Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
U - Form
Uce
UDEAC
UEM
UEMOA
UEP
UGL
UIC
UIL
UMA
UNCITRAL
UNCTAD
UNDP
UNIDO
Unione
Unione del Maghreb Arabo
Unione doganale
Unione doganale ed economica dell'Africa centrale
Unione economica
Unione economica e monetaria dell'Africa occidentale
Unione economica e monetaria europea
Unione europea
Unione generale del lavoro
Unione italiana del lavoro
Unione monetaria
Unione Monetaria Latina
Unità campionaria
Unità di conto
Unità di conto europea
Unità monetaria
Unità previsionali di base
Unità produttiva
Unità statistica
United Nations Commission International Trade Low
United Nations Conference on Trade and Development
United Nations Development Program
United Nations Industrial Development Organization
United Nations Relief and Rehabilitation Administration
UNRRA
Uruguay round
Utile
Utilità
Utilità indiretta
Utilità marginale
Utilità marginale della moneta
Utilità negativa
Utilità totale
Utilitarismo




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Utilità

È l'attitudine, reale o presunta, di un bene a soddisfare determinati bisogni.
L'utilità non è una qualità intrinseca del bene economico (come il peso o il colore), ma sorge dal rapporto (di necessità, dipendenza, o altro) che l'individuo ha con quel bene ed è, pertanto, un concetto soggettivo che esprime il grado di importanza che ciascuno attribuisce al bene, in vista della soddisfazione dei propri bisogni.
L'introduzione del concetto di utilità nella teoria economica e la larga applicazione che ne fu fatta dagli esponenti della scuola neoclassica (v. Neoclassici) costituisce uno degli aspetti più importanti di tutta l'evoluzione della teoria economica. Nel pensiero economico classico il valore (v.) di un bene era determinato dalla quantità di ore lavorative necessarie a produrlo (v. Valore-lavoro). Furono i rappresentanti della scuola neoclassica a capovolgere i termini del problema, specificando che il valore da attribuire ad un bene non è dovuto alle ore di lavoro in esso incorporato, ma all'utilità che viene attribuita da ciascun individuo a quel bene specifico, ovvero dalla sua attitudine a soddisfare un determinato bisogno.
Tale tipo di utilità è detta cardinale, proprio perché misurabile e confrontabile.
Dopo i primi tentativi di considerare l'utilità una grandezza misurabile (v. Utilitarismo) e confrontabile (cosiddetta utilità cardinale), si affermò l'opinione di Edgeworth (v.) e Pareto (v.) che contestarono la validità di questa ipotesi e diedero vita ad un nuovo approccio alla teoria del consumatore basato sulla nozione di utilità ordinale.
Questa è, ancora oggi, la formulazione prevalente dello studio del comportamento del consumatore. Secondo Vilfredo Pareto, poiché l'utilità non è una proprietà fisica dei beni ma è una grandezza soggettiva e psicologica, non solo non è possibile misurarla ma non è neppure necessario farlo. Tutto ciò che occorre è che il consumatore sia in grado di confrontare diverse alternative di consumo e di esprimere delle preferenze rispetto a queste alternative.
Cerchiamo di chiarire meglio le differenze nei due approcci con un esempio: supponiamo che un individuo si trovi di fronte a due beni fra i quali scegliere, ad esempio un biglietto per il cinema e l'acquisto di un libro che comportano una stessa spesa.
Secondo l'approccio dell'utilità cardinale l'individuo confronta l'utilità che potrebbe ricavare dalle due azioni (ad esempio: il cinema ha un'utilità pari a 10, mentre il libro arreca una soddisfazione pari a 15) e sceglie in base al valore più elevato associato a ciascuna di esse (in questo caso sceglierebbe il libro).
In base all'approccio dell'utilità ordinale non è necessario alcun conto di questo tipo: se l'individuo sceglie di acquistare il libro anziché andare al cinema significa che preferisce leggere piuttosto che vedere un film e questo è tutto ciò che ci occorre per formulare una teoria del comportamento del consumatore.