Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> 17/2 Prepararsi per l'esame di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 160 € 8,00</span>
Nessuna voce con la lettera J


A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico-Giuridico Romano
Recèptum arbìtrii

Il (—) era l’accettazione, da parte di un arbitro (scelto da due soggetti in lite in base ad un compromìssum), dell’incarico di procedere ad un arbitrato. In particolare l’arbitro si impegnava con il (—) ad emettere sententia per risolvere la controversia sottoposta al suo giudizio.
Le parti tra loro si impegnavano mediante reciproche stipulatiònes [vedi stipulàtio] al pagamento di una penale, se una di esse mancava di cooperare all’espletamento dell’arbitrato o non si atteneva alla decisione dell’arbitro: perciò si parlava di compromissum o di pecunia compromissa. La parte che infrangeva l’accordo ed agiva in giudizio si vedeva paralizzata l’azione dall’excèptio pàcti [vedi].
Poiché l’àrbiter non era impegnato dal compromissum (cioè dall’accordo delle parti volto ad affidare le decisioni delle controversie ad un giudizio arbitrale), occorreva la sua adesione ad assolvere il compito: una volta assunto l’obbligo, l’àrbiter poteva essere costretto a dìcere sententiam non mediante actio, ma mediante un ricorso al pretore, il quale poteva disporre la irrogazione di una multa o la pìgnoris càpio [vedi].