Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Debriefing
Déjà vu
Deleuze, Gilles
Delirio
Demenza
Depersonalizzazione
Depressione
Deprivazione
Derealizzazione
Didattica
Difesa
Dinamico
Diniego
Dipendente
Dipendenza
Discinesia
Discinesia tardiva
Disfagia
Disfasia
Disforia
Disinibizione
Dislessia
Disorientamento
Dispareunia
Dissociazione
Dissonanza cognitiva
Distimia
Distonia acuta
Disturbi psico-organici
Disturbi somatoformi
Disturbo bipolare
Disturbo delirante
Disturbo di personalità ossessivo-compulsivo
Disturbo evitante di personalità
Disturbo oppositivo-provocatorio
Disturbo ossessivo-compulsivo
Disturbo paranoide di personalità
Disturbo psicotico breve
Disturbo psicotico condiviso
Disturbo schizoaffettivo
Disturbo schizofreniforme
Disturbo schizoide
Disturbo schizotipico
Divergenza
Dolore
Dopamina
Doppio legame
Dreamy state
Dromomania
DSM



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Disturbo evitante di personalità
Compare per la prima volta nel DSM-III, scorporato dal disturbo schizoide, seguendo le evidenze messe in luce da Millon, che lo ha descritto come caratterizzato da un coinvolgimento emotivo e dalla disturbante incapacità di mettersi adeguatamente in rapporto con gli altri. L'isolamento sociale sarebbe, quindi, attivo ed egodistonico rispetto a quello passivo ed egosintonico del disturbo schizoide. Il DSM-IV-R descrive il disturbo come un quadro pervasivo di inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza e ipersensibilità al giudizio negativo, che compare entro la prima età adulta ed è presente in una varietà di contesti. L'individuo eviterebbe quindi attività lavorative che implichino un significativo contatto interpersonale, per timore di essere criticato, disapprovato o rifiutato; è riluttante nell'entrare in relazione con persone, a meno che non sia certo di piacere; è inibito nelle relazioni intime per paura di essere umiliato o ridicolizzato; si preoccupa di essere criticato o rifiutato in situazioni sociali; è inibito in situazioni interpersonali nuove per sentimenti di inadeguatezza; si vede come socialmente inetto, personalmente non attraente, o inferiore agli altri; è insolitamente riluttante ad assumere rischi personali o ad ingaggiarsi in qualsiasi nuova attività, poiché questo può rivelarsi imbarazzante. La prevalenza nella popolazione generale è tra lo 0,5% e l'1%, con tendenza ad aggregarsi nelle famiglie di pazienti ansiosi. Spesso inizia nell'infanzia o nella fanciullezza e si ritrova, a volte, associato a fobia sociale e ad attacchi di panico. Storicamente, le descrizioni sono di difficile estrapolazione dal quadro schizoide, nel quale comunque si è cercato di giungere a differenziazioni. Kretschmer ha identificato due poli della sensibilità nel contesto schizoide: l'astenico e l'iperstenico. A quest'ultimo corrisponderebbe la modalità evitante caratterizzata da nervosismo, timidezza, eccitabilità e sentimenti di inadeguatezza. Klein, sempre nel contesto schizoide, ha diversificato un tipo caratterizzato da ansia anticipatoria e bassa stima di sé, che impedirebbero il realizzarsi di relazioni sociali soddisfacenti. Dal punto di vista biologico, il disturbo rappresenterebbe l'espressione comportamentale della marcata tendenza all'evitamento degli stimoli dolorosi attraverso una serie di meccanismi di inibizione. Le proiezioni serotoninergiche dei nuclei del rafe alla substantia nigra operano in senso inibitorio e paiono essenziali nell'instaurarsi dei comportamenti di inibizione appresi nelle condizioni di frustrazione e/o dolore. L'evitamento delle esperienze nocive frustranti sarebbe correlatDisturbo evitante di personalità
