Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
Raccolta del risparmio
Radice quadrata, formula della
Raggruppamenti strategici
Ragioni di scambio
Ragnatela
Ramsey, regola di
Rapporto benefici-costi
Rapporto di concentrazione
Rappresentanza Sindacale Aziendale
Rappresentanza Sindacale Unitaria
Rappresentazioni grafiche
Rata
Rating
Rational partisan theory
Rawls, John
Razionalità
Razionamento del credito
Reaganeconomics
Real balance effect
Realizzazione
Recessione
Recinzioni
Reciprocità
Reciproco
Reddito
Reddito disponibile
Reddito nazionale
Reddito permanente
Reddito pro-capite
Reddito, effetto di
Redevances
Redistribuzione del reddito
Reengineering
Reflazione
Regimi doganali
Regionale, analisi economica
Regione critica
Regione critica ottimale
Regione di accettazione
Regione di rifiuto
Regola aurea
Regola d'origine
Regola dell'elasticità inversa
Regola di Corlett e Hague
Regola di Ramsey
Regola di Tinbergen
Regolamentazione
Regressione
Regressività
Regulatory capture
Reichsmark
Relazioni industriali
Relazioni pubbliche
Relazioni umane
Rendimenti decrescenti, legge dei
Rendimenti di scala
Rendimento
Rendita
Rendita assoluta
Rendita del consumatore
Rendita di posizione
Rendita differenziale
Rendita italiana
Rendita mineraria
Rentenmark
Repo
Reporting
Reservation wage
Reserve tranche
Residual claimant
Residuo
Resistenza
Restituzione dell'esportazione
Retail price index
Rete di vendita
Reticolo
Retribuzione
Retta di bilancio
Retta di regressione
Rialzista
Ribassista
RIBOR
Ricampionamento
Ricardo, David
Ricardo-Barro, teorema di equivalenza di
Ricavo
Ricavo marginale
Ricavo medio
Ricavo totale
Ricavo unitario
Ricchezza
Ricchezza, effetto di
Ricerca di marketing
Ricerca di mercato
Ricerca e sviluppo
Ricerca operativa
Riconversione industriale
Ricorso al mercato
Riduzione d'imposta
Riforma agraria
Riforma tributaria
Rilevazione statistica
Rimessa
Rimozione dell'imposta
Ripresa
Ripresa drogata
Ripudio del debito pubblico
Rischio
Rischio di cambio
Risconto
Riserva bancaria
Riserva obbligatoria
Riserva valutaria
Riserva volontaria
Riserve ufficiali
Risorse esauribili
Risorse naturali
Risparmio
Risparmio automatico
Risparmio forzato
Risparmio pubblico
Risparmio volontario
Ristagno
Ristrutturazione
Rivalutazione monetaria
Rivitalizzazione
Rivoluzione agraria
Rivoluzione dei prezzi
Rivoluzione industriale
Rivoluzione verde
Robbins, Lionel Charles
Robertson, Dennis Holme
Robinson, Joan Violet
Robustezza
Roll-back
Rome Interbank Offered Rate
Roosa bonds
Roosa, effetto
Rostow, Walt Whitman
Roy, identità di
Royalty
RPI-X
RPT
RSA
RSU




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Risparmio

Nell'accezione microeconomica (v. Microeconomia) è la destinazione di una parte della propria ricchezza attuale ad un uso diverso dal consumo (v.). In macroeconomia (v.), invece, si preferisce definire il risparmio come quella quota di reddito nazionale (v.) che, una volta detratte le tasse, non è consumata dalle persone o distribuita sotto forma di utili (v.) dalle società.
La domanda di risparmio proviene essenzialmente da:
famiglie; in tal caso si parla di prestiti al consumo, rivolti cioè alle famiglie che desiderano anticipare il consumo di ricchezza futura;
imprenditori; per i quali la richiesta di prestiti è finalizzata all'investimento nel processo produttivo.
L'offerta di risparmio, invece, proviene da vari settori (famiglie, imprese ecc.) e viene generalmente convogliata verso istituti di credito che, a loro volta, impiegano i fondi ottenuti concedendo crediti a coloro che domandano risparmio.
L'offerta di risparmio è determinata da:
— coloro che hanno un reddito superiore al proprio fabbisogno;
— coloro che accumulano risparmio in previsione di dover soddisfare bisogni futuri;
— coloro che vedono nel risparmio una fonte di reddito e lo accumulano per lucrare l'interesse.
Sul risparmio e sulle motivazioni che determinano le scelte degli operatori economici le scuole economiche hanno espresso diversi punti di vista.
Per Keynes (v.) il risparmio è una variabile residuale ed equivale a quella parte del reddito disponibile che non è stata spesa per consumi. In formula:

S = Y - C

dove S è il risparmio; Y il reddito nazionale e C la spesa per consumi. Poiché il risparmio è una variabile residuale, esso (come del resto il consumo) dipenderà dal reddito: sarà maggiore in corrispondenza di un reddito più elevato. In questo caso la propensione marginale al risparmio (cioè il rapporto tra la variazione del risparmio e la variazione del reddito) sarà crescente; a livelli di reddito molto bassi, infatti, l'individuo consumerà quasi completamente il suo reddito, mentre per livelli più alti egli risparmierà di più. Se il reddito è nullo, il risparmio è addirittura negativo, dal momento che esisteranno sempre consumi cui gli individui e la collettività non possono fare a meno.
Graficamente
(v.), quanto esposto, può rappresentarsi con la simbologia usata in precedenza.
Per i neoclassici (v.) ogni individuo sceglie contemporaneamente quanta parte del proprio reddito consumare e quanta destinare al risparmio. In altri termini, l'individuo rinuncia ad un consumo immediato in modo da incrementare attraverso il risparmio il suo reddito futuro e quindi, in definitiva, i suoi consumi futuri (v. Teoria del reddito permanente). Questa scelta tra consumo presente e consumo futuro dipende dalla prevedibile evoluzione (v. Aspettative razionali) che il reddito subirà negli anni a venire, dal grado di preferenza per i beni presenti e dal tasso d'interesse (v.).
L'orizzonte temporale su cui si muove il risparmiatore viene assunto come infinito.
Analoga nella sostanza, seppur riferita ad un arco di tempo limitato, è la teoria del ciclo vitale (v.), secondo cui ciascun individuo pianifica il risparmio in funzione della propria vita così da assicurarsi un reddito dignitoso anche per la vecchiaia.
Per quando riguarda la domanda di risparmio degli imprenditori, invece, secondo Keynes, essa è influenzata essenzialmente dal rapporto tra efficienza marginale del capitale (v.) e tasso d'interesse.
L'efficienza marginale del capitale, cioè quel tasso di sconto che rende il valore attuale (v.) dei ricavi uguale al costo iniziale sostenuto, è un valore importantissimo da considerare al momento di decidere un investimento. Se l'efficienza marginale prevista è maggiore del tasso d'interesse, all'imprenditore converrà realizzare il suo progetto d'investimento (v.). In caso contrario, per l'imprenditore risulterà più conveniente impiegare i suoi capitali nel risparmio acquistando titoli azionari o bancari.
I fattori che influiscono maggiormente sull'offerta di risparmio sono invece:
— il saggio d'interesse, in quanto si avrà una maggiore convenienza a prestare denaro quando l'interesse atteso è maggiore e viceversa;
— l'ammontare del reddito, poiché, ogni soggetto è disposto a prestare denaro soltanto se ha soddisfatto i suoi bisogni primari; se il suo reddito è appena sufficiente a questo scopo, non vi sarà risparmio per quanto alto possa essere il saggio d'interesse.