Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
Certezza del diritto
Cittadinanza
Classe sociale
Cognitivismo etico
Conflitto sociale
Contrattualismo
Controllo sociale
Convenzionalismo
Coscienza
Costituzione
Croce, Benedetto



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario della Filosofia Politica
Convenzionalismo

Ogni orientamento dottrinale secondo cui la verità di una o più proposizioni matematiche o fisiche dipende sempre da una precedente convenzione (esplicita o implicita) stipulata tra coloro che devono utilizzare le proposizioni medesime.
Una premessa del (—) si rinviene nel De nomina (1658) di T. Hobbes, in cui il filosofo inglese asserì che i prìncipi della matematica, dell’etica e della politica, in quanto posti dall’uomo, sono perfettamente conoscibili da questo, a differenza dei principi della natura, noti solo al suo autore (Dio).
Tuttavia, una concezione convenzionalistica delle scienze venne elaborata solo verso la fine del sec. XIX da J.-H. Poincaré (1854-1912). In La scienza e l’ipotesi (1902) Poincaré sostenne che le leggi scientifiche devono rispondere al criterio dell’efficacia nella ricerca. Egli distinse tra la conoscenza dei «dati-bruti» (desumibili dall’esperienza) e la scienza degli enti logico-matematici (creati dall’uomo sulla base di considerazioni di opportunità pratica).
P. Duhem (1861-1916) e E. Le Roy (1870-1954) ripresero la concezione di Poincaré, giungendo a forme di (—) estremo. I due epistomolgi francesi affermarono che la formulazione di leggi scientifiche è discrezionale e le teorie scientifiche, avulse dal riscontro esperenziale, sono pure convenzioni «nominalistiche».
J. Dewey (1859-1952) sostenne che tutte le teorie, comprese le scienze esatte non devono essere qualificate in vere o false, ma in più o meno fornite di «utilità» pratica.
La concezione convenzionalista annovera tra i maggiori critici il filosofo americano W. Quine (1908), il quale ha sostenuto che l’insieme delle nostre conoscenze è contemporaneamente convenzionale ed empirico, per cui non ha senso distinguere tra proposizioni vere in base alle sole convenzioni linguistiche e proposizioni vere in base ai soli fatti empirici.