Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span> 347 44 Funzionari promozione culturale Ministero Affari Esteri (Ripam - MAECI) - Manuale delle materie specialistiche<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1120 € 45,00</span> 332 35 Funzionari Contabili Amministrazione Penitenziaria<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 42,00</span>
Haavelmo, teorema di
Haavelmo, Trygve
Haberler, Gottfried von
Hahn, Frank
Hall, equazione di
Hansen, A. Harvey
Hard money
Hard selling
Hard-ship clause
Harrod, modello di sviluppo di
Harrod, R. Forbes
Harsanyi, John
Hayek, Friedrich August von
Head hunting
Heckscher, Eli
Heckscher-Ohlin, teoria di
Hedging
Hell and heaven bonds
Hicks, John
High powered money
Hilferding, Rudolf
Hirschman, Albert Otto
Holding
Home banking
Homo oeconomicus
Hot money
Hotelling, Harold
House agency
Household economics
Human relations




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
SME-2

Meccanismo di cambio tra l’euro (v.) e le monete degli Stati non partecipanti alla valuta europea.
Il nuovo accordo di cambio, che ha sostituito lo SME (v.), è stato definitivamente approvato nel corso del Consiglio europeo di Amsterdam del 16 giugno 1997 e ha lo scopo di evitare che le monete non partecipanti all’euro possano deprezzarsi svantaggiando indirettamente le altre economie, nonché di favorire il loro graduale avvicinamento alla moneta unica.
I punti cardine dell’accordo, che a partire dal 1999 disciplina i rapporti tra l’euro e le valute dei paesi membri non partecipanti, sono tre:
— la fissazione dei tassi di cambio (v.) delle monete non partecipanti rispetto all’euro, con una banda di oscillazione pari a ± 15%. Tra le monete escluse possono essere stabiliti margini di oscillazione più ristretti;
— per poter partecipare allo SME-2 (partecipazione che avviene su base volontaria) è necessario un accordo tra i ministri degli Stati partecipanti all’euro, i ministri e i governatori degli Stati non partecipanti e la Banca centrale europea (v. BCE);
— il sostegno alle monete partecipanti eventualmente oggetto di manovre speculative è garantito (in modo automatico e illimitatamente) anche dalla Banca centrale europea. Questa ha comunque la facoltà di sospendere le azioni di cooperazione qualora risultino in contrasto con l’obiettivo principale della Banca, che è quello di garantire la stabilità monetaria tra i paesi euro.
L’accordo politico sullo SME-2 è stato successivamente perfezionato con l’accordo tra la Banca centrale europa e le banche centrali degli Stati non aderenti all’euro del 1° settembre 1998.
Con il vertice dei ministri finanziari tenutosi a Vienna il 26 settembre sono stati conclusi gli accordi per l’adesione della Danimarca e della Grecia, gli unici Stati che hanno espresso la volontà di agganciare le loro monete all’euro tramite lo SME-2. A partire dal 4 gennaio 1999 si è decisa la partecipazione al nuovo accordo di cambio della corona danese, per la quale è stata stabilita una banda di oscillazione del ± 2,25%, e della dracma greca, alla quale è stata attribuita una banda di oscillazione del ± 15%. Quest’ultima valuta, dal 1° gennaio 2001, partecipa alla terza fase dell’UEM.