Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span> 586 Dizionario di Storia del diritto medievale e moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 336 € 18,00</span>
Ugo Capeto
Ugo di Porta Ravennate
Ugo Donello
Ugolino de’ Presbiteri
Uguccione da Pisa
Ulama (o ulema)
Ulpiano
Ultramontani
Umanesimo giuridico
Unam sanctam
Universalismo
Università
Università Cattolica
Università di Ancona
Università di Bari
Università di Bologna
Università di Genova
Università di Messina
Università di Napoli
Università di Pavia
Università di Perugia
Università di Pisa
Università di Torino
Università di Urbino
Università di Venezia
Unni
Unvereinbarkeit
Utilitarismo
Utrumque ius



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Allgemeines Landrecht (Legge generale del Paese)

Codice prussiano in vigore dal 1794 al 1900. Fu il primo codice nazionale ad entrare effettivamente in vigore.
Nel 1780 il re di Prussia Federico II il Grande di Hohenzollern emanò un editto (Cabinets-Ordre), con il quale autorizzò la codificazione [vedi]. Secondo quest’atto il codice avrebbe dovuto ispirarsi al diritto naturale [vedi], sostituendo il diritto romano nei territori governati dal re di Prussia. Solo il diritto romano che si fosse rivelato compatibile con il diritto naturale avrebbe potuto essere incluso nel codice.
Tra il 1780 e il 1786 un gruppo di giuristi lavorò a un “Progetto per un codice generale”. A tal fine venne redatto un riassunto del Corpus iuris civilis [vedi], furono raccolte legislazioni provinciali e sentenze. Ma il risultato fu respinto dal sovrano, perché ritenuto troppo voluminoso.
Federico morì nel 1786. Durante il regno di Federico Guglielmo II di Hohenzollern (1786-1797), si lavorò alla rielaborazione del “Progetto”, il quale fu inviato a vari studiosi europei, per riceverne indicazioni e suggerimenti. Un’ulteriore opera di revisione (1789-1792) portò alla pubblicazione, nel giugno 1792, di un “Codice generale”, entrato in vigore in via sperimentale, per la sola Prussia meridionale, nel 1793. Dopo alcuni cambiamenti, l’(—) entrò in vigore nel luglio del 1794.
Nell’Introduzione all’(—) si identificavano i diritti dell’individuo nella libertà di promuovere il proprio benessere, senza ledere gli altrui diritti; al contempo fu enunciata la regola secondo la quale “tutto ciò che non è vietato, è permesso”. Era sancita l’uguaglianza giuridica: “le leggi dello Stato vincolano tutti i suoi sudditi, senza riguardo allo stato, al rango, o alla famiglia” (Introduzione). Era infatti prevista la possibilità di chiamare in giudizio il sovrano; in tal caso le cause sarebbero state giudicate da tribunali ordinari.
L’(—) comprendeva una prima parte che disciplinava i diritti reali, suddivisa a sua volta in sei libri: modi diretti di trasferimento della proprietà; modi indiretti di trasferimento della proprietà; diritto successorio; perdita della proprietà; proprietà collettiva; diritti sulle cose. La seconda parte concerneva le associazioni, a sua volta divisa in tre parti: diritto di famiglia; diritti dei ceti nello Stato; diritti e doveri dello Stato nei confronti dei cittadini.
L’(—) lasciò in vigore il diritto consuetudinario locale, a differenza della successiva codificazione austriaca e francese [vedi Allgemeines Bürgerliches Gesetzbuch; Code Napoléon].
Benché talune sue parti siano rimaste in vigore fino al XX secolo, l’(—) trovò difficoltà di applicazione, anche per la sua prolissità. Esso fu inoltre attaccato dalla scuola storica [vedi ], particolarmente critica verso la codificazione.
Ciò nonostante l’(—) rappresentò l’espressione di una notevole cultura giuridica, capace di esprimere un monumentale ordinamento statale, partendo da un rigoroso sistema di principi giusnaturalistici [vedi Giusnaturalismo].