Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> 17/2 Prepararsi per l'esame di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 160 € 8,00</span> 21/1 Prepararsi per l'esame di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 208 € 10,00</span>
Ubi èadem lègis ratio, ibi eadem legis disposìtio
Ubi lex vòluit dìxit, ubi nòluit tàcuit
Ubi tu Caius et ego Caia
Ulpiano
Ùltra dimìdium
Ultra quàrtum
Ultra vìres hereditàtis
Una res est in obligatiòne, duæ autem in facultàte solutiònis
Una tàntum
Unciæ
Univèrsitas bonòrum
Universitas fàcti
Universitas iùris
Universitas rèrum
Universitàtes personàrum
Unni
Unus testis, nullus testis
Ùsque ad sìdera, usque ad ìnferos
Usucàpio
Usucàpio libertàtis
Usucapio lucrativa
Usucàpio pro herède
Usurecèptio
Usurpàtio
Usurpatio trinòctii
Usùræ
Usuræ moratòriæ
Usuræ usuràrum
Usus
Usus maritàlis
Usus sine fructu
Ususfrùctus
Ususfrùctus repetìtus
Utendum datum
Utèrque òrdo
Uti lingua nuncupàssit, ita iùs esto
Uti, frui habere, possidere
Utile per inutile non vitiàtur
Utìliter cœptum
Utilizzazione (Principio di)
Uxor in manu



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico-Giuridico Romano
Ususfrùctus [Usufrutto; cfr. artt. 978 ss. c.c.]

Diritto reale di godimento su cosa altrui [vedi iùra in re alièna], in virtù del quale il suo titolare poteva percepire dalla cosa i frutti [vedi fructus] ed, in genere, tutto ciò che ne rappresentava reddito normale.
Il diritto aveva ad oggetto una res fruttifera e inconsumabile. L’(—) in origine (III sec. a.C.) svolgeva una funzione alimentare: il testatore imponeva all’erede, mediante un legàtum sinendi modo [vedi], di lasciar percepire periodicamente i frutti di una cosa fruttifera alla vedova a cui era stato legato da matrimonium sine manu [vedi matrimonium] e che non poteva succedere ab intestato al marito.
In seguito si ammise che l’(—) potesse essere costituito mortis causa mediante legatum per vindicationem [vedi].
Per la sua originaria funzione alimentare, l’(—) in un primo momento si poteva costituire solo a favore di persone fisiche. In epoca classica si ammise che beneficiario potesse essere anche una persona giuridica.
Il giurista Paolo [vedi] definì l’istituto come il diritto di usare e fruire della cosa altrui, facendone salva la sostanza (iùs alienis rèbus utèndi fruèndi, salva rerum substàntia).
Caratteri fondamentali dell’istituto erano:
— la correlazione con la destinazione economica della cosa: l’usufruttuario non poteva mutare la destinazione del bene, né compiere atti di disposizione dello stesso (salva rerum substantia);
— la connessione inscindibile con la persona dell’usufruttuario:il diritto si estingueva con la morte o con la càpitis deminùtio [vedi] dello stesso;
— la temporaneità: l’usufrutto si estingueva a causa della morte dell’usufruttuario.
A tutela dell’istituto era concessa una vindicàtio ususfructus, chiamata in seguito da Giustiniano àctio confessoria servitùtis [vedi].
Oltre che con la morte o la capitis deminutio dell’usufruttuario, l’(—) si estingueva per consolidatio [vedi], per remissio [vedi] e per non usus [vedi], modi di estinzione sostanzialmente corrispondenti a quelli previsti per la servitus [vedi].