Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44 Compendio di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 272 € 22,00</span> 44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span>
Raccolta del risparmio
Radice quadrata, formula della
Raggruppamenti strategici
Ragioni di scambio
Ragnatela
Ramsey, regola di
Rapporto benefici-costi
Rapporto di concentrazione
Rappresentanza Sindacale Aziendale
Rappresentanza Sindacale Unitaria
Rappresentazioni grafiche
Rata
Rating
Rational partisan theory
Rawls, John
Razionalità
Razionamento del credito
Reaganeconomics
Real balance effect
Realizzazione
Recessione
Recinzioni
Reciprocità
Reciproco
Reddito
Reddito disponibile
Reddito nazionale
Reddito permanente
Reddito pro-capite
Reddito, effetto di
Redevances
Redistribuzione del reddito
Reengineering
Reflazione
Regimi doganali
Regionale, analisi economica
Regione critica
Regione critica ottimale
Regione di accettazione
Regione di rifiuto
Regola aurea
Regola d'origine
Regola dell'elasticità inversa
Regola di Corlett e Hague
Regola di Ramsey
Regola di Tinbergen
Regolamentazione
Regressione
Regressività
Regulatory capture
Reichsmark
Relazioni industriali
Relazioni pubbliche
Relazioni umane
Rendimenti decrescenti, legge dei
Rendimenti di scala
Rendimento
Rendita
Rendita assoluta
Rendita del consumatore
Rendita di posizione
Rendita differenziale
Rendita italiana
Rendita mineraria
Rentenmark
Repo
Reporting
Reservation wage
Reserve tranche
Residual claimant
Residuo
Resistenza
Restituzione dell'esportazione
Retail price index
Rete di vendita
Reticolo
Retribuzione
Retta di bilancio
Retta di regressione
Rialzista
Ribassista
RIBOR
Ricampionamento
Ricardo, David
Ricardo-Barro, teorema di equivalenza di
Ricavo
Ricavo marginale
Ricavo medio
Ricavo totale
Ricavo unitario
Ricchezza
Ricchezza, effetto di
Ricerca di marketing
Ricerca di mercato
Ricerca e sviluppo
Ricerca operativa
Riconversione industriale
Ricorso al mercato
Riduzione d'imposta
Riforma agraria
Riforma tributaria
Rilevazione statistica
Rimessa
Rimozione dell'imposta
Ripresa
Ripresa drogata
Ripudio del debito pubblico
Rischio
Rischio di cambio
Risconto
Riserva bancaria
Riserva obbligatoria
Riserva valutaria
Riserva volontaria
Riserve ufficiali
Risorse esauribili
Risorse naturali
Risparmio
Risparmio automatico
Risparmio forzato
Risparmio pubblico
Risparmio volontario
Ristagno
Ristrutturazione
Rivalutazione monetaria
Rivitalizzazione
Rivoluzione agraria
Rivoluzione dei prezzi
Rivoluzione industriale
Rivoluzione verde
Robbins, Lionel Charles
Robertson, Dennis Holme
Robinson, Joan Violet
Robustezza
Roll-back
Rome Interbank Offered Rate
Roosa bonds
Roosa, effetto
Rostow, Walt Whitman
Roy, identità di
Royalty
RPI-X
RPT
RSA
RSU




