Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44 Compendio di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 272 € 22,00</span> 44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span>
Early warning system
ECA
Eccedenza
Eccesso di domanda
Eccesso di offerta
Eckstein, Otto
Eco-auditing
Ecofin
Econometria
Economia aperta
Economia chiusa
Economia collettivista
Economia contadina
Economia corporativa
Economia del benessere
Economia dell'offerta aggregata
Economia delle donazioni
Economia di baratto
Economia di comando
Economia di guerra
Economia di mercato
Economia di Robinson Crusoe
Economia illegale
Economia informale
Economia mista
Economia monetaria
Economia non osservata
Economia normativa
Economia politica
Economia positiva
Economia pubblica
Economia socialista
Economia sommersa
Economia volgare
Economic Community of West African States
Economic Cooperation Administration
Economie di scala
Economie esterne
ECOWAS
ECU
Edgeworth, Francis Ysidro
Edgeworth-Marshall
Effetti economici delle imposte
Effetto
Effetto a cascata
Effetto aggancio
Effetto alone
Effetto Averch-Johnson
Effetto d'imitazione
Effetto d'immobilizzo
Effetto di annuncio
Effetto dimostrazione
Effetto Duesenberry
Effetto J
Effetto Keynes
Effetto King
Effetto paratasse
Effetto Pigou
Effetto reddito
Effetto ricchezza
Effetto Roosa
Effetto sostituzione di Hicks
Effetto sostituzione di Slutsky
Effetto Tanzi-Olivera
Efficacia
Efficienza
Efficienza allocativa
Efficienza marginale del capitale
Efficienza produttiva
Efficienza statistica
Efficienza X
EFTA
Einaudi, Luigi
Elaborazione dei dati
Elasticità
Elasticità dell'offerta
Elasticità della domanda
Elasticità incrociata
Elasticità inversa, regola della
Eliminazione senza costo
Elisione dell'imposta
Elusione fiscale
EMA
Embargo
Emissione del debito pubblico
Emissione di moneta
Emissione, istituto di
Enclave
Enclosure
Engel, Christian Lorenz
Engel, legge di
Ente creditizio
Ente di gestione
Ente di settore
Ente no-profit
Ente pubblico
Ente pubblico economico
Ente pubblico locale
Entire agreement
Entrata
Entrate extratributarie
Entrate pubbliche
Entrate tributarie
Entrepôt
Entropia di Shannon
Eonia
Equazione dello scambio
Equazione di Cambridge
Equazione di Hall
Equazione di Slutsky
Equazioni simultanee
Equilibrio cooperativo
Equilibrio del consumatore
Equilibrio del mercato
Equilibrio della bilancia dei pagamenti
Equilibrio di impresa
Equilibrio di Nash
Equilibrio di portafoglio
Equilibrio di sottoccupazione
Equilibrio economico
Equilibrio economico dinamico
Equilibrio economico generale
Equilibrio economico parziale
Equilibrio economico statico
Equilibrio non cooperativo
Equilibrio walrasiano
Equiprobabilità
Equità orizzontale
Equità verticale
Equivalenza ricardiana
Erario
Erosione della base imponibile
ERP
Error profile
Errore
Errore campionario
Errore del I tipo
Errore del II tipo
Errore di rilevazione
Errore extracampionario
Errore quadratico medio
Errori ed omissioni
Esenzione fiscale
Esercito industriale di riserva
Esponenziale
Esportazioni
Esportazioni di capitale
Esternalità
Estrapolazione
Estrazione
Estrazione con ripetizione
Estrazione di titoli
Estrazione senza ripetizione
Età dell'oro
Eteroschedasticità
Euratom o CEEA
Euribor
Euro
Euro-11
Euro-12
EURO-MOT
Eurobbligazioni
Eurocheque
Euroclear
Eurodivise
Eurodollari
Euroequities
Euromercato
European currency unit
European free trade association
European Recovery Program
Euroscudi
Eurosim
Eurosistema
Eurostat
Evasione fiscale
Eventi incompatibili
Eventi indipendenti
Eventi necessari
Evento
Evento certo
Evento composto
Evento elementare
Evento impossibile
Ex ante
Ex opzione
Ex post
Ex-Im Bank
Exclave
Expenditure switching policies
Export-led recovery
Extraprofitto




