Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44 Compendio di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 272 € 22,00</span> 44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span>
Zaibatsu
Zaikai
Zaitech
Zecca
Zero coupon bonds
Zero growth
Zero population growth
Zoccolo duro
Zollverein
Zona di eccedenza
Zona di libero scambio
Zona franca
Zona franca industriale
Zone depresse
Zone salariali
ZPG




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Trattato di Amsterdam

Accordo stipulato il 17 giugno 1997 ed ufficialmente firmato il 2 ottobre 1997 con il quale gli Stati membri dell'Unione europea hanno introdotto significative modifiche e integrazioni ai trattati istitutivi delle Comunità europee (v. CE; CECA; Euratom) e al trattato di Maastricht (v.).
Le più importanti novità sono:
— l'inserimento di un nuovo capitolo nei trattati comunitari che pone l'accento sulle politiche occupazionali degli Stati membri, prevedendo un maggiore coordinamento in ambito comunitario su tutte le questioni che riguardano il mondo del lavoro. Finora tutte le problematiche riguardanti l'occupazione e la politica sociale in genere erano contenute in un protocollo allegato ai trattati istitutivi; con il trattato di Amsterdam entrano a pieno titolo tra le politiche comunitarie;
— un rafforzamento della cooperazione in materia di giustizia e affari interni, in particolare per quanto riguarda la politica dei visti, le condizioni di rilascio agli immigrati dei permessi di soggiorno, le procedure per la concessione dell'asilo politico e le norme per la cooperazione giudiziaria in materia civile;
— la comunitarizzazione delle procedure stabilite con l'accordo di Schengen in materia di libera circolazione delle persone;
— un rafforzamento della politica estera e di sicurezza comune:
— una modifica delle procedure decisionali, attraverso una estensione delle ipotesi in cui viene adottata la procedura di codecisione ed un aumento dei casi in cui il Consiglio dei ministri dell'Unione europea (v.) decide a maggioranza qualificata e non più all'unanimità;
— l'adozione del principio della cooperazione rafforzata.
Nonostante queste novità il trattato non è riuscito a dare una risposta ai veri problemi che in questo momento rallentano il processo di integrazione europeo: lo snellimento delle procedure decisionali (anche in previsione di un futuro allargamento dell'Unione) e una chiara indicazione sul futuro sviluppo delle politiche comunitarie sia per quanto riguarda l'integrazione economica e monetaria (v. UEM), che per il rafforzamento dei vincoli di natura politica e sociale.
Il trattato è entrato in vigore il 1° maggio 1999 a conclusione del processo di ratifica.