Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Cabinet
Cadi
Calvinismo
Camera apostolica
Camera dei Comuni
Camera dei fasci e delle corporazioni
Camera dei Lords
Camerario (o Camerlengo)
Campo di maggio (o di marzo
Campoformio
Cancellarius
Cancelleria
Cancelleria apostolica
Cancelleria di Stato
Cancelleria [Corte della]
Cancelliere
Cancelliere dello Scacchiere
Cancelliere federale
Canone
Capetingi
Capitanata
Capitaneus
Capitaneus feudale
Capitano del popolo
Capitolare
Capitolazione
Capitudini
Capitula et ordinationes curiae maritimae nobilis civitatis amalphae
Capitula legibus addenda
Capitula per se scribenda
Capitulare Italicum
Cardinale Deusdedit
Caristicario
Carlo Alberto
Carlo di Tocco
Carlo Emanuele III
Carlo Felice
Carlo I d’Angiò
Carlo II d’Angiò
Carlo II il Calvo
Carlo III di Borbone
Carlo Magno (o Carlo I Magno)
Carlo V d’Asburgo
Carolina
Carolingi
Carroccio
Carta de logu
Carta del lavoro
Cartesianesimo (o Cartesianismo)
Cartesio
Cartulario tou sakellíou
Cartularium
Case law
Casellario giudiziale
Casus
Casus foederis
Catapano (o catepano)
Catasto
Cateau-Cambrésis
Catepanato d’Italia
Cattaneus
Cattolicità
Causidico
Cautelae
Cavalleria
Cawarfidae
Cento anni
Certiorari
Cervidio Scevola
Cesarismo
Cesaropapismo
Chancery
Charta
Chartularium langobardicum
Chindasvindo
Cino Sighibuldi da Pistoia
Cipolla
Cisalpina
Cispadana
Citazioni
Citramontani
Cittadinanza
Civil Law
Clan
Clementinae
Clodoveo
Code d’instruction criminelle
Code Napoléon
Code pénal del 1810
Codex
Codex Gai veronensis
Codex iuris canonici
Codice
Codice albertino
Codice civile del 1865
Codice civile del 1942
Codice di commercio del 1882
Codice di diritto canonico
Codice di procedura civile del 1865
Codice di procedura penale del 1865
Codice di procedura penale del 1913
Codice di procedura penale del 1930
Codice Ermogeniano (o Epitome Iuris)
Codice Estense
Codice Euriciano
Codice Gregoriano
Codice penale del 1889
Codice penale del 1930
Codice Rocco
Codice Teodosiano
Codice Zanardelli
Codici penali sardi
Codificazione
Collaterale
Collectio canonum
Collectio canonum Anselmo dedicata
Collectio canonum del Cardinale Deusdedit
Collectio Gaudenziana
Collectio Hispana
Collectio notabilium
Collegantia
Collezione Dionisiana
Collezione greca delle Novelle
Collezione Isidoriana
Collezione Ispanica
Colonato
Coloni
Comes
Comes Palatii
Comitato
Commemoriali
Commenda
Commendatio
Commendato
Commentatori
Common Law
Communis opinio
Compagnia di Gesù
Compilationes antiquae
Compositio
Comunalia
Comune medievale
Comunità delle genti cristiane
Comunità di mestieri
Concerto europeo
Concettualismo
Concilio di Basilea
Concilio di Nicea
Concilio di Trento
Concilio ecumenico
Concilio fiorentino
Concordato di Worms
Concordato ecclesiastico
Concordia discordantium canonum
Conestabile (o Connestabile)
Confino di polizia
Confugio
Congregatio populi
Congresso di Vienna
Consiglio collaterale
Consiglio dei Dieci
Consiglio del Fascismo
Consiglio maggiore
Consiglio minore
Consiglio nazionale delle Corporazioni
Consilia
Console
Consolidazione
Constitutio
Constitutio criminalis Carolina
Constitutio de feudis
Constitutio puritatem di Federico II
Constitutio romana
Constitutiones Augustales
Constitutiones Marchiae Anconitanae
Constitutiones melphitanae
Constitutiònes prìncipum
Constitutiones Regni Siciliae
Constitutum Costantini
Constitutum Pisanum
Consuetudine
Consuetudines neapolitanae
Consul
Consultatio veteris cuiusdam iurisconsulti
Consultori
Contea
Contratto sociale
Contrattualismo
Controriforma
Coroner
Corporativismo
Corporazioni
Corpus iuris canonici
Corpus iuris civilis
Corrado II il Salico
Correctores statutorum
Corte
Corte dei Pari
Cortes
Corvée
Costantino
Costantino [donazione di]
Costanza
Costanzo
Costituente
Costituzionalismo
Costituzione civile del clero
Costituzione per la pace pubblica
Costituzioni egidiane
Costituzioni modenesi del 1771
Costituzioni piemontesi
Court
Court of Chancery
Court of Common Pleas
Court of Exchequer
Court of King’s Bench
Coutume
Criticismo
Croce Benedetto
Crociate
Cubicularii
Cuiacio Jacopo
Culti
Cum pro munere
Cuoco Vincenzo
Curia
Curia regis
Curia romana (o pontificia)
Curtis



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Console

Supremo magistrato nell’antica Roma repubblicana; primo magistrato nel comune medievale [vedi] e pubblico ufficiale svolgente particolari funzioni all’estero nell’età moderna.
