Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
U - Form
Uce
UDEAC
UEM
UEMOA
UEP
UGL
UIC
UIL
UMA
UNCITRAL
UNCTAD
UNDP
UNIDO
Unione
Unione del Maghreb Arabo
Unione doganale
Unione doganale ed economica dell'Africa centrale
Unione economica
Unione economica e monetaria dell'Africa occidentale
Unione economica e monetaria europea
Unione europea
Unione generale del lavoro
Unione italiana del lavoro
Unione monetaria
Unione Monetaria Latina
Unità campionaria
Unità di conto
Unità di conto europea
Unità monetaria
Unità previsionali di base
Unità produttiva
Unità statistica
United Nations Commission International Trade Low
United Nations Conference on Trade and Development
United Nations Development Program
United Nations Industrial Development Organization
United Nations Relief and Rehabilitation Administration
UNRRA
Uruguay round
Utile
Utilità
Utilità indiretta
Utilità marginale
Utilità marginale della moneta
Utilità negativa
Utilità totale
Utilitarismo




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
UEM [Unione Economica e Monetaria]

Processo di convergenza delle politiche economiche e monetarie degli Stati membri della CE (v.) sfociato, dal 1° gennaio 1999, nell'adozione di una moneta unica (v. Euro) e nella istituzione della Banca Centrale Europea (v. BCE).
Il progetto dell'UEM costituisce uno delle più significative disposizioni del trattato di Maastricht (v.), entrato in vigore nel 1993. Sulla scorta del rapporto presentato dalla Commissione Delors, il trattato ha previsto che il processo di integrazione si svolgesse in tre fasi:
— la fase I ha avuto inizio il 1° luglio 1990 e si è conclusa nel 1993;
— la fase II, partita il 1° gennaio 1994, avrebbe dovuto chiudersi il 1° gennaio 1997; problemi operativi hanno però consigliato di prolungarla fino al 31 dicembre 1998;
— la fase III, che ha avuto inizio il 1° gennaio 1999.
Questa scansione temporale ha riguardato sia il processo di convergenza delle politiche economiche (unione economica, appunto) sia l'integrazione monetaria.
La prima fase dell'unione economica ha visto, infatti, l'instaurarsi di meccanismi di sorveglianza multilaterale: gli Stati membri trasmettono alla Commissione le informazioni concernenti le misure adottate nell'ambito della loro politica economica e l'organo comunitario controlla la conformità degli indirizzi di massima adottati dal Consiglio.
A partire dalla seconda fase è stata posta una maggiore attenzione alla politica delle finanze pubbliche. È stata infatti vietata la concessione di scoperti di conto o di altre facilitazioni creditizie da parte dell'IME (v.) o delle banche centrali ad istituzioni comunitarie o enti pubblici nazionali. Inoltre, né gli organi comunitari né gli Stati membri rispondono degli impegni assunti da altri Stati membri (v. No bail out clause). Qualora, inoltre, vengano riscontrati disavanzi pubblici eccessivi (superiori al 3% del PIL), la Commissione trasmette un parere al Consiglio il quale formula raccomandazioni riservate allo Stato membro; se quest'ultimo, entro un termine stabilito, non si conforma alla raccomandazione, essa viene resa pubblica, con le immaginabili conseguenze di carattere economico e politico.
Con il passaggio alla terza fase (dal 1° gennaio 1999), possono essere adottate anche misure sanzionatorie nei confronti degli Stati membri con deficit eccessivi: al fine di assicurare che i singoli Stati perseverino nel rispetto dei criteri di convergenza (v.) anche nella terza fase, il patto di stabilità e di crescita (v.) approvato nel corso del vertice di Dublino prevede, infatti, misure preventive e dissuasive.
Questa severità in materia di finanze pubbliche è facilmente comprensibile se si considera che, dal 1° gennaio 1999, l'evoluzione economica di ciascuno Stato partecipante all'UEM si riflette sull'inflazione dell'area dell'euro (v.) e sul tasso di cambio unico stabilito fra l'euro e le altre monete. Ora, mentre la politica monetaria è gestita da organismi comunitari come la BCE, la politica economica e la determinazione dei livelli salariali restano competenza dei singoli Stati; di qui l'esigenza di una rigorosa sorveglianza delle politiche di bilancio, tributarie e strutturali (nel mercato del lavoro, nell'andamento dei costi e dei prezzi) dei singoli Stati membri.
L'organo cui è stato affidato il coordinamento economico è l'ECOFIN (v.), unico organo autorizzato a formulare gli indirizzi di massima per le politiche economiche (indirizzi che costituiscono il principale strumento per il coordinamento economico).
Per quanto riguarda l'unione monetaria, dopo la totale liberalizzazione dei movimenti di capitali fra gli Stati membri (1° luglio 1990) si è assistito ad una forzata convergenza della politica monetaria (v.) adottata dai singoli paesi. Nel corso della seconda fase, questo maggior coordinamento ha riguardato, soprattutto, i criteri di convergenza (v.) previsti dal Trattato di Maastricht (finanze pubbliche, inflazione, tassi d'interesse, stabilità del cambio).
A partire dal 1° gennaio 1999 l'euro è adottato come moneta bancaria e come unità di conto, mentre i titoli del debito pubblico sono emessi in euro. Contemporaneamente, la BCE ha sostituito l'IME. Il 1° gennaio 2002 inizierà la materiale emissione di monete in euro che, per alcuni mesi circoleranno contemporaneamente alle valute nazionali. Il 1° marzo 2002, infine, l'euro sarà l'unica moneta circolante.

Vedi tabella
.