Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span>
Back spread
Back-to-back credit
Bain, Joe
Banca
Banca centrale
Banca Centrale Europea
Banca Centrale Nazionale
Banca commerciale
Banca d'affari
Banca d'Interesse Nazionale
Banca d'Italia
Banca dei Regolamenti Internazionali
Banca di credito cooperativo
Banca etica
Banca Europea degli Investimenti
Banca Internazionale d'Investimento
Banca Internazionale di Cooperazione Economica
Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo
Banca mista
Banca mondiale
Banca popolare
Banca specializzata
Banca universale
Bancaria, scuola
Banche comunitarie
Banche dichiaranti alla banca dei regolamenti internazionali
Banche extracomunitarie
Banche nazionali
Banche secondarie
Banconota
Bancor
Bank Charter Act
Bank of England
Banking school
Banque de France
Baran, Paul Alexander
Baratto
Barone, Enrico
Barriera doganale
Barriera non tariffaria
Barriera tariffaria
Barriere all'entrata
Barro, Robert J.
Barro, teorema di
Barter
Base aurea
Base imponibile
Base monetaria
Baumol, William
Bayes, Thomas
BCE
BCN
Bear
Becker, Gary Stanley
Bedaux, sistema di
Beggar my neighbour policy
Behaviorismo
BEI
BEN
Benefici accessori
Beneficio
Beneficio marginale sociale
Benelux
Benessere
Benessere economico netto
Beni complementari
Beni concorrenti
Beni demaniali
Beni di club
Beni di Giffen
Beni diretti
Beni discreti
Beni economici
Beni finali
Beni inferiori
Beni meritori
Beni necessari
Beni patrimoniali
Beni pubblici
Beni rifugio
Beni strumentali
Beni succedanei
Bernoulli
Bernoulli [variabile casuale]
BERS
Bertrand, modello di
BICE
Big bang
Big push
Big Six
Biglietti di banca
BII
Bilancia commerciale
Bilancia dei pagamenti
Bilancia valutaria
Bilancio consuntivo
Bilancio d'esercizio
Bilancio dello Stato
Bilancio di pieno impiego
Bilancio di previsione
Bilancio pluriennale
Bilateralismo
Bimetallismo
Bimetallismo zoppo
BIN
Binomiale
Biometria
BIRS
Bisogni
Bisogni collettivi
Bisogni individuali
Bisogni indotti
Bisogni primari
Bisogni saziabili
Bisogni secondari
BLUE
Blue chips
BOC
Bohm-Bawerk, Eugen von
Boicottaggio
Bonds
Books runner
Boom
Bootstrap
Borsa Italiana S.p.A.
Borsa merci
Borsa nera
Borsa o borsa valori
Borsa telematica
Borsa valori
Borsa, contratti di
Borsino
BOT
Bought deals
Box e Cox
Box-Plot
Brain storming
Brand image
Break-even point
Bresciani Turroni, Costantino
Bretton Woods
Breve periodo
BRI
Briefing
Broker
BTE
BTP
BTP futures
Buchanan, James M.
Budget
Bull
Bull and bear bonds
Bullionismo
Bund
Bundesbank
Buoni del Tesoro in Ecu
Buoni del Tesoro Poliennali
Buoni Ordinari Comunali
Buoni Ordinari del Tesoro
Buoni postali fruttiferi
Burocrazia
Business game
Business plan
Buy-back
Buyers' market
By-product




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Privatizzazione

Procedimento mediante il quale un'azienda, dapprima gestita da un soggetto pubblico, viene restituita all'iniziativa imprenditoriale privata. Generalmente le aziende interessate dal fenomeno della privatizzazione sono state in passato oggetto di nazionalizzazione (v.).
Obiettivo di tale procedimento, in genere, è quello di:
— reperire risorse per il bilancio dello Stato;
— aumentare l'efficienza dell'apparato produttivo sostituendo alla gestione pubblica (caratterizzata da altre priorità, ad esempio di natura sociale o politica) una gestione privatistica (tesa al conseguimento del profitto).
