Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
326 Concorso ACI 305 posti varie qualifiche Area B e Area C - Manuale Completo per i 200 posti profilo Amministrativo e materie comuni agli altri profili - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 704 € 30,00</span> 54/20 Ultimissimi Pareri di Diritto Civile - Ultimissimi Pareri di Diritto Penale - Ultimissimi Atti Giudiziari Civile, Penale e Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >Ottobre 2019 XV, pag. 384 + 384 + 384 € 25,00</span> C101 KIT Codice Civile esteso (CM1) + Codice Penale esteso (CM3)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 2386 + 1824 € 170,00</span> CM1 Codice Civile Esteso<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 VIII, pag. 2386 € 88,00</span> 511/1 Quattro Codici Editio Minor - Civile e Procedura Civile - Penale e Procedura Penale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >Settembre 2019 XVI, pag. 1824 € 26,00</span> 54/4 Costruire un Atto Giudiziario Civile e Penale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IX, pag. 384 € 30,00</span>
C.A.F.
C.A.R.D.
C.C.I.A.A.
C.E.
C.E.C.A.
C.E.E.
C.G.I.L.
C.I.C.R.
C.I.D.
C.I.P.E.
C.I.S.A.L.
C.I.S.L.
C.I.S.NA.L.
C.N.E.L.
C.N.R.
C.O.N.I.
C.T.U.
Call center
Calunnia
Cambiale
Camera dei deputati
Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura
Camera di consiglio
Camera penale
Camere del lavoro
Camere in seduta comune
Campagna elettorale
Cancelleria
Cancelliere
Canone
Capacità
Caparra
Capitale sociale
Capitolati
Capo dello Stato
Capo di imputazione
Capostipite
Carabinieri
Carcerazione preventiva
Carenza di potere
Cariche elettive
Carichi pendenti
Carico fiscale
Carta
Carte dei servizi pubblici
Cartella di pagamento
Cartello
Casa di cura e di custodia
Casa familiare
Caschi blu
Casellario giudiziale
Caso fortuito
Cassa integrazione guadagni
Cassazione
Cassazione [ricorso per]
Cassetta di sicurezza
Catasto
Categorie protette
Catering
Causa
Causa legittima di prelazione
Causa petendi
Causalità
Cause di giustificazione
Cauzione
Censura
Centri di assistenza fiscale
Centri di servizio sociale
Centri per la formazione professionale
Centri per l’impiego
Certezza del diritto (teoria gen.)
Certificati
Certificato penale
Certificazione
Cessazione della materia del contendere
Cessio bonorum
Cessio pro soluto
Cessio pro solvendo
Cessione
Chiamata in causa
Chiamato all’eredità
Chirografari
Circolare
Circolazione
Circondario
Circonvenzione di persone incapaci
Circoscrizione
Circostanze
Citazione
Città metropolitana
Cittadinanza
Civilmente obbligato per la pena pecuniaria
Class action
Clausola
Clausola di sbarramento
Clemenza
Coalizione di Governo
Codice
Codice fiscale
Cognizione
Cognome
Coimputato
Cointeressenza
Collaboratore U.N.E.P.
Collaborazione coordinata e continuativa
Collaudo
Collazione
Collegio
Collettivizzazioni
Collocamento
Colonia agricola e casa di lavoro
Colpa
Colpevolezza
Colpo di Stato
Coltivatore diretto
Comando
Comitato
Comitato interministeriale
Comitato olimpico nazionale italiano
Comitato per il controllo sulla gestione
Comma
Commercio
Commessi
Commissari straordinari di Governo
Commissario di polizia
Commissione
Commissione europea
Commixtio sanguinis
Common law
Commorienza
Commutazione
Comodato
Comparizione in giudizio
Comparsa
Compensatio lucri cum damno
Compensazione
Competenza
Comportamento concludente
Comporto
Compossesso
Compravendita
Compromesso
Comproprietà
Computo dei termini
Comune
Comunicazione
Comunione
Comunità
Concentrazione di imprese
Concepito
Concepturus
Concertazione sociale
Concessionari della riscossione
Concessione
Conciliazione
Concordato
Concorrenza
Concorso
Concubinato
Concussione
Condanna
Condicio facti
Condicio juris
Condictio indebiti
Condizione
Condizioni generali di contratto
Condominio
Condono
Condotta
Conduttore
Conferenza
Conferimenti
Confessione
Confessoria
Confini tra Stati
Confisca
Conflitti
Confronto
Confusione
Congedo
Coniugio
Connessione
Consanguinei
Consenso informato
Conservatorie dei registri immobiliari
Consiglio
Consilium fraudis
CONSOB
Consorzio
Constatazione amichevole
Constitutum possessorium
Consuetudine
Consulenza tecnica
Consumatore
Contemplatio domini
Contenzioso tributario
Continenza di cause
Continuato
Conto corrente
Conto economico
Contrabbando
Contraddittorio
Contrattazione collettiva
Contratti bancari
Contratti della Pubblica Amministrazione
Contratto
Contravvenzione
Contribuente
Controesame
Controllo contabile
Controllo di legittimità costituzionale
Controllo giudiziario sulle società
Controllo nelle società di capitali
Controllo societario
Contumacia
Convalescenza dell’atto
Convalida
Convenuto
Convenzione
Conversione
Convivenza
Cooperativa
Copia autentica
Copyright
Corpo del reato
Corpo elettorale
Corporate governance
Corporativismo
Correzione delle sentenze
Corrispondenza
Corruzione propria
Corso concorso
Corte
Cosa
Cosa giudicata
Costituzione
Costituzione in mora
Costituzione [in giudizio]
Cottimo
Creazioni intellettuali
Credito
Credito privilegiato
Creditore
Criminalità organizzata
Crimini internazionali
Crisi di Governo
Cronaca
Cross-examination
Culpa in contrahendo
Culpa in eligendo
Culpa in vigilando
Cuneo fiscale
Curatela
Curatore
Custode
Custodia cautelare in carcere


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Clausola (d. civ.)