• (—) nella Roma antica
I consules erano due, eletti nei comizi centuriati dapprima solo dai patrizi ed in seguito (367 a.C.) anche dai plebei. Duravano in carica un anno ed avevano per insegne dodici fasci di verghe, con in mezzo la scure, che in tempo di guerra venivano portati dai littori. I due consules erano eponimi, e cioè l’anno veniva indicato nei calendari ufficiali coi loro nomi.
Le competenze inerenti a tale suprema magistratura erano numerose. Innanzitutto, i consoli avevano il comando militare dell’esercito (imperium militiae). Detto comando si estrinsecava innanzitutto nella gestione delle operazioni belliche (sotto l’egida del controllo senatoriale), nel compimento delle operazioni di leva e nella nomina degli ufficiali; in secondo luogo esercitavano il potere di polizia nel territorio cittadino (imperium dòmi). Detto potere, non comprendente la sfera giurisdizionale, includeva tutte le competenze non devolute ai magistrati inferiori, ossia la esecuzione (coercitio) delle pene capitali e delle sanzioni minori, nonché ampi poteri amministrativi; in terzo luogo, ai consoli spettava il potere di convocare i comizi e di riunire il senato (ius agendi cum populo et cum pàtribus).
I consules esercitavano il potere in forma collegiale ed erano dotati di identici poteri: ciascuno di essi poteva, dunque, esercitare il potere nella sua interezza, salvo il veto dell’altro. Nell’ipotesi che uno di essi abbandonasse l’incarico prima dell’anno, si procedeva alla nomina di un consul suffectus.
L’istituzione consolare, anche se formalmente conservata, fu soggetta ad un processo di involuzione in epoca imperiale, risultando di fatto ridotta al rango di carica priva di poteri sostanziali, e quindi meramente simbolica.
• (—) nei comuni medievali
Nel Medioevo il (—) era un magistrato mercantile e la sua origine risale alla prima fase evolutiva del comune [vedi Comune medievale]. Egli appare per la prima volta a capo della unione delle vari classi sociali, scelto tra i valvassori [vedi Valvassore], i mercanti, i borghesi e gli artigiani. Numerosi documenti risalenti all’ultimo ventennio del secolo XI dimostrano che tale magistratura si era estesa rapidamente in tutte le città italiane: a Lucca e a Pisa tra il 1081 e il 1085, a Pavia nel 1084, a Milano nel 1085, ad Asti nel 1095 e a Genova nel 1098. Probabilmente, l’origine medievale del (—) è da ravvisarsi in un atto solenne rilasciato nel 1081 da Enrico IV di Franconia [vedi], in cui l’imperatore concedeva alla città di Pisa il privilegio di fare approvare i rappresentanti imperiali, da lui nominati quale marchese di Toscana, da dodici uomini eletti spontaneamente dall’assemblea del popolo, riunita al suono della campana. Tale atto non parla di consoli, ma un successivo documento pisano definisce consoli i dodici capi della città e tale titolo è ripetuto in tutti i documenti successivi.
I consoli erano in numero variabile da due a dodici, duravano in carica un anno (non erano rieleggibili) e venivano eletti dal parlamento cittadino. L’accesso al consolato non era precluso ad alcun ceto, ma nella prassi tale carica venne prevalentemente ricoperta da nobili e da esponenti dell’alta borghesia. Popolo e consoli erano legati tra loro da un giuramento di fedeltà reciproco (sacramentum promissio).
Compiti dei consoli erano la rappresentanza della città in occasione della stipulazione di trattati politici e negoziali, la presidenza dei tribunali, il comando dell’esercito, l’amministrazione delle finanze e la cura delle opere pubbliche.
La figura del (—) scomparve nel corso del secolo XIII quando, in seguito a vicende interne al comune venne posto a capo di questo il podestà [vedi].
• (—) negli Stati moderni
Attualmente il (—) è un organo individuale (burocratico o onororario) dello Stato distaccato all’estero, cui sono affidate le relazioni consolari. Svolge funzioni di natura interna e prevalentemente amministrativa, a differenza degli agenti diplomatici, investiti, invece, di funzioni di carattere internazionale e di rappresentanza politica.
Le relazioni consolari, che si instaurano solo dopo un accordo internazionale (convenzione consolare) necessitano, per il loro stabilimento, di una procedura di gradimento che si apre con la presentazione delle lettere patenti da parte del (—), cui lo Stato ricevente concede una specifica autorizzazione di natura discrezionale, sottoposta ad un particolare regime di pubblicità.
Il (—), che può trattare con le autorità locali qualsiasi questione riguardante soprattutto i propri concittadini (cd. attività localizzata), se non è diversamente disposto da convenzioni particolari, gode di un’immunità funzionale, nel senso che, solo quando è nell’esercizio delle proprie funzioni, può invocare la protezione delle immunità diplomatiche.