Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
38/2 Compendio di Economia degli Intermediari Finanziari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 208 € 21,00</span> 342/1 Concorso Comune di Roma - 250 Istruttori e 100 Funzionari Amministrativi - Manuale per la prova scritta e orale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 512 € 32,00</span>
Quadri
Qualifica
Qualificazione giuridica
Qualità
Qualità internazionali
Qualità soggettive
Quanti minoris
Quantità
Quantum
Quasi possesso
Quasi reato
Quasi usufrutto
Querela
Questionario fiscale
Questione
Questore
Questori
Quiescenza
Quietanza
Quod nullum est, nullum producit effectum
Quorum
Quota
Quotazione di borsa


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Acquiescenza
() nel diritto amministrativo
È una causa di conservazione soggettiva dell'atto amministrativo, che dipende da un comportamento con cui il soggetto privato dimostra, con manifestazioni espresse o per fatti concludenti, di essere d'accordo con l'operato della Pubblica Amministrazione e, di conseguenza, si preclude la possibilità di impugnare (sia in via amministrativa che giurisdizionale) il provvedimento amministrativo, riconoscendo la legittimità dell'operato. Si noti, comunque, che non si può attribuire ad una mera inerzia il valore di (—), per cui, in caso di silenzio, si dovrà attendere lo spirare dei termini per l'impugnazione per ritenere formata l'(—).
() nel processo civile
È il comportamento con il quale la parte soccombente manifesta la volontà di non impugnare la sentenza. L'(—) si definisce espressa, quando consiste in una esplicita dichiarazione in tal senso; tacita, invece, quando si sostanzia in un comportamento incompatibile con la volontà di impugnare (art. 329 c.p.c.).
Tale ipotesi non ricorre nel caso in cui una parte abbia spontaneamente adempiuto un provvedimento esecutivo oppure abbia effettuato un pagamento, al solo scopo di evitare l'esecuzione forzata nei suoi confronti.
L'(—), espressa o tacita che sia, può riguardare l'intera sentenza, (—) totale, ovvero solo alcuni capi di essa, (—) parziale. Inoltre, si parla di (—) tacita impropria o qualificata (art. 329, 2 co., c.p.c.) qualora, in caso di sentenza composta da più capi (o parti, ossia le singole decisioni contenute nella sentenza riguardanti un oggetto autonomo del processo), il soccombente ne impugni soltanto alcuni: in tal caso, l'impugnazione parziale comporta (—) tacita alle parti della sentenza non impugnate.