È un elemento del contratto: essa indica le singole disposizioni in cui si concreta l'accordo.
Generalmente, le (—) sono concordate dalle parti, ma l'art. 1339 c.c. prevede i casi di inserzione automatica ex lege, anche in sostituzione di (—) difformi apposte dalle parti.
Alcune (—) sono singolarmente disciplinate.
() compromissoria
È quella con la quale le parti, nel contratto che stipulano o in un atto separato, stabiliscono che le controversie (d'interpretazione o di esecuzione) nascenti dal medesimo siano decise da arbitri, purché si tratti di questioni che possano formare oggetto di compromesso (art. 2691 c.c.).
La (—) deve risultare da atto scritto a pena di nullità; se poi è inclusa in contratti tipo o in condizioni generali di contratto, per la sua validità è necessaria la specifica approvazione per iscritto, trattandosi di clausola vessatoria.
() di esclusiva
È inserita spesso nei contratti di somministrazione [Somministrazione (Contratto di)]:
— a favore del somministrante: il somministrato non può ricevere da altri prestazioni della stessa natura, né procurarsele con mezzi propri;
— a favore del somministrato: il somministrante non può eseguire ad altri, nella zona contemplata e per la durata del contratto, forniture della stessa natura.
Trattasi di un mezzo apprestato per contenere la concorrenza fra imprenditori e produce i suoi effetti per tutta la durata del contratto; parte della dottrina ritiene, pertanto, applicabile l'art. 2596 c.c.: necessità della forma scritta ad probationem e durata limitata a 5 anni.
() di esonero della responsabilità patrimoniale
È l'accordo diretto ad escludere o limitare la responsabilità del debitore in caso di inadempimento.
È nullo quando esclude o limita la responsabilità per dolo e colpa grave [Colpa] (art. 1229 c.c.) e nei casi in cui il fatto del debitore costituisca violazione di obblighi derivanti da norme di ordine pubblico.
() di gradimento
Patto aggiunto all'atto costitutivo di una società (art. 2355bis c.c.) volto a limitare l'alienazione delle azioni societarie. Le (—) di questo tipopossono ricondursi a tre principali categorie; si hanno, infatti, (—) di gradimento che:
— subordinano l'alienazione delle azioni al possesso, da parte dell'acquirente, di determinati requisiti soggettivi o oggettivi, la cui verifica è materia di accertamento da parte degli organi sociali, in specie del consiglio di amministrazione (con una valutazione vincolata e sindacabile dall'autorità giudiziaria, in caso di malafede o di abuso di potere ai danni del richiedente);
— subordinano genericamente l'alienazione delle azioni al benestare di un organo sociale;
— subordinano l'alienazione delle azioni ad un placet dell'assemblea o dei sindaci o degli amministratori: placet discrezionale e immotivato, che viene espressamente dichiarato insindacabile ed inappellabile.
L'art. 22 della L. 281/85, tuttavia, ha testualmente stabilito che sono inefficaci le (—) degli atti costitutivi di società per azioni, le quali subordinano gli effetti del trasferimento delle azioni al mero gradimento di organi sociali.
Con la riforma del 2003, il legislatore ha innovativamente stabilito che le (—), pur essendo in linea di principio inefficaci, tuttavia acquistano efficacia quando, in caso di diniego del placet:
— sia posto a carico della società o degli altri soci un obbligo di acquisto delle azioni oggetto del rifiutato trasferimento o sia fatto salvo il diritto di recesso del socio alienante;
— la limitazione al trasferimento risulti dal titolo.
