Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Campo
Capacità sinaptica
Carattere
Carenza
Carica psichica
Caso
Castrazione
CAT
Catalessia
Catarsi
Catatonia
Cattell, James Mckeen
Cattell-test 16 PF
Cenestesico
Censura
Centrale, sistema nervoso
Cerebrale
Cerebrale, emisfero
Cervelletto
Cervello
Charcot, Jean-Martin
Chomsky, Noam
Cibernetica
Ciclotimia
Claustrofobia
Cleptomania
Clima organizzativo
Coaching
Coazione
Cognitiva
Cognitive
Cognitivismo
Cognitivista
Cognitivo
Collettivo
Colloquio
Compensazione
Complesso
Comportamentismo
Comprensione
Compromesso
Compulsione
Compulsiva
Comunicazione
Comunità
Comunità terapeutica
Condensazione
Condizionamento
Condotta
Confabulazione
Conflitto psichico
Confronto sociale
Congruenza
Conscio
Consulenza
Contenimento
Contenuto latente/Contenuto manifesto
Controllo degli impulsi
Controtransfert
Conversione
Conversione
Convulsione febbrile
Convulsiva
Coordinazione
Coping
Coprofagia
Coprofilia
Coprofobia
Coprolagnia
Coprolalia
Coraggio
Corpo
Coscienza
Coscienza
Coscienza dell’Io
Costanza
Counseling
Criminologia
Cubo
Cue



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Corpo
Il c. viene inteso come una delimitata porzione di materia di massa e volume determinabile. Nella storia della filosofia, il problema mente-corpo ha riguardato la relazione e l'integrazione del funzionamento del corpo con i processi mentali in quanto ontologicamente diversi da esso (dualismo cartesiano, o delle sostanze) o possedenti proprietà differenti (dualismo delle proprietà). Nelle scienze cognitive classiche, dominate dalla metafora mente-computer e da un approccio funzionalista-computazionale allo studio della mente, lo studio del c. inteso come substrato delle funzioni cognitive è stato a lungo trascurato, tornando negli ultimi vent'anni al centro dell'interesse psicologico grazie alla convergenza, interna alle scienze cognitive denominate post-classiche, di ambiti di ricerca differenti, tra cui le neuroscienze cognitive, le reti neurali artificiali e la nuova robotica. In quanto fondamento della cognizione (si parla, in questo senso, di embodiment o embodied cognition), lo studio del c. si sta rivelando sempre più indispensabile per comprendere i processi cognitivi. Alcuni tra i maggiori apporti teorici che hanno prodotto tale interesse, in psicologia, per l'indagine relativa alla corporeità, sono: a) la teoria freudiana delle pulsioni; b) la fenomenologia; c) lo studio dello schema corporeo; d) la bioenergetica; e) la tipologia costituzionalista.
a) Nella teoria freudiana delle pulsioni il c. è inteso come luogo d'origine delle rappresentazioni su cui la psiche lavora. La pulsione nasce da una stimolazione corporea cui non ci si può sottrarre (fonte) e diviene la spinta costante verso un obiettivo (meta), corrispondente al soddisfacimento dello stato di eccitamento corporeo. Nel caso di un mancato o impossibile soddisfacimento della pulsione, questa può dare origine a conflitti psichici che, a livello corporeo, possono essere convertiti in sintomi somatici. La compiacenza somatica è la predisposizione corporea a tale trasposizione somatica.
