Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44 Compendio di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 272 € 22,00</span> 44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span>
D-M-D
Dati statistici
Dawes, piano
Dax
Dazi ad valorem
Dazi all'importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi d'esportazione
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Viti De Marco, Antonio
Deadline
Dear money
Debito consolidato
Debito d'imposta
Debito della Pubblica Amministrazione
Debito estero
Debito fluttuante
Debito pubblico
Debito pubblico allargato
Debito pubblico irredimibile
Debreu, Gérard
Decelerazione
Decentramento amministrativo e fiscale
Decentramento produttivo
Decili
Decision theory
Decision tree
Decisioni, teoria delle
Decollo
Deconglomerating
Decoupling
Deduzione
Deficit
Deficit pubblico
Deficit spending
Deficit strutturale
Deflatore implicito
Deflazione
Del Vecchio, Gustavo
Delphi
Demand-pull
Demanio
Dematerializzazione dei titoli di credito
Dematerializzazione della moneta
Democrazia
Demografia
Demonetizzazione
Demoskopea
Denaro
Denaro a buon mercato
Denaro caldo
Denaro elastico
Denaro fresco
Denison, Edward Fulton
Depletion allowance
Deporto
Deposito a risparmio
Deposito a vista
Deposito bancario
Deposito in conto corrente
Deposito postale
Deposito reale
Deposito vincolato
Depressione
Deprezzamento
Depth interview
Deregulation
Derivata
Derivati
Design
Design to cost
Despecializzazione bancaria
Despecializzazione del credito
Destagionalizzazione
Determinante
Detrazioni d'imposta
Deverticalizzazione
Devianza
Diagramma
Diagramma a barre
Diagramma a dispersione
Diagramma cartesiano
Diagramma circolare
Diagramma di redditività
Diagramma polare
Diagrammi di Venn
Dichiarazione tributaria
Dicotomia neoclassica
Differenza interdecile
Differenza interquartilica
Differenza prima
Differenza semplice media
Differenza stagionale
Differenza successiva
Differenze medie
Differenziale
Differenziale semantico
Differenziali salariali
Differenziazione del prodotto
Diffusione dell'imposta
Dilemma del prigioniero
Dilemma di Disneyland
Dils
Dimensione campionaria
Dimostrazione, effetto di
Dinamica economica
Dipendenza, teoria della
Dirigismo
Diritti di compensazione
Diritti di proprietà
Diritti doganali
Diritti speciali di prelievo
Diritto di conio
Disaggio
Disavanzo
Disavanzo nei pagamenti con l'estero
Disavanzo primario
Disavanzo pubblico
DISC
Discordanza
Discounted Cash Flow
Discriminazione dei prezzi
Discriminazione dei redditi
Diseconomie
Diseconomie di scala
Disequilibrio
Disincentivo
Disinflazione
Disintermediazione del credito
Disintermediazione finanziaria
Disinvestimento
Dismissione
Disoccupazione
Disoccupazione ciclica
Disoccupazione frizionale
Disoccupazione involontaria
Disoccupazione strutturale
Disoccupazione tecnologica
Disoccupazione volontaria
Disoccupazione, saggio naturale di
Dissaving
Distorsione
Distorsione statistica
Distretto industriale
Distribuzione
Distribuzione campionaria
Distribuzione commerciale
Distribuzione congiunta
Distribuzione degenere
Distribuzione del reddito
Distribuzione doppia
Distribuzione funzionale
Distribuzione integrata
Distribuzione personale
Distribuzione unimodale
Disutilità
Dit
Dittatura del proletariato
Diversificazione
Diversificazione a macchia d'olio
Diversificazione conglomerale
Diversificazione finanziaria
Diversificazione territoriale
Diversione degli scambi
Dividendo
Dividendo fiscale
Divisa
Divisia
Divisione del lavoro
Divisione internazionale del lavoro
Divorzio Bankitalia/Tesoro
Dobb, Maurice Herbert
Documento amministrativo unico
Documento di programmazione economica e finanziaria
Dogs
Dollar gap
Dollar glut
Dollar premium
Dollar standard
Dollaro
Domanda
Domanda ad angolo
Domanda aggregata
Domanda compensata
Domanda di mercato
Domanda di moneta
Domanda individuale
Domanda, curva di
Domar, Evsey David
Domestic credit expansion
Domestic currency swap
Doppia forbice
Doppia imposizione
Doppio mercato dei cambi
Dorfman, Robert
Douglas, Paul Howard
Dow Jones
Downs, Anhony
Doxa
DPEF
Drawback
Drenaggio fiscale
DSP
Dual income tax
Dualismo economico
Duesenberry, James
Dumping
Duopolio
Duopolio di Bertrand
Duopolio di Cournot
Duopsonio
Duration
Duty free shop




