Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
E1/A Codice Civile - Leggi complementari (Esplicato minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >Settembre 2019 XIX, pag. 1472 € 22,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> 63 Scuole di Specializzazione per le professioni legali - Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XVI, pag. 576 € 35,00</span> 63/1 Scuole di Specializzazione per le Professioni Legali - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XVI, pag. 960 € 40,00</span> IP5 Ipercompendio Diritto Civile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 320 € 16,00</span> 5/2 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Privato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIV, pag. 400 € 16,00</span> 54A/5 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Civile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 368 € 17,00</span>
C.A.F.
C.A.R.D.
C.C.I.A.A.
C.E.
C.E.C.A.
C.E.E.
C.G.I.L.
C.I.C.R.
C.I.D.
C.I.P.E.
C.I.S.A.L.
C.I.S.L.
C.I.S.NA.L.
C.N.E.L.
C.N.R.
C.O.N.I.
C.T.U.
Call center
Calunnia
Cambiale
Camera dei deputati
Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura
Camera di consiglio
Camera penale
Camere del lavoro
Camere in seduta comune
Campagna elettorale
Cancelleria
Cancelliere
Canone
Capacità
Caparra
Capitale sociale
Capitolati
Capo dello Stato
Capo di imputazione
Capostipite
Carabinieri
Carcerazione preventiva
Carenza di potere
Cariche elettive
Carichi pendenti
Carico fiscale
Carta
Carte dei servizi pubblici
Cartella di pagamento
Cartello
Casa di cura e di custodia
Casa familiare
Caschi blu
Casellario giudiziale
Caso fortuito
Cassa integrazione guadagni
Cassazione
Cassazione [ricorso per]
Cassetta di sicurezza
Catasto
Categorie protette
Catering
Causa
Causa legittima di prelazione
Causa petendi
Causalità
Cause di giustificazione
Cauzione
Censura
Centri di assistenza fiscale
Centri di servizio sociale
Centri per la formazione professionale
Centri per l’impiego
Certezza del diritto (teoria gen.)
Certificati
Certificato penale
Certificazione
Cessazione della materia del contendere
Cessio bonorum
Cessio pro soluto
Cessio pro solvendo
Cessione
Chiamata in causa
Chiamato all’eredità
Chirografari
Circolare
Circolazione
Circondario
Circonvenzione di persone incapaci
Circoscrizione
Circostanze
Citazione
Città metropolitana
Cittadinanza
Civilmente obbligato per la pena pecuniaria
Class action
Clausola
Clausola di sbarramento
Clemenza
Coalizione di Governo
Codice
Codice fiscale
Cognizione
Cognome
Coimputato
Cointeressenza
Collaboratore U.N.E.P.
Collaborazione coordinata e continuativa
Collaudo
Collazione
Collegio
Collettivizzazioni
Collocamento
Colonia agricola e casa di lavoro
Colpa
Colpevolezza
Colpo di Stato
Coltivatore diretto
Comando
Comitato
Comitato interministeriale
Comitato olimpico nazionale italiano
Comitato per il controllo sulla gestione
Comma
Commercio
Commessi
Commissari straordinari di Governo
Commissario di polizia
Commissione
Commissione europea
Commixtio sanguinis
Common law
Commorienza
Commutazione
Comodato
Comparizione in giudizio
Comparsa
Compensatio lucri cum damno
Compensazione
Competenza
Comportamento concludente
Comporto
Compossesso
Compravendita
Compromesso
Comproprietà
Computo dei termini
Comune
Comunicazione
Comunione
Comunità
Concentrazione di imprese
Concepito
Concepturus
Concertazione sociale
Concessionari della riscossione
Concessione
Conciliazione
Concordato
Concorrenza
Concorso
Concubinato
Concussione
Condanna
Condicio facti
Condicio juris
Condictio indebiti
Condizione
Condizioni generali di contratto
Condominio
Condono
Condotta
Conduttore
Conferenza
Conferimenti
Confessione
Confessoria
Confini tra Stati
Confisca
Conflitti
Confronto
Confusione
Congedo
Coniugio
Connessione
Consanguinei
Consenso informato
Conservatorie dei registri immobiliari
Consiglio
Consilium fraudis
CONSOB
Consorzio
Constatazione amichevole
Constitutum possessorium
Consuetudine
Consulenza tecnica
Consumatore
Contemplatio domini
Contenzioso tributario
Continenza di cause
Continuato
Conto corrente
Conto economico
Contrabbando
Contraddittorio
Contrattazione collettiva
Contratti bancari
Contratti della Pubblica Amministrazione
Contratto
Contravvenzione
Contribuente
Controesame
Controllo contabile
Controllo di legittimità costituzionale
Controllo giudiziario sulle società
Controllo nelle società di capitali
Controllo societario
Contumacia
Convalescenza dell’atto
Convalida
Convenuto
Convenzione
Conversione
Convivenza
Cooperativa
Copia autentica
Copyright
Corpo del reato
Corpo elettorale
Corporate governance
Corporativismo
Correzione delle sentenze
Corrispondenza
Corruzione propria
Corso concorso
Corte
Cosa
Cosa giudicata
Costituzione
Costituzione in mora
Costituzione [in giudizio]
Cottimo
Creazioni intellettuali
Credito
Credito privilegiato
Creditore
Criminalità organizzata
Crimini internazionali
Crisi di Governo
Cronaca
Cross-examination
Culpa in contrahendo
Culpa in eligendo
Culpa in vigilando
Cuneo fiscale
Curatela
Curatore
Custode
Custodia cautelare in carcere


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Comunione (d. civ.)