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Principio del sacrificio

Principio mediante il quale l'operatore pubblico stabilisce la capacità contributiva (v.) dei soggetti economici. Più precisamente, la capacità contributiva viene determinata collegandola al concetto di sacrificio in termini di riduzione dell'utilità di un soggetto economico a seguito dell'introduzione di un'imposta.
Esistono tre formulazioni diverse del principio del sacrificio:
il principio dell'uguale sacrificio assoluto, la cui prima elaborazione si deve a J.S. Mill (v.) che prevede che l'imposta debba colpire ogni contribuente in modo uguale, riducendone cioè l'utilità nella stessa misura. Il tipo d'imposta da applicare varia a seconda della forma della funzione di utilità marginale (v.) del reddito: se questa risulta costante affinché si rispetti il principio del sacrificio assoluto si dovrà applicare un'imposta regressiva (v.). Se invece la funzione dell'utilità marginale è decrescente allora bisognerà stabilire il tipo di imposta da applicare in relazione alla variazione del reddito;
il principio dell'uguale sacrificio proporzionale, stabilisce che l'imposta deve generare una perdita di utilità proporzionale all'utilità totale derivante dal reddito di ogni contribuente. Tale principio rende più semplice la scelta dell'imposta che assicura un'equa ripartizione del carico tributario; infatti, ciò che in questo caso dovrà risultare uguale è il rapporto tra l'utilità sottratta e l'utilità del reddito;
il principio dell'uguale sacrificio marginale, definito spesso anche come principio del sacrificio minimo, stabilisce che l'utilità marginale del reddito in seguito all'introduzione di un'imposta deve essere uguale per tutti i contribuenti. Ciò significa che, data una funzione di utilità marginale non costante del reddito, un prelievo uguale in termini di reddito comporta, per differenti livelli di reddito, diversi sacrifici in termini di utilità. Questo sacrificio è, però, sempre maggiore via via che ci si sposta da redditi elevati a redditi più bassi.


Analisi grafica del principio del sacrificio


Graficamente i principi enunciati possono essere rappresentati nel modo seguente:

a) Principio dell'uguale sacrificio assoluto

Vedi grafico
.

Stabilito che sull'asse delle ascisse sia indicato il livello di reddito (Y) mentre sulle ordinate la sua utilità marginale (Umg), in base al principio dell'utilità marginale decrescente, abbiamo che data la relazione intercorrente tra Y e Umg ad un certo livello (OY1) di reddito, corrisponde il livello di utilità marginale (Y1A); ad un livello superiore di reddito (OY2), si avrà il livello Y2D di utilità marginale, e così via.
Supponiamo che su qualunque individuo venga prelevata un'imposta di ammontare CY1, poiché l'utilità totale sacrificata è data dall'area Y1 CBA il valore di essa dovrebbe risultare uguale per tutti gli individui (l'imposta dovrebbe provocare sacrifici uguali).
Una volta stabilito che l'utilità marginale del reddito sia uguale per tutti, si può confrontare la situazione di un soggetto con volume di reddito OY1 con quella di un altro individuo con volume di reddito OY2 (pari al doppio di OY1) avremo dunque:

OY2 = 2OY1

Volendo applicare la condizione del sacrificio uguale bisogna anzitutto tracciare un segmento (FY2) tale che l'area Y2 FED risulti uguale a quella Y1CBA. Ne consegue che OY2 ha un reddito pari al doppio di OY1, ma paga l'imposta FY2 che nel nostro caso (data la particolare decrescenza dell'esempio grafico) è pari al triplo di CY1 (al reddito doppio corrisponde un'imposta tripla).
In conclusione questo principio — a seconda dell'andamento delle curve di indifferenza — può risultare soddisfatto sia da un'imposta progressiva, sia da una proporzionale sia, addirittura, da un'imposta regressiva.

b) Principio dell'uguale sacrificio proporzionale

Da punto di vista grafico il principio può essere così rappresentato:

Vedi grafico


come si vede dalla figura, ciò che in questo caso deve risultare uguale per tutti gli individui è il rapporto tra l'utilità sottratta e l'utilità totale del reddito, ossia tra ABCD e ODCE.

c) Principio dell'uguale sacrificio marginale

Vedi grafico
.

Guardando il grafico, e posto che AB = CD si nota che un prelievo uguale in termini di reddito comporta, per differenti livelli di reddito, diversi sacrifici in termini di utilità. Questo sacrificio è, però, sempre maggiore via via che ci si sposta da redditi elevati a redditi più bassi.
A queste condizioni, dunque, le imposte dovrebbero essere pagate solo dagli individui ricchi, mentre i poveri non dovrebbero affatto pagarle.