Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Debriefing
Déjà vu
Deleuze, Gilles
Delirio
Demenza
Depersonalizzazione
Depressione
Deprivazione
Derealizzazione
Didattica
Difesa
Dinamico
Diniego
Dipendente
Dipendenza
Discinesia
Discinesia tardiva
Disfagia
Disfasia
Disforia
Disinibizione
Dislessia
Disorientamento
Dispareunia
Dissociazione
Dissonanza cognitiva
Distimia
Distonia acuta
Disturbi psico-organici
Disturbi somatoformi
Disturbo bipolare
Disturbo delirante
Disturbo di personalità ossessivo-compulsivo
Disturbo evitante di personalità
Disturbo oppositivo-provocatorio
Disturbo ossessivo-compulsivo
Disturbo paranoide di personalità
Disturbo psicotico breve
Disturbo psicotico condiviso
Disturbo schizoaffettivo
Disturbo schizofreniforme
Disturbo schizoide
Disturbo schizotipico
Divergenza
Dolore
Dopamina
Doppio legame
Dreamy state
Dromomania
DSM



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Disturbo schizotipico
La personalità schizotipica compare per la prima volta come entità diagnostica nel DSM-III nel 1980. L'ICD-10 non considera questa condizione come disturbo di personalità, includendola invece nella sezione comprendente schizofrenia e disturbi schizotipici e deliranti. Il DSM-IV-R descrive il d.s. come un quadro pervasivo di deficit sociali e interpersonali, accentuati da un disagio acuto, da una ridotta capacità per le relazioni strette, da distorsioni ed eccentricità comportamentali. Sono presenti idee di riferimento, credenze strane o pensiero magico, che influenzano il comportamento e sono in contrasto con le norme subculturali, esperienze percettive insolite, incluse illusioni corporee, pensiero e linguaggio strani, eccentrici, peculiari, nessun amico stretto, eccessiva ansia sociale che non diminuisce con l'aumento della familiarità. In seguito a eventi stressanti si possono verificare episodi psicotici transitori, con deliri e allucinazioni che si esauriscono in breve tempo, di solito con ritorno ai livelli precedenti di funzionamento. Sebbene l'interazione sociale sia scarsa, si possono verificare aggregazioni in particolari gruppi di emarginazione sociale, come ad esempio le sette. Il termine è stato coniato per caratterizzare individui dotati di una predisposizione genetica alla schizofrenia con l'intento di delineare una schizofrenia borderline. I criteri sono stati dedotti empiricamente dallo studio dei familiari di pazienti schizofrenici che manifestavano caratteristiche collegate con la schizofrenia. Gli studi condotti finora sembrano dimostrare l'esistenza di un legame genetico tra schizofrenia e d.s. Solo una piccola parte sviluppa schizofrenia, mentre il disturbo sembra essere più frequente fra i consanguinei di primo grado degli individui affetti da schizofrenia. Gli individui affetti da d.s. tenderebbero, inoltre, a sposarsi tra loro. Si manifesta nel 3% circa della popolazione. Tra gli studi volti alla ricerca di un legame biologico con la schizofrenia, quelli sui movimenti di inseguimento oculare (SPEM), che possono essere considerati un marker della funzione neurointegrativa, presentano alterazioni nei soggetti schizofrenici e nei loro familiari. Questo potrebbe riflettere un'inefficacia nel reclutamento dei sistemi neuronali in risposta agli stimoli