Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
SA
SAARC
Sacrificio, principio del
SADC
Saggio di rendimento
Saggio di variazione
Saggio marginale di sostituzione
Saggio marginale di trasformazione
Saggio naturale di disoccupazione
Saggio tecnico di sostituzione
Salari d'efficienza
Salario
Salario di riserva
Saldo netto da finanziare
Saldo normalizzato
Saldo primario
SAMA
Samuelson, Paul Anthony
SARP
Saturazione
Say, Jean Baptiste
Scala minima efficiente
Scala mobile
Scalata
Scambio
Scambio ineguale
Scambio volontario, teoria dello
Scarsità
Scarto
Scarto quadratico medio
Scatola di Edgeworth
Scatole cinesi
Scelte collettive
Scelte di portafoglio
Schiava di dazio
Scholes, Myron
Schultz, Theodore
Schumpeter, Joseph Alois
Scientific management
Scienza delle finanze
Sciopero
Scitovsky, Tibor
Sconto
Scorte
Scostamento semplice mediano
Scostamento semplice medio
Screening
Scuola austriaca
Scuola di Cambridge
Scuola di Chicago
Scuola di Losanna
Scuola di Manchester
Scuola di Stoccolma
Scuola matematica
Scuola storica
SEAQ
SEBC
SEC
SEC [Sistema europeo dei conti economici integrati]
Second best
Securitisation
Security and Exchange Commission
SEE
Segmentazione del mercato
Segreto statistico
SELA
Sellers' market
Selten, Reinhard
Sen, Amartya Kumar
Senescenza
Separabilità
Separatezza banca-industria
Serie storica
Serie territoriali
Serpente monetario
Serrata
Serrata di ritorsione
Servizi
Servizi accessori
Servizi d'investimento
Servizi finanziari
Servizi pubblici
Sette sorelle
Settore economico
Settore pubblico
Settore pubblico allargato
Settore statale
SFI
Sfruttamento
Sgravi contributivi
Sgravi fiscali
Shadow price
Share economy
Sharpe, William
Sherman Act
Shirking
SICAV
Signaling
Signoraggio
SIM
Simon, Herbert
Simplesso
Simulazione
Sindacato
Sindacato di comodo
Sinergia
Sintesi neoclassica
SISTAN
Sistema aureo
Sistema bancario
Sistema delle preferenze generalizzate
Sistema di Bedaux
Sistema economico
Sistema Economico Latino Americano
Sistema europeo dei conti economici integrati
Sistema Europeo delle Banche Centrali
Sistema monetario
Sistema monetario europeo
Sistema monetario europeo - 2
Sistema socio-tecnico
Sistema statistico nazionale
Sistema tributario
Sistemi
SITC
Skill evaluation
Slittamento salariale
Slump
Slutsky, equazione di
SME
SME-2
Smith, Adam
Smithsonian agreements
SNA
Socialismo
Socialismo di mercato
Società
Società a responsabilità limitata
Società di capitali
Società di gestione
Società di intermediazione mobiliare
Società di investimento a capitale variabile
Società di persone
Società Finanziaria Internazionale
Società in accomandita per azioni
Società in accomandita semplice
Società in nome collettivo
Società opulenta
Società per azioni
Società semplice
Soggetti economici
Soglia di divergenza
Solow, Robert
Sondaggio d'opinione
Sopra la pari
Sostenibilità del debito pubblico
Sostituzione
Sotto la pari
Sottoccupazione
Sottoconsumo
Sottoprove
Sottosviluppo
South Asian Association for Regional Cooperation
South Pacific Commission
South Pacific Forum
Southern Africa Development Community
Sovchoz
Sovranità del consumatore
Sovrappiù
Sovraprofitto
Sovrastruttura
Sovrimposta
Sovvenzione
Spazio campione
Spazio Economico Europeo
Spazio parametrico
SPC
Specializzazione bancaria
Specializzazione produttiva
Speculazione
Speranza di vita
Spesa pubblica
Spese correnti
Spese in conto capitale
SPF
Spiazzamento
Spillover
Spin off
Split run
Splitting
Sponsorizzazione
Spot markets
Spot price
Spread
Sraffa, Piero
STABEX
Stabilizzatori automatici
Stachanovismo
Stackelberg, Heinrich von
Stackelberg, modello di
Stadi di sviluppo
Staff
Stagflazione
Staggering
Stagionalità statistica
Stagnazione
Stand still
Stand-by
Standard and Poor's
Standard deviation
Standard Error
Standardizzazione
Standing facilities
Stanza di compensazione
Stars
Start up
Statica economica
Statistica
Statistica descrittiva
Stato assistenziale
Stato del benessere
Stato stazionario