() d'indicizzazione
È una particolare clausola che le parti possono inserire nel contratto al fine di evitare gli effetti negativi dell'applicazione del principio nominalistico [Obbligazione].
Infatti nelle obbligazioni pecuniarie il timore della svalutazione della moneta spinge le parti ad ancorare il valore della prestazione ad elementi certi e indiscutibili. Si fa, a questo proposito, riferimento a determinati indici, fra i quali, il prezzo di determinati beni (es.: grano), il valore di cambio di una determinata moneta straniera (es.: dollaro), oppure si precisa (es.: clausola oro) che la somma dovuta sarà equivalente al valore di una determinata quantità di oro al tempo del pagamento.
Di solito si utilizza anche la cd. clausola ISTAT in virtù della quale la prestazione pecuniaria è determinata e rivalutata con riferimento agli indici ISTAT dei prezzi al consumo.
() di prelazione societaria
Si tratta di una clausola che, nelle sue caratteristiche essenziali, ricalca il patto di prelazione [Prelazione], dal quale trae la denominazione.
Essa, infatti, consiste in una convenzione che impone al socio intenzionato a trasferire (in tutto od in parte) i titoli azionari in suo possesso, di offrirli preventivamente agli altri azionisti.
() d'uso
[Usi].
() penale
È un patto accessorio e sussidiario col quale le parti stabiliscono l'obbligo di pagare una determinata somma (cd. penale) nel caso di inadempimento (artt. 1382 ss. c.c.); essa, quindi, ha la funzione primaria di liquidare preventivamente i danni, ma rappresenta altresì una specie di pena per l'inadempimento, in quanto è dovuta indipendentemente dalla prova della esistenza stessa del danno (agevolando il creditore, che non deve dimostrare il pregiudizio subito).
Nonostante quest'ultima funzione, la legge, però, consente al giudice il potere di diminuire equamente l'ammontare della penale (art. 1384 c.c.); tale regola è, secondo la giurisprudenza, riconducibile al principio generale che reprime l'usura.
È necessario precisare che la previsione della (—) non attribuisce al debitore un diritto di scelta, nel senso che egli non è libero a suo piacimento di estinguere l'obbligo di prestazione pagando la somma prevista dalla (—), poiché il creditore conserva intatto il diritto alla esecuzione.
Diversa dalla penale per inadempimento è quella prevista per il semplice ritardo: quest'ultima ha la funzione di stimolare il debitore alla puntualità nell'adempimento.
() risolutiva espressa
È quella pattuizione con cui le parti prevedono che il contratto dovrà considerarsi risolto se una o più obbligazioni determinate non siano adempiute o siano adempiute secondo modalità diverse da quelle pattuite (art. 1456 c.c.).
È necessario che il contenuto della (—) sia sufficientemente preciso. Tuttavia, in presenza di una (—), la risoluzione [Risoluzione del contratto] non consegue automaticamente all'inadempimento, ma si verifica solo qualora la parte non inadempiente eserciti il diritto potestativo acquisito con la (—) e comunichi all'altra parte che intende avvalersi della (—).
() solve et repete
È una (—) con cui le parti stabiliscono che una di esse non può opporre eccezioni per evitare o ritardare la prestazione (art. 1462 c.c.).
Tale (—), per avere valore, se contenuta in condizioni generali di contratto e in contratti conclusi con moduli o formulari, deve essere specificamente approvata per iscritto, costituendo una (—) vessatoria.
Il legislatore ha previsto per essa i seguenti limiti (art. 1462 c.c.): la (—) solve et repete non ha effetto per le eccezioni di nullità, di annullabilità e di rescissione del contratto.
() vessatoria
È quella che impone particolari oneri ad uno dei contraenti. L'art. 1341 c.c. contiene una elencazione, considerata tassativa, di (—) vessatorie, disponendo, ai fini della loro efficacia, che esse siano approvate specificamente per iscritto se contenute in condizioni generali di contratto o in contratti conclusi con moduli o formulari.
A particolare tutela del consumatore è stato, da ultimo, emanato il Codice del consumo (D.Lgs. 206/2005), che sancisce l'inefficacia delle (—) abusive poste nei contratti (aventi ad oggetto la cessione di beni o la prestazione di servizi) conclusi tra consumatori e professionisti. Sono considerate (—) vessatorie le clausole che comportano una sproporzione tra diritti ed obblighi del contraente e clausole che alterano notevolmente l'iter di formazione del contratto [Consumatore (Tutela del)].