MD) è data dalla somma della domanda di moneta per scopi transattivi e precauzionali (L1) che sono influenzati dal reddito (Y) mentre la domanda di moneta per fini speculativi (L2) è influenzata dal saggio di interesse.
Poiché la domanda di moneta per motivi precauzionali e transattivi è generalmente stabile nel breve periodo (essendo influenzata dal reddito che è generalmente costante) ogni aumento dell'offerta di moneta (MS) dovrà essere assorbito dal movente speculativo. Nondimeno, ciò è possibile soltanto se il tasso di interesse è basso.
Nella figura è illustrato l'equilibrio sul mercato monetario dato dal punto di intersezione tra la retta dell'offerta di moneta (v.) MS1 che corrisponde ad una quantità di moneta in circolazione pari a OMS1 e la curva della domanda di moneta (MD); il tasso d'interesse che porta in equilibrio la domanda e l'offerta di moneta è, in questo caso, i1.
Se la Banca centrale acquista titoli sul mercato aperto, aumentando in tal modo la base monetaria, il prezzo dei titoli salirà e cadrà il saggio di interesse (da i1 a i2), se le aspettative degli operatori rimangono costanti.
Ad un certo livello del saggio d'interesse, però, ulteriori aumenti dell'offerta di moneta non avranno nessun effetto su questa variabile: nel grafico, ad una offerta MS3 continua a corrispondere un saggio di interesse i2. Keynes spiegava questa situazione di trappola della liquidità (v.) affermando che, quando il saggio d'interesse è molto basso, le aspettative sono tutte per un suo rialzo; di conseguenza, anche se la banca centrale continua ad acquistare titoli sul mercato aperto, troverà sempre speculatori disposti a vendere senza motivo, il saggio d'interesse rimarrà costante e l'offerta di moneta aggiuntiva verrà tesaurizzata in attesa di un rialzo dei tassi.