Sterilizzazione della moneta
Sterlina
Steuerverein
Stigler, George Joseph
Stima
Stima, teoria della
Stimatore
Stimatore lineare
Stipendio
Stock
Stock exchange automated quotation
Stone, Richard
Stop and go
Strategia dominante
Stretta creditizia
Strumenti di politica economica
Strumenti finanziari
Struttura economica
Styling
Sufficienza
Sunspot equilibria
Supergame
Superprimary dealer
Supply side economics
Surplus del consumatore
Surplus del produttore
Surplus economico
Sussidio
Sussidio ad valorem
Sussidio globale
Sussistenza
Svalutazione monetaria
Sviluppo
Swap
Sweezy, Paul Malor
Switch-over
Sylos-Labini, Paolo
Sysmin
System of national accounts




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Salario

Remunerazione del fattore produttivo lavoro. In particolare, secondo una distinzione oggi in gran parte superata, il salario sarebbe la remunerazione spettante agli operai mentre, per gli impiegati, si dovrebbe parlare di stipendio.
Il salario può distinguersi in monetario (o nominale) e reale.
Il primo corrisponde alla quantità di moneta che il lavoratore riceve quale corrispettivo del suo lavoro, mentre il secondo è dato dalla quantità di beni e servizi acquistabili con il salario monetario.
Il salario reale è uguale al rapporto W/p tra il salario monetario W ed il livello dei prezzi p.
Secondo gli economisti classici (v.), il livello del salario era pari al valore delle merci e dei beni necessari a soddisfare i bisogni più urgenti del lavoratore e della sua famiglia (nutrimento, vestiario ecc.). Secondo quanto affermato da questa teoria, il prezzo del lavoro veniva così a dipendere dal livello delle spese di sussistenza in un certo momento; di conseguenza, aumentava o diminuiva se aumentavano o diminuivano i prezzi dei beni di sussistenza di una famiglia lavoratrice.
Anche per Marx (v.) il salario è sostanzialmente quello del minimo di sussistenza, ma inteso in senso sociale poiché dipendente dal contesto storico ed è influenzato dall'opera dei sindacati. Questi ultimi, tuttavia, devono confrontarsi con le innovazioni tecniche che, favorendo l'aumento della composizione organica del capitale (v.), cioè il rapporto fra capitale costante e capitale variabile, riduce la domanda di lavoro e crea le condizioni affinché l'esercito industriale di riserva (v.), i disoccupati, con le sue pressioni faccia cadere i livelli salariali.
Mentre gli autori classici, avevano posto l'accento sull'offerta di lavoro (il salario di sussistenza è, infatti, basato sul costo di riproduzione della forza-lavoro), altri autori, invece, si sono soffermati sull'analisi della domanda di lavoro elaborando la teoria denominata del fondo salari (v. Teoria del fondo salari). In pratica, la remunerazione viene calcolata dividendo il fondo salari (vale a dire il capitale disponibile per assumere i lavoratori) per il numero della popolazione salariata in cerca di lavoro. Si crea, così un tasso naturale di piena occupazione.
Questa teoria venne utilizzata per tentare di dimostrare l'inutilità di ogni azione sindacale volta a modificare il saggio generale dei salari.
Nell'analisi neoclassica (v. Neoclassici) il salario viene considerato come risultato dell'operare congiunto della domanda e dell'offerta. Si parte dall'analisi dei singoli soggetti e, ovviamente, si assume un mercato di concorrenza perfetta (v.) in cui, come in qualsiasi altro mercato, dall'incontro della domanda e dell'offerta si stabilisce un prezzo di equilibrio (il saggio di salario appunto). Più in particolare, la curva di domanda deve la propria inclinazione alla produttività marginale (v.) decrescente, e di conseguenza, l'impresa assumerà (domanderà) lavoratori fino al punto in cui il prezzo del fattore, il salario, eguaglierà il valore del suo prodotto fisico marginale. L'offerta, invece, è considerata crescente, ma si ipotizza che oltre un certo salario aumenti la propensione verso il tempo libero.