Compare per la prima volta nel DSM-III, scorporato dal disturbo schizoide, seguendo le evidenze messe in luce da Millon, che lo ha descritto come caratterizzato da un coinvolgimento emotivo e dalla disturbante incapacità di mettersi adeguatamente in rapporto con gli altri. L'isolamento sociale sarebbe, quindi, attivo ed egodistonico rispetto a quello passivo ed egosintonico del disturbo schizoide. Il DSM-IV-R descrive il disturbo come un quadro pervasivo di inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza e ipersensibilità al giudizio negativo, che compare entro la prima età adulta ed è presente in una varietà di contesti. L'individuo eviterebbe quindi attività lavorative che implichino un significativo contatto interpersonale, per timore di essere criticato, disapprovato o rifiutato; è riluttante nell'entrare in relazione con persone, a meno che non sia certo di piacere; è inibito nelle relazioni intime per paura di essere umiliato o ridicolizzato; si preoccupa di essere criticato o rifiutato in situazioni sociali; è inibito in situazioni interpersonali nuove per sentimenti di inadeguatezza; si vede come socialmente inetto, personalmente non attraente, o inferiore agli altri; è insolitamente riluttante ad assumere rischi personali o ad ingaggiarsi in qualsiasi nuova attività, poiché questo può rivelarsi imbarazzante. La prevalenza nella popolazione generale è tra lo 0,5% e l'1%, con tendenza ad aggregarsi nelle famiglie di pazienti ansiosi. Spesso inizia nell'infanzia o nella fanciullezza e si ritrova, a volte, associato a fobia sociale e ad attacchi di panico. Storicamente, le descrizioni sono di difficile estrapolazione dal quadro schizoide, nel quale comunque si è cercato di giungere a differenziazioni. Kretschmer ha identificato due poli della sensibilità nel contesto schizoide: l'astenico e l'iperstenico. A quest'ultimo corrisponderebbe la modalità evitante caratterizzata da nervosismo, timidezza, eccitabilità e sentimenti di inadeguatezza. Klein, sempre nel contesto schizoide, ha diversificato un tipo caratterizzato da ansia anticipatoria e bassa stima di sé, che impedirebbero il realizzarsi di relazioni sociali soddisfacenti. Dal punto di vista biologico, il disturbo rappresenterebbe l'espressione comportamentale della marcata tendenza all'evitamento degli stimoli dolorosi attraverso una serie di meccanismi di inibizione. Le proiezioni serotoninergiche dei nuclei del rafe alla substantia nigra operano in senso inibitorio e paiono essenziali nell'instaurarsi dei comportamenti di inibizione appresi nelle condizioni di frustrazione e/o dolore. L'evitamento delle esperienze nocive frustranti sarebbe correlato a un'intensa attività serotoninergica di base. Dal punto di vista psicodinamico, la vergogna sarebbe l'esperienza affettiva centrale, correlata a una valutazione del Sé come inadeguato, non corrispondente a uno standard interno. Il Sé può essere percepito come debole, incapace di competere, fisicamente o mentalmente difettoso, disordinato e disgustoso, incapace di controllare le funzioni corporee ed esibizionista. Sia la terapia supportivo-espressiva individuale sia quella di gruppo possono essere molto efficaci. Farmacologicamente, alcuni pazienti sono stati trattati con successo con fenelzina, molecola che modulerebbe i rapporti tra sistema dopaminergico e serotoninergico.
o a un'intensa attività serotoninergica di base. Dal punto di vista psicodinamico, la vergogna sarebbe l'esperienza affettiva centrale, correlata a una valutazione del Sé come inadeguato, non corrispondente a uno standard interno. Il Sé può essere percepito come debole, incapace di competere, fisicamente o mentalmente difettoso, disordinato e disgustoso, incapace di controllare le funzioni corporee ed esibizionista. Sia la terapia supportivo-espressiva individuale sia quella di gruppo possono essere molto efficaci. Farmacologicamente, alcuni pazienti sono stati trattati con successo con fenelzina, molecola che modulerebbe i rapporti tra sistema dopaminergico e serotoninergico.