Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
IP5 Ipercompendio Diritto Civile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 320 € 16,00</span> 5/3 Compendio di Istituzioni di Diritto Privato (Diritto Civile)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIII, pag. 672 € 21,00</span> 5 Manuale di Istituzioni di Diritto Privato (Diritto Civile)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXVI, pag. 896 € 30,00</span> E1   Codice Civile Esplicato spiegato Articolo per Articolo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIV, pag. 2336 € 48,00</span> 504/4 Codice Civile e di Procedura Civile e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXXII, pag. 1632 € 25,00</span>
N.A.S.
N.A.T.O.
Nascita
Nascituro
Nasciturus pro iam nato habetur, si de eius commodo agitur
Naturalia negotii
Nave
Navetta
Nazionalità
Nazionalizzazione
Nazione
Nazioni Unite
Ne bis in idem
Necessità
Negatoria
Negligenza
Negotiorum gestio
Negotium mixtum cum donatione
Negozio giuridico
Nemico
Neminem laedere
Nemini res sua servit
Nemo plus iuris ad alium transferre potest quam ipse habet
Nesso di causalità
Noleggio
Nome
Nominalistico
Nomofilachia
Non concorrenza
Non luogo a procedere
Non menzione della condanna
Non profit
Norma giuridica
Norme
Nota di iscrizione a ruolo
Nota di pegno
Nota di trascrizione
Nota integrativa
Notaio
Notificazione
Notizia di reato
Notorietà
Novazione
Novella
Nuclei antisofisticazione
Nucleo familiare
Nuda proprietà
Nulla-osta
Nullità
Nullum crimen, nulla poena sine lege
Numero legale
Numerus clausus
Nunciazione
Nuncius
Nuova opera


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Cessione (d. civ.)
È l'atto negoziale che realizza la successione a titolo particolare di un soggetto nella posizione giuridica di altro soggetto.
() dei beni ai creditori
È un contratto con cui il debitore incarica tutti o alcuni creditori di liquidare tutte o parte delle sue attività e di ripartirne tra di loro il ricavato, in soddisfacimento dei rispettivi crediti (art. 1977 c.c.).
Esso quindi consiste in un accordo preordinato al soddisfacimento dei diritti dei creditori vantaggioso anche per lo stesso debitore.
Con tale cessione, infatti, i creditori ottengono una somma più elevata di quella che avrebbero avuto in seguito ad una procedura esecutiva (individuale o concorsuale) ed in un tempo minore, mentre il debitore riesce ad evitare gli effetti di una esecuzione forzata.
() del contratto
È il negozio con cui si realizza la successione inter vivos a titolo particolare di un terzo nella posizione contrattuale di uno dei contraenti originari.
La (—) può avvenire soltanto in materia di contratti con prestazioni corrispettive [Contratto], fino a quando le relative prestazioni non siano state ancora eseguite.
In un contratto a prestazioni corrispettive ogni posizione negoziale è composta tanto da situazioni attive (es.: per l'acquirente nella compravendita il diritto ad ottenere la consegna della cosa), quanto da situazioni passive (es.: l'obbligo di pagare il prezzo). Mentre il trasferimento del credito non richiede l'assenso del debitore, controparte contrattuale, la cessione della situazione debitoria non è realizzabile senza il consenso del creditore. Di conseguenza, l'art. 1406 c.c. stabilisce che non si può sostituire un terzo nella propria posizione contrattuale senza il consenso della controparte.
Come nella (—) dei crediti, anche in questo caso il cedente è tenuto a garantire il nomen verum, ossia l'esistenza di un contratto valido. Se ha assunto anche la garanzia dell'adempimento del contratto, egli risponde come un fideiussore [Fideiussione] per le obbligazioni del contraente ceduto.
() del credito
È il negozio con il quale il creditore (cedente) trasferisce ad altro soggetto (cessionario) il proprio diritto di credito. La (—) del credito si realizza tramite contratto bilaterale tra il creditore cedente ed il nuovo creditore cessionario.
Tale contratto può avere una causa diversa: la (—) può essere, infatti, realizzata venditionis causa, solvendi causa, donandi causa.
Il cedente è tenuto a garantire al cessionario l'esistenza e la validità dell'obbligazione (cd. nomen verum: art. 1266 c.c.), non è invece tenuto a garantire la solvibilità del debitore, salvo che ne abbia assunto l'onere (cd. nomen bonum: art. 1267 c.c.) [Cessio pro solvendo].
Per la validità della (—), normalmente, non è necessaria l'accettazione od il consenso del debitore ceduto, al quale è solitamente indifferente adempiere all'uno o all'altro creditore.
Diversamente, l'efficacia della cessione nei confronti del debitore ceduto e nei confronti dei terzi è subordinata all'espletamento di taluni oneri.
Così la cessione è efficace:
— nei confronti del debitore ceduto (art. 1264 c.c.) quando è stata accettata dal debitore oppure gli è stata notificata; tuttavia, il debitore che paghi al cedente prima della notificazione della (—) non è liberato se si dimostri che egli era comunque a conoscenza della (—) stessa.
 Il debitore, in omaggio al principio per cui nessuno può trasferire più di quanto non abbia, può opporre al cessionario le stesse eccezioni che poteva opporre al cedente, e cioè eccezioni di natura personale (es.: pagamento già effettuato) o di natura reale (relative cioè alla validità ed efficacia del negozio);
— nei confronti dei terzi (art. 1265 c.c.). Se uno stesso credito è stato ceduto a più soggetti, l'acquisto si verifica solo a favore di chi, per primo, lo ha notificato al debitore o per primo ha ricevuto l'accettazione di questi, con atto di data certa.
() di crediti di impresa
[Factoring].