Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
Q-ind
Q-ratio
Q-regulation
Q-Tobin
Quadrato magico
Quadri intermedi
Quadro generale riassuntivo
Qualità totale
Quantili
Quantitativisti
Quartili
Quarto mondo
Quasi lineare
Quasi moneta
Quasi-rendita
Quaternario
Quesnay, François
Question marks
Questionario
Questione meridionale
Quota 90
Quota di mercato
Quotazione
Quotazione di Borsa
Quoziente
Quoziente di fecondità
Quoziente di mortalità
Quoziente di natalità
Quoziente di nuzialità




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Questione meridionale

Espressione riferita al divario (economico e sociale) che sussiste fra il Nord ed il Sud d'Italia ed alle iniziative volte a ridurre questo squilibrio.
La politica meridionalista, di scarso spessore e limitato impegno nella prima metà del secolo, acquistò maggiore consistenza a partire dagli anni '50 per effetto sia del rinnovato sviluppo economico sia dei numerosi fermenti nelle masse contadine (occupazione dei latifondi).
Venne così varata la Riforma agraria e fu istituita la Cassa per il Mezzogiorno (v.), con la funzione di erogare a favore delle Regioni contributi speciali, il cui stanziamento rientra tra i compiti dello Stato.
La Cassa, la cui durata era in origine limitata a 10 anni, è stata rifinanziata fino al 1984, anno in cui è stata posta in liquidazione. Successivamente parte dei compiti svolti dalla stessa sono stati attribuiti all'Agenzia per la promozione dello sviluppo del Mezzogiorno.
Il sostanziale fallimento della politica di interventi a favore del Mezzogiorno, che spesso si è risolta in un mero clientelismo, unito all'esigenza di uniformarsi alle politiche regionali della Comunità Europea (v. CE), hanno portato nell'arco di pochi anni ad abbandonare la politica di intervento straordinario a favore del Mezzogiorno. La prima legge che ha completamente demolito l'impianto costruito nell'immediato dopoguerra è stata la L. 488/92, che ha formalmente soppresso l'Agensud e riordinato o posto in liquidazione gli altri enti che erano preposti alla gestione dell'intervento straordinario nel Mezzogiorno come il Formez, l'Insud, la Finam, la Fime e lo Iasm.
La stessa legge ha completamente ribaltato la filosofia di intervento straordinario nelle aree arretrate del Paese, estendendo i medesimi principi a tutte le zone a sviluppo ritardato della nazione e non più soltanto a quelle del Mezzogiorno, anche se è evidente che saranno queste ultime le maggiori beneficiarie.
Con il varo del decreto di attuazione della suddetta legge (D.Lgs. 96/93) si è poi completata la fase di transizione dall'intervento straordinario all'intervento ordinario: non sono più previsti fondi destinati ad una particolare area geografica, in quanto la politica di sviluppo regionale è unica per tutto il territorio nazionale; spetta al Governo il compito di coordinarla con gli interventi comunitari ed individuare le aree del Nord, del Centro e del Sud in cui intervenire.