L'ondata di privatizzazioni che negli atti Ottanta e Novanta ha interessato i paesi dell'Europa Occidentale è stata determinata soprattutto dalle pressanti esigenze di bilancio. In questi casi le privatizzazioni si sono realizzate mediante la trasformazione in società per azioni degli enti di gestione delle partecipazioni statali, degli enti pubblici economici e delle aziende autonome statali.
Il fine di bilanciare le opposte esigenze di ridurre l'ingerenza dello Stato nell'impresa privatizzata e, al tempo stesso, di salvaguardare i diritti della collettività sono stati raggiunti in modo diverso in Francia ed in Gran Bretagna.
Tipicamente inglese è il sistema della golden share (v.): il socio pubblico è titolare di un'azione speciale che permette al governo di avere l'ultima parola in una serie di frangenti rilevanti per l'impresa privatizzata.
In Francia, invece, lo Stato ha favorito la creazione di un nocciolo duro (v.) di azionisti fidati per rendere stabile il capitale delle aziende collocate in Borsa.
Nelle ex-economie socialiste, invece, si è seguito in genere un altro procedimento per rendere possibile il passaggio all'economia di mercato: ai cittadini sono stati distribuiti gratuitamente tagliandi (vouchers) per l'acquisto di azioni di singole imprese messe in vendita.
In Italia il processo di privatizzazione ha preso avvio con la Legge 35 del 1992 che prevedeva due fasi per il progressivo ritiro dello Stato dalla sfera economica:
— trasformazione in società per azioni degli enti pubblici economici, degli enti di gestione e delle aziende autonome;
— dismissione delle azioni detenute dallo Stato nelle società derivanti dalla trasformazione.
In seguito il procedimento di trasformazione in S.p.A. degli enti pubblici economici e di dismissione delle azioni detenute dallo Stato è stato ampiamente modificato (L. 359/92 e 202/93).
Il nuovo procedimento di privatizzazione si articola nei seguenti passaggi fondamentali:
a) è stata disposta direttamente la trasformazione in S.p.A. dell'Istituto per la ricostruzione industriale (IRI), dell'Ente nazionale idrocarburi (ENI), dell'Istituto nazionale di assicurazione (INA) e dell'Ente nazionale per l'energia elettrica (ENEL);
b) il Ministro del tesoro predispone un programma di riordino e privatizzazione da sottoporre al Presidente del Consiglio;
c) il programma viene quindi inviato alle competenti Commissioni permanenti del Parlamento per la formulazione di un parere non vincolante entro i termini regolamentari;
d) il programma, dopo la formulazione del parere delle Commissioni o l'inutile decorso dei termini previsti, viene approvato dal Consiglio dei Ministri e diviene esecutivo;
e) il CIPE può deliberare la trasformazione in società per azione degli altri enti pubblici economici, qualunque sia il loro settore di attività.
Per le modalità di dismissione le vie normativamente indicate rispecchiano le scelte economiche e politiche cui la privatizzazione deve essere finalizzata secondo l'esecutivo.
La legge prevede due possibili vie: l'alienazione mediante offerta pubblica di vendita (v. OPV) delle azioni e la cessione sulla base di trattative dirette con i potenziali acquirenti. Non è escluso il ricorso ad entrambe le procedure.
Per quanto riguarda le aziende autonome dello Stato, il processo di privatizzazione ha comportato le seguenti trasformazioni:
— le Ferrovie dello Stato e le Poste sono state dapprima trasformate in ente pubblico economico, quindi in S.p.A. a capitale pubblico;
— l'ANAS è stato trasformato in ente pubblico economico;
— l'Azienda di Stato per i Servizi Telefonici (ASST) è stata soppressa ed i suoi beni sono confluiti, dopo vari passaggi, nella Telecom.