Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span> 347 44 Funzionari promozione culturale Ministero Affari Esteri (Ripam - MAECI) - Manuale delle materie specialistiche<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1120 € 45,00</span> 332 35 Funzionari Contabili Amministrazione Penitenziaria<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 42,00</span>
Haavelmo, teorema di
Haavelmo, Trygve
Haberler, Gottfried von
Hahn, Frank
Hall, equazione di
Hansen, A. Harvey
Hard money
Hard selling
Hard-ship clause
Harrod, modello di sviluppo di
Harrod, R. Forbes
Harsanyi, John
Hayek, Friedrich August von
Head hunting
Heckscher, Eli
Heckscher-Ohlin, teoria di
Hedging
Hell and heaven bonds
Hicks, John
High powered money
Hilferding, Rudolf
Hirschman, Albert Otto
Holding
Home banking
Homo oeconomicus
Hot money
Hotelling, Harold
House agency
Household economics
Human relations




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Scelte di portafoglio

Decisioni che caratterizzano il comportamento di chi desideri bilanciare, in maniera corretta, investimenti con diverso grado di liquidità (portafoglio).
Alla base delle scelte di portafoglio vi è l'ipotesi, proposta da Tobin (v.), che ogni operatore divida la sua ricchezza tra moneta (v.) e titoli.
Questo modello rappresenta il superamento della teoria keynesiana (v. Keynes) secondo cui gli agenti economici detengono ricchezza esclusivamente in titoli o in attività liquide (v. Preferenza per la liquidità).
Per Tobin il punto debole della tesi keynesiana sta nel fatto che il livello futuro del tasso di interesse, che governa la domanda di moneta (v.) per motivi speculativi, sia assunto come certo.
Se invece si considera, come in realtà accade, che le scelte di un investitore sono dettate dall'analisi di un ventaglio di rendimenti solo probabili e dalla propensione individuale al rischio, si perviene a risultati notevolmente diversi.
L'obiettivo, infatti, diventa quello di bilanciare al meglio investimenti ad alto rendimento (e di conseguenza più rischiosi) con investimenti che garantiscono una maggiore liquidità e sicurezza ma diano, com'è ovvio, un rendimento inferiore.
La percentuale di liquidità sul totale del portafoglio detenuto da un individuo sarà proporzionale alle necessità di cassa.
Differentemente dall'impostazione keynesiana, quindi, la teoria delle scelte di portafoglio ha sottolineato come lo spettro delle possibilità d'investimento non sia limitato alla semplice alternativa tra banconote e azioni.
L'approccio di Tobin ha trovato applicazione anche nella teoria dell'offerta di moneta (v.), dando origine alla c.d. new view.
Il modo di operare della politica monetaria viene dunque spiegato da questo schema teorico attraverso un progressivo aggiustamento dei portafogli degli operatori con conseguenti variazioni del prezzo dei titoli e quindi del loro rendimento. Infatti, un aumento della base monetaria (v.) attuato tramite acquisto sul mercato aperto provocherà un aumento della liquidità in possesso delle banche (che hanno venduto titoli) ed un apprezzamento dei titoli stessi (con conseguente riduzione del tasso di rendimento). Si innesca così un processo di sostituzione nel portafoglio delle banche (verranno acquistati altri titoli e concessi nuovi crediti ad un tasso più basso) ed in quello delle famiglie e delle imprese. I privati, in particolare, modificheranno il modo d'impiego della propria ricchezza in relazione ai nuovi rendimenti finanziari e, se vi è un sufficiente grado di sostituibilità, potranno anche rimpiazzare le attività finanziarie caratterizzate da rendimenti troppo bassi con beni reali. Il processo di adeguamento (aumento dei corsi e riduzione del rendimento) interesserà l'intero spettro delle attività finanziarie secondo i relativi rapporti di sostituibilità: più alto è il grado di sostituibilità fra attività finanziarie a lungo termine ed attività reali (investimenti), più efficace è l'azione di politica monetaria.