b) Nell'approccio fenomenologico, a partire dalle teorizzazioni Husserl, viene operata una distinzione tra c. fisico (Krper) e c. vissuto (Leib): il primo è il c. come oggetto di conoscenza scientifica, un corpo-oggetto; il secondo è l'organismo vivente, che esperisce e che nell'esperienza costituisce il proprio mondo. Merleau-Ponty scriveva in proposito: Il corpo è il nostro mezzo per avere un mondo, e ancora: Io sono il mio corpo, volendo significare che il c. ha un ruolo centrale nel processo di acquisizione dell'identità e, più precisamente: non abbiamo il corpo ma siamo il corpo (Fenomenologia della Percezione, 1945). In anni recenti si è inaugurato un programma di ricerca interdisciplinare volto alla naturalizzazione della fenomenologia, che vede nell'integrazione tra l'approccio fenomenologico e le scienze cognitive la via per superare il problema mente-corpo e per studiare la mente a partire dal c. In questa prospettiva, il c. assume una duplice valenza: in quanto struttura fisica (Krper), può essere studiato come substrato fondante la cognizione; in quanto c. vissuto (Leib), le soggettive esperienze senso-motorie vanno ad integrare e ad interagire con la struttura fisica per dare origine ai processi cognitivi. L'unione tra struttura fisica, corpo vissuto e mondo costituito e intenzionato dall'esperienza soggettiva diviene dunque l'oggetto di studio di questo nuovo modo d'intendere la cognizione. Nella psichiatria ad orientamento fenomenologico, inoltre, l'analisi delle patologie psichiche viene operata a partire dalle soggettive modalità di strutturazione del mondo.
c) Per schema corporeo (Schilder) s'intende la rappresentazione che ognuno ha del proprio c. (immagine corporea) e della posizione del proprio c. nello spazio (modello posturale del c.; Head). Esso non si presenta solo come una serie di percezioni e sensazioni, ma è una costruzione attiva di modelli e schemi, è dunque una costruzione dinamica operata a partire dall'acquisizione di percezioni senso-motorie, spaziali e temporali, sin dalle prime fasi di vita, e che si affina nel corso del tempo fino a divenire compiuto verso i 12 anni di età, rimanendo (grazie alla notevole plasticità cerebrale) sempre modificabile in occasione di sopraggiunti deficit corporei. Nella definizione di Schidler, lo schema corporeo è un processo dinamico legato ad investimenti libidico-narcisistici ed oggettuali: la componente libidica, ad esempio, porterebbe a conferire rilevanza alla costruzione di schemi inerenti le zone erogene. Anche la socializzazione, tramite processi di identificazione e imitazione di modelli culturali o genitoriali, o tramite confronti con le immagini corporee altrui, apporta informazioni rilevanti durante la costituzione del proprio schema corporeo. Tra le patologie psicotiche concernenti lo schema corporeo vi è la dissociazione, ovvero il mancato riconoscimento di una parte del c. come propria. In tali casi di disgregazione dell'unità dell'immagine corporea, i pazienti proiettano la parte del c. dissociata fuori di sé, come fantasma; l'intervento psicoterapeutico dovrà dunque mirare a ristabilire la relazione con la parte rifiutata, reintegrandola nello schema corporeo. Nei casi di nevrosi che coinvolgono lo schema corporeo, i pazienti giungono a deformare tale schema: in questi casi, la psicoanalisi dovrà avere come scopo la riorganizzazione dinamica di uno schema sbagliato.
d) La bioenergetica è una tecnica d'integrazione psicofisica che mira, attraverso la consapevolezza del proprio c. e dei propri movimenti, a ristabilire i giusti legami tra tensione muscolare e risposta emotiva ed a superare, tramite esercizi fisici, massaggi e tecniche di respirazione uniti ad un'analisi caratteriale, eventuali blocchi energetici ed emotivi. In questo contesto, lo studio dell'espressione corporea di stati psicologici e di meccanismi difensivi è dunque fondamentale. La tecnica bioenergetica è stata elaborata da Reich, neuropsichiatra allievo di Freud, e poi sviluppata da Lowen a partire dall'ipotesi di una corrispondenza tra atteggiamento corporeo-muscolare e stato emotivo.
e) Secondo Kretschmer è possibili suddividere gli individui in categorie caratteriali — predisposte ad alcuni tipi di malattia mentale — studiandone la conformazione corporea. A partire dall'osservazione di personalità patologiche e dai relativi indici morfologici, propose quindi quattro tipi di categorie: tipo picnico-ciclotimico, tipo leptosomico-schizotimico, tipo atletico-vischioso, tipo displasico.