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Principio del sacrificio

Principio mediante il quale l'operatore pubblico stabilisce la capacità contributiva (v.) dei soggetti economici. Più precisamente, la capacità contributiva viene determinata collegandola al concetto di sacrificio in termini di riduzione dell'utilità di un soggetto economico a seguito dell'introduzione di un'imposta.
Esistono tre formulazioni diverse del principio del sacrificio:
il principio dell'uguale sacrificio assoluto, la cui prima elaborazione si deve a J.S. Mill (v.) che prevede che l'imposta debba colpire ogni contribuente in modo uguale, riducendone cioè l'utilità nella stessa misura. Il tipo d'imposta da applicare varia a seconda della forma della funzione di utilità marginale (v.) del reddito: se questa risulta costante affinché si rispetti il principio del sacrificio assoluto si dovrà applicare un'imposta regressiva (v.). Se invece la funzione dell'utilità marginale è decrescente allora bisognerà stabilire il tipo di imposta da applicare in relazione alla variazione del reddito;
il principio dell'uguale sacrificio proporzionale, stabilisce che l'imposta deve generare una perdita di utilità proporzionale all'utilità totale derivante dal reddito di ogni contribuente. Tale principio rende più semplice la scelta dell'imposta che assicura un'equa ripartizione del carico tributario; infatti, ciò che in questo caso dovrà risultare uguale è il rapporto tra l'utilità sottratta e l'utilità del reddito;
il principio dell'uguale sacrificio marginale, definito spesso anche come principio del sacrificio minimo, stabilisce che l'utilità marginale del reddito in seguito all'introduzione di un'imposta deve essere uguale per tutti i contribuenti. Ciò significa che, data una funzione di utilità marginale non costante del reddito, un prelievo uguale in termini di reddito comporta, per differenti livelli di reddito, diversi sacrifici in termini di utilità. Questo sacrificio è, però, sempre maggiore via via che ci si sposta da redditi elevati a redditi più bassi.


Analisi grafica del principio del sacrificio


Graficamente i principi enunciati possono essere rappresentati nel modo seguente:

a) Principio dell'uguale sacrificio assoluto

Vedi grafico
.

Stabilito che sull'asse delle ascisse sia indicato il livello di reddito (Y) mentre sulle ordinate la sua utilità marginale (Umg), in base al principio dell'utilità marginale decrescente, abbiamo che data la relazione intercorrente tra Y e Umg ad un certo livello (OY1) di reddito, corrisponde il livello di utilità marginale (Y1A); ad un livello superiore di reddito (OY2), si avrà il livello Y2D di utilità marginale, e così via.
Supponiamo che su qualunque individuo venga prelevata un'imposta di ammontare CY1, poiché l'utilità totale sacrificata è data dall'area Y1 CBA il valore di essa dovrebbe risultare uguale per tutti gli individui (l'imposta dovrebbe provocare sacrifici uguali).
Una volta stabilito che l'utilità marginale del reddito sia uguale per tutti, si può confrontare la situazione di un soggetto con volume di reddito OY1 con quella di un altro individuo con volume di reddito OY2 (pari al doppio di OY1) avremo dunque:

OY2 = 2OY1

Volendo applicare la condizione del sacrificio uguale bisogna anzitutto tracciare un segmento (FY2) tale che l'area Y2 FED risulti uguale a quella Y1CBA. Ne consegue che OY2 ha un reddito pari al doppio di OY1, ma paga l'imposta FY2 che nel nostro caso (data la particolare decrescenza dell'esempio grafico) è pari al triplo di CY1 (al reddito doppio corrisponde un'imposta tripla).
In conclusione questo principio — a seconda dell'andamento delle curve di indifferenza — può risultare soddisfatto sia da un'imposta progressiva, sia da una proporzionale sia, addirittura, da un'imposta regressiva.

b) Principio dell'uguale sacrificio proporzionale

Da punto di vista grafico il principio può essere così rappresentato:

Vedi grafico


come si vede dalla figura, ciò che in questo caso deve risultare uguale per tutti gli individui è il rapporto tra l'utilità sottratta e l'utilità totale del reddito, ossia tra ABCD e ODCE.

c) Principio dell'uguale sacrificio marginale

Vedi grafico
.

Guardando il grafico, e posto che AB = CD si nota che un prelievo uguale in termini di reddito comporta, per differenti livelli di reddito, diversi sacrifici in termini di utilità. Questo sacrificio è, però, sempre maggiore via via che ci si sposta da redditi elevati a redditi più bassi.
A queste condizioni, dunque, le imposte dovrebbero essere pagate solo dagli individui ricchi, mentre i poveri non dovrebbero affatto pagarle.