() convenzionale
Ai sensi dell'art. 210 c.c., i coniugi possono, mediante convenzione, modificare il regime della comunione legale, dando luogo ad una (—).
In tal caso va innanzitutto osservato che, mentre la comunione legale è un effetto del matrimonio (ope legis), quella convenzionale è effetto di un negozio giuridico, con tutte le conseguenze civili e fiscali da ciò derivanti. Le convenzioni possono escludere alcuni beni dalla comunione legale o, invece, includervi beni che non sarebbero compresi nella (—) legale, purché non si tratti di beni di uso personale o beni che servono per la professione o beni ottenuti per risarcimento del danno o pensione (tutti questi beni sono esclusi da ogni tipo di comunione in considerazione della loro speciale natura).
Possono, dunque, formare oggetto di (—), per effetto di un contratto tra le parti, i beni acquisiti prima del matrimonio, quelli ricevuti in donazione o per successione e quelli acquisiti con il prezzo del trasferimento dei beni personali.
Con la convenzione i coniugi non possono derogare le norme per l'amministrazione della comunione, né evitare l'uguaglianza delle quote relativamente ai beni che sarebbero oggetto di comunione legale.
() de residuo
Sono i frutti dei beni personali o i proventi dell'attività separata di un coniuge, percepiti, ma non consumati al momento dello scioglimento della comunione. Tali frutti e proventi sono considerati bene comune da dividere in parti eguali, ma solo al momento dello scioglimento della comunione (art. 177, lett. b) e c), c.c.).
() ereditaria
Quando ad una stessa persona sono chiamati a succedere più individui (coeredi), sui beni che formano l'asse ereditario si realizza una (—) (artt. 674 ss. c.c.).
Alla (—) sono applicabili tutti i principi sanciti in tema di comunione ordinaria, concretando essa un'ipotesi di contitolarità di diritti su beni indivisi.
Le due figure presentano, però, elementi di distinzione:
— la (), a differenza di quella ordinaria, è composta non da un solo diritto, ma da una pluralità di diritti e di doveri di diversa natura dal momento che l'asse ereditario è composto da elementi eterogenei (diritti reali, di credito, di autore etc.);
— i coeredi nella (—), a differenza di quanto avviene per i comunisti nella ordinaria, hanno diritto di prelazione sulla quota che altro coerede voglia alienare [Retratto successorio].
La prelazione consiste nel diritto del coerede di essere preferito nell'acquisto, qualora un altro coerede voglia alienare ad un estraneo a titolo oneroso la propria quota o parte di essa.
L'alienazione che abbia luogo in violazione del diritto di prelazione attribuisce agli altri coeredi il diritto di riscattare la quota alienata da chiunque l'abbia acquistata.
Il diritto di prelazione può operare solo se esistono i seguenti presupposti:
— alienazione onerosa di quota o parte di essa ad un estraneo (non, quindi, ad un coerede);
— negozio oneroso nel quale la posizione dell'acquirente sia perfettamente fungibile, nel senso che la prestazione può essere eseguita da ogni soggetto;
— esistenza della () tra gli originari coeredi.
Quanto all'esercizio del diritto di prelazione si ricordi che:
— il coerede che intende vendere la quota, notifica agli altri coeredi la proposta di alienazione (fatta per iscritto poiché si tratta, comunque, di vendita di eredità, art. 1543) ed il prezzo: entro due mesi ogni coerede può esercitare la prelazione sulla quota da alienare, corrispondendone il prezzo;
 se il coerede, invece, non effettua la notificazione della proposta, ogni altro coerede ha il diritto di riscattare (cd. retratto successorio) la quota dal terzo acquirente. In tal caso, si stabilisce un rapporto diretto fra il coerede ed un terzo.
La comunione ereditaria cessa con la divisione.
Con quest'atto si sostituisce, allo stato di comunione, una nuova posizione del coerede: questi infatti, ottiene la titolarità esclusiva su una parte determinata dei beni comuni, corrispondenti alla quota a lui spettante nello stato di comunione.
La divisione cui non partecipino tutti i coeredi è nulla.