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Principio del sacrificio

Principio mediante il quale l'operatore pubblico stabilisce la capacità contributiva (v.) dei soggetti economici. Più precisamente, la capacità contributiva viene determinata collegandola al concetto di sacrificio in termini di riduzione dell'utilità di un soggetto economico a seguito dell'introduzione di un'imposta.
Esistono tre formulazioni diverse del principio del sacrificio:
il principio dell'uguale sacrificio assoluto, la cui prima elaborazione si deve a J.S. Mill (v.) che prevede che l'imposta debba colpire ogni contribuente in modo uguale, riducendone cioè l'utilità nella stessa misura. Il tipo d'imposta da applicare varia a seconda della forma della funzione di utilità marginale (v.) del reddito: se questa risulta costante affinché si rispetti il principio del sacrificio assoluto si dovrà applicare un'imposta regressiva (v.). Se invece la funzione dell'utilità marginale è decrescente allora bisognerà stabilire il tipo di imposta da applicare in relazione alla variazione del reddito;
il principio dell'uguale sacrificio proporzionale, stabilisce che l'imposta deve generare una perdita di utilità proporzionale all'utilità totale derivante dal reddito di ogni contribuente. Tale principio rende più semplice la scelta dell'imposta che assicura un'equa ripartizione del carico tributario; infatti, ciò che in questo caso dovrà risultare uguale è il rapporto tra l'utilità sottratta e l'utilità del reddito;
il principio dell'uguale sacrificio marginale, definito spesso anche come principio del sacrificio minimo, stabilisce che l'utilità marginale del reddito in seguito all'introduzione di un'imposta deve essere uguale per tutti i contribuenti. Ciò significa che, data una funzione di utilità marginale non costante del reddito, un prelievo uguale in termini di reddito comporta, per differenti livelli di reddito, diversi sacrifici in termini di utilità. Questo sacrificio è, però, sempre maggiore via via che ci si sposta da redditi elevati a redditi più bassi.


Analisi grafica del principio del sacrificio


Graficamente i principi enunciati possono essere rappresentati nel modo seguente:

a) Principio dell'uguale sacrificio assoluto

Vedi grafico
.

Stabilito che sull'asse delle ascisse sia indicato il livello di reddito (Y) mentre sulle ordinate la sua utilità marginale (Umg), in base al principio dell'utilità marginale decrescente, abbiamo che data la relazione intercorrente tra Y e Umg ad un certo livello (OY1) di reddito, corrisponde il livello di utilità marginale (Y1A); ad un livello superiore di reddito (OY2), si avrà il livello Y2D di utilità marginale, e così via.
Supponiamo che su qualunque individuo venga prelevata un'imposta di ammontare CY1, poiché l'utilità totale sacrificata è data dall'area Y1 CBA il valore di essa dovrebbe risultare uguale per tutti gli individui (l'imposta dovrebbe provocare sacrifici uguali).
Una volta stabilito che l'utilità marginale del reddito sia uguale per tutti, si può confrontare la situazione di un soggetto con volume di reddito OY1 con quella di un altro individuo con volume di reddito OY2 (pari al doppio di OY1) avremo dunque:

OY2 = 2OY1

Volendo applicare la condizione del sacrificio uguale bisogna anzitutto tracciare un segmento (FY2) tale che l'area Y2 FED risulti uguale a quella Y1CBA. Ne consegue che OY2 ha un reddito pari al doppio di OY1, ma paga l'imposta FY2 che nel nostro caso (data la particolare decrescenza dell'esempio grafico) è pari al triplo di CY1 (al reddito doppio corrisponde un'imposta tripla).
In conclusione questo principio — a seconda dell'andamento delle curve di indifferenza — può risultare soddisfatto sia da un'imposta progressiva, sia da una proporzionale sia, addirittura, da un'imposta regressiva.

b) Principio dell'uguale sacrificio proporzionale

Da punto di vista grafico il principio può essere così rappresentato:

Vedi grafico


come si vede dalla figura, ciò che in questo caso deve risultare uguale per tutti gli individui è il rapporto tra l'utilità sottratta e l'utilità totale del reddito, ossia tra ABCD e ODCE.

c) Principio dell'uguale sacrificio marginale

Vedi grafico
.

Guardando il grafico, e posto che AB = CD si nota che un prelievo uguale in termini di reddito comporta, per differenti livelli di reddito, diversi sacrifici in termini di utilità. Questo sacrificio è, però, sempre maggiore via via che ci si sposta da redditi elevati a redditi più bassi.
A queste condizioni, dunque, le imposte dovrebbero essere pagate solo dagli individui ricchi, mentre i poveri non dovrebbero affatto pagarle.