Se riportiamo sull'asse orizzontale il numero dei lavoratori e su quello verticale il livello del salario la posizione d'equilibrio (incontro tra domanda ed offerta) risulta trovarsi nel punto A. Nel grafico sono illustrate anche le ipotesi in cui non vi sia equilibrio sul mercato del lavoro (v.).
Se il salario è fissato al punto W1, cioè ad un livello inferiore a quello di equilibrio, la domanda di lavoro (C) è superiore all'offerta (B). Viceversa, se il salario è fissato al livello W2 la domanda di lavoro sarà fissata in un punto (D) dove risulta inferiore all'offerta.
Per la scuola neoclassica, dunque, il mercato del lavoro è sempre in grado di realizzare una posizione di equilibrio.
Keynes
(v.) pur accettando, in linea di massima, la funzione della domanda di lavoro delle imprese ipotizzata dagli autori neoclassici, non condivide l'idea della piena flessibilità dei salari. La sua curva dell'offerta di lavoro era, infatti, costruita partendo dall'ipotesi che i salari monetari fossero rigidi verso il basso, determinando così una diversa configurazione della curva di offerta di lavoro.
I motivi che spinsero l'economista inglese ad avanzare questa ipotesi sono essenzialmente due:
— in un'economia capitalistica matura, il salario non è determinato da una contrattazione individuale, ma è il risultato dell'azione dei sindacati che operano affinché non scenda sotto certi livelli;
— sul mercato del lavoro non vi è una grande mobilità di informazioni per cui un lavoratore disoccupato difficilmente accetterà una retribuzione più bassa di quella precedente.
Graficamente, l'ipotesi keynesiana e quella neoclassica sono illustrate in figura. Nel primo caso il salario è fissato al livello W1 per cui la curva dell'offerta di lavoro sarà decrescente fino a tale livello, oltre il quale, per l'ipotesi della rigidità dei salari nominali, non vi saranno più lavoratori disposti a prestare la propria opera ad un livello retributivo inferiore. Il punto A definisce l'equilibrio tra domanda ed offerta di lavoro; a tale punto corrisponde un numero di lavoratori occupati pari a N1.
Nell'ipotesi neoclassica della piena flessibilità dei salari e di una curva dell'offerta decrescente, il punto di equilibrio è rappresentato da B, cui corrisponde un numero di lavoratori occupati pari ad N.
Come si può facilmente notare, la rigidità dei salari provoca un aumento del numero di lavoratori disoccupati (o una diminuzione di quelli occupati) che nel nostro esempio equivale al segmento N1N (v. Equilibrio di sottoccupazione).
Le moderne teorie del salario tendono a porre l'accento sulle dinamiche tipiche di una società avanzata (preferenza per il tempo libero, dimissioni volontarie in presenza di buone prospettive di miglioramento della propria posizione ecc.).
In particolare, si è cercato di analizzare come reagisce l'offerta di lavoro al variare del salario. Secondo alcune analisi, ogni aumento salariale comporta due effetti contrastanti:
— un effetto sostituzione del tempo libero con il lavoro, per cui aumentando il salario aumenta anche l'offerta di lavoro;
— un effetto reddito, per cui pur lavorando meno l'individuo può conseguire un reddito addirittura maggiore.
È dunque possibile che, per livelli salariali abbastanza alti, la curva d'offerta diventi negativa. Proseguendo con questo ragionamento, alcuni ritengono che la curva d'offerta di lavoro abbia un andamento a Z. Più specificamente:
— se il salario è molto basso, l'offerta addizionale di ore-lavoro sarà più alta. Il bisogno spinge, infatti, a lavorare più ore per ottenere un reddito complessivo tale da poter assicurare alla famiglia un tenore di vita migliore;
— se il salario aumenta, l'offerta di lavoro tende a diminuire. Contrariamente all'ipotesi precedente, se aumenta il reddito non sarà necessario aumentare il ritmo del lavoro;
— se il salario aumenta ulteriormente, l'offerta tornerà a crescere. In questo caso la maggior quantità di lavoro prestata rende possibile il conseguimento di un tenore di vita superiore;
ogni successivo aumento del salario provoca una diminuzione dell'offerta di lavoro. Il tenore di vita acquisito gratifica il lavoratore, il quale non avrà alcuna incentivazione a lavorare ulteriormente godendosi il tempo libero ed il benessere che l'alto salario gli procura.