Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Gabbie salariali
Gabella
Gabellotto
Gaggio
Gaio
Gairethinx
Gallia
Gallicanesimo
Gambiglioni Angelo d’Arezzo
Gasindi (o Antrustioni)
Gastaldi
Gaudenziana
Gelasio I
Genovesi Antonio
Gens
Genserico
Genti
Gentili Alberico
Germani
Gesetzgebungsstaat
Gesuiti
Gewere
Giannone Pietro
Giason del Maino
Gilda
Giovanni da Imola
Giovanni da Parigi
Giovanni d’Andrea
Gisel
Giudizio di Dio
Giuliana
Giuramento
Giuria
Giurisdizionalismo
Giurisdizione
Giurisprudenza
Giuseppismo
Giusnaturalismo
Giuspositivismo
Giustiniano I
Giustino I
Giustizia
Glanvill Ranulf
Glossa
Glossa Accursiana
Glossa di Casamari
Glossa di Koln
Glossa di Pistoia
Glossa di Torino
Glossae malbergicae
Glossatori
Godefroy Denis
Godomaro (o Gondemaro)
Goffredo da Trani
Gombetta
Goti
Gran ammiraglio
Gran cancelliere
Gran Consiglio del Fascismo
Graziano
Gregoriana
Gregorio (o Gregoriano)
Gregorio (vescovo di Tours)
Gregorio I Magno
Gregorio IX
Gregorio VII
Gride
Grimoaldo
Grozio Ugo
Grundgesetz
Grundnorm
Gualdarii
Guarentigie
Guarentigie costituzionali
Guariganghe
Guerra gotica
Guerre di religione
Guglielmo di Occam (o Ockam)
Guglielmo Durante
Guidrigildo
Gundebaldo (o Gondebaldo o Gundobado)
Gundicaro



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Allgemeines Bürgerliches Gesetzbuch (Codice civile generale)

Codice civile austriaco promulgato nel 1811.
L’(—) rappresentò il prodotto finale del movimento per la codificazione [vedi] iniziato in Austria con Maria Teresa d’Asburgo (1740-1780) e proseguito con i suoi figli e successori Giuseppe II (1780-1790) e Leopoldo II (1790-1792). Tra il 1753 e il 1766 una commissione imperiale lavorò ad un abbozzo di codice, il Codex Theresianus, e pubblicò i Principi di compilazione, vale a dire i criteri-guida dell’operato della commissione. Tali principi consistevano nella scelta delle leggi più eque dell’impero e nell’eliminazione delle “lacune”, secondo le norme della ragione e del diritto naturale [vedi ]; in tal modo la commissione stabilì un debito nei confronti delle teorie del diritto naturale, e in particolar modo verso quella di Christian Wolff [vedi Wolff Christian]. Il progetto fu comunque respinto dalla sovrana per la sua prolissità; solo nel 1786 Giuseppe II ne fece pubblicare una parte (il cd. Codice giuseppino). Sotto Leopoldo II, un’altra commissione rielaborò il progetto, il quale fu promulgato, in via sperimentale, per la sola Galizia. Successivamente furono raccolte le osservazioni di magistrati e professori. Nel 1801 un’ennesima commissione imperiale pose mano al codice. Dopo essere stato respinto per tre volte e sottoposto a riesame, l’(—) fu finalmente promulgato il 1° giugno 1811.
Entrò in vigore il 1° gennaio 1812 con riguardo ai “territori ereditari di lingua tedesca” (für die Deutschen Erblande), vale a dire Austria, Stiria [vedi], Tirolo, Boemia, Moravia e Slesia. Nel 1816 fu esteso al Lombardo-Veneto, successivamente al Liechtenstein, alla Croazia, alla Slovenia, alla Dalmazia, alla Transilvania e alla Polonia.
L’(—) tolse efficacia alle fonti vigenti in precedenza, venendo a costituire l’unica fonte di diritto positivo; escluse, inoltre, la validità delle consuetudini che si fossero formate anche in futuro. Esso previde il ricorso all’interpretazione analogica in caso di “lacune”, e sussidiariamente ai principi naturali.
L’(—), tuttora vigente in Austria, è diviso in tre parti. La prima concerne il diritto delle persone; la seconda disciplina i diritti reali (possesso, proprietà, privilegi, servitù, successioni) e i contratti; la terza è relativa alle modificazioni dei rapporti giuridici, all’estinzione di diritti ed obblighi, alla prescrizione e all’usucapione.