Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Debriefing
Déjà vu
Deleuze, Gilles
Delirio
Demenza
Depersonalizzazione
Depressione
Deprivazione
Derealizzazione
Didattica
Difesa
Dinamico
Diniego
Dipendente
Dipendenza
Discinesia
Discinesia tardiva
Disfagia
Disfasia
Disforia
Disinibizione
Dislessia
Disorientamento
Dispareunia
Dissociazione
Dissonanza cognitiva
Distimia
Distonia acuta
Disturbi psico-organici
Disturbi somatoformi
Disturbo bipolare
Disturbo delirante
Disturbo di personalità ossessivo-compulsivo
Disturbo evitante di personalità
Disturbo oppositivo-provocatorio
Disturbo ossessivo-compulsivo
Disturbo paranoide di personalità
Disturbo psicotico breve
Disturbo psicotico condiviso
Disturbo schizoaffettivo
Disturbo schizofreniforme
Disturbo schizoide
Disturbo schizotipico
Divergenza
Dolore
Dopamina
Doppio legame
Dreamy state
Dromomania
DSM



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Disfagia
Disturbo del meccanismo della deglutizione, con difficoltà nell'ingestione di liquidi e/o solidi; il paziente avverte una sensazione di ostacolo al transito del cibo o dei liquidi attraverso la bocca, la faringe o l'esofago. Dal punto di vista fisiopatologico, la d. può conseguire all'ingestione di cibi troppo voluminosi o restringimenti esofagei (d. meccanica), oppure dipendere dall'alterazione della funzione peristaltica e/o dall'inefficienza dei meccanismi di inibizione motoria (d. motoria). Tali disfunzioni motorie in genere conseguono a malattie della muscolatura scheletrica o liscia dell'esofago. Secondo l'eziologia, le d. meccaniche vengono classicamente distinte in 3 categorie: intraluminali, da stenosi intrinseche (processi infiammatori edemigeni, formazione di membrane, stenosi benigne, tumori maligni, tumori benigni) e da compressioni estrinseche (osteofiti cervicali, ascessi, patologie tiroidee, diverticolo di Zenker, compressioni vascolari, masse mediastiniche). Analogamente, si distinguono 3 diverse categorie di d. motoria (neuromuscolare): da avvio difficoltoso del riflesso di deglutizione, per malattie della muscolatura faringea o esofagea (paralisi bulbare, affezioni neuromuscolari quali la miastenia gravis, polimiositi, dermatomiositi, miopatie, malattie extrapiramidali, paralisi pseudobulbari) o malattie infettive (quali rabbia o tetano, che possano alterare i meccanismi di inibizione motoria associati alla deglutizione) e, infine, a causa di malattie della muscolatura liscia dell'esofago (sclerodermia, distrofia miotonica, acalasia, spasmo esofageo diffuso). Ai fini della diagnosi è molto utile l'indagine anamnestica, in particolare rilevando se si tratta di una d. per i solidi o per i liquidi, durata ed evoluzione della sintomatologia; in caso di d. motoria si dovrà porre particolare attenzione alla ricerca di eventuali segni di paralisi bulbare o pseudobulbare. Devono poi essere esaminati il collo, per escludere eventuali azioni comprimenti da patologia tiroidea, e la bocca con il faringe, per escludere la presenza di lesioni ostruenti. Infine, visto che la d. è uno dei principali sintomi di patologia esofagea, saranno sempre consigliabili l'esecuzione di esofagogastroscopia con biopsia e citologia esfoliativa e lo studio della motilità esofagea, onde escludere interessamenti di quest'organo. La terapia varia in base all'eziologia.