Nel caso di scomparsa o assenza di un comunista intervengono nella divisione rispettivamente il curatore (art. 48) o gli immessi nel possesso (art. 50), debitamente autorizzati.
() forzosa
Situazione giuridica consistente nello stato di comunione, esistente tra più soggetti, avente ad oggetto un diritto reale [Diritti (soggettivi)] su uno stesso bene o un medesimo complesso di beni, venutosi a creare per volontà di legge. La (—) si caratterizza per il fatto che non è possibile, ai singoli partecipanti, chiedere lo scioglimento di essa. (artt. 897 ss. c.c.).
() legale tra coniugi
È il regime patrimoniale della famiglia che si instaura, tra i coniugi, in mancanza di diverse disposizioni convenzionali (artt. 159 ss. c.c.).
Essa si fonda sulla comune proprietà dei coniugi su determinati beni, quali:
— gli acquisti compiuti dai due coniugi insieme o separatamente durante il matrimonio;
— i frutti dei beni propri di ciascuno dei coniugi, percepiti e non consumati allo scioglimento della comunione legale;
— i proventi dell'attività separata di ciascuno dei coniugi se, allo scioglimento della (—), non sono stati consumati;
— le aziende gestite da entrambi i coniugi e costituite dopo il matrimonio. Qualora si tratti di aziende appartenenti ad uno dei coniugi anteriormente al matrimonio, ma gestite da entrambi, la (—) concerne solo gli utili e gli incrementi;
— i beni destinati all'esercizio dell'impresa di uno dei coniugi costituita dopo il matrimonio e gli incrementi dell'impresa costituita anche precedentemente, sempreché sussistano al momento dello scioglimento di questa.
Sono esclusi dalla (—) tra coniugi solo i beni elencati tassativamente dall'art. 179 c.c.
L'amministrazione del patrimonio in (—) spetta ad entrambi i coniugi, in applicazione del principio di uguaglianza. Occorre però distinguere tra ordinaria e straordinaria amministrazione. Infatti si osserva che:
— gli atti di ordinaria amministrazione possono essere compiuti da ciascuno dei coniugi disgiuntamente: si tratta di quegli atti di utilizzazione, conservazione o manutenzione che riguardano i bisogni ordinari della famiglia;
— la rappresentanza in giudizio per gli atti di cui sopra è riconosciuta disgiuntamente a ciascun coniuge: anche uno solo di essi può validamente compiere gli atti processuali;
— gli atti di straordinaria amministrazione (nonché la stipula dei contratti con i quali si acquistano diritti personali di godimento e la rappresentanza in giudizio per le relative azioni) devono essere compiuti congiuntamente da entrambi i coniugi.
Gli atti compiuti senza il necessario consenso dell'altro coniuge non sono però sempre invalidi. Infatti:
— se l'atto riguarda beni immobili (o beni mobili registrati), esso è in tal caso annullabile, ma l'azione di annullamento va proposta entro un anno dalla data in cui il coniuge non consenziente ha avuto conoscenza dell'atto;
— se l'atto riguarda beni mobili, esso resta valido, ma il coniuge che lo ha compiuto senza il consenso dell'altro è obbligato, su istanza di quest'ultimo, a ricostituire lo stato di (—), in natura o per equivalente in danaro.
La (—) si scioglie per morte naturale o dichiarazione di assenza o morte presunta; per separazione personale o divorzio; per annullamento del matrimonio; per mutamento convenzionale del regime patrimoniale tra i coniugi
() ordinaria
Il concetto di (—) rientra nel più ampio concetto di contitolarità di diritti, che ricorre in tutte quelle ipotesi in cui uno stesso diritto appartiene, nella sua interezza, a due o più persone. Si ha, quindi (—) quando il diritto di proprietà, o altro diritto reale su uno stesso bene, appartiene a più persone (cd. comunisti), le quali sono tutte contitolari del diritto stesso (artt. 1100 ss. c.c.).
La (—) può essere:
— volontaria, quando nasce per accordo tra i partecipanti;
— legale o forzosa [Comunione (forzosa)], se il suo titolo è nella legge (es.: muro) costruito senza il rispetto delle distanze legali [Distanze];
— incidentale, quando sorge per circostanze fortuite (es.: comunione successoria, tra più eredi o tra più legatari).
I singoli comunisti hanno il diritto all'uso della cosa comune, al godimento della stessa, alla disposizione della quota e a chiedere la divisione della cosa comune (salvo patto contrario o divieto legislativo).
L'amministrazione della (—) è affidata all'insieme dei comunisti, applicandosi per le decisioni il principio maggioritario, e la maggioranza si calcola non in base al numero delle persone, ma in base al valore economico delle quote.
Si applica, invece, il principio dell'unanimità dei consensi per gli atti di alienazione e costituzione di diritti reali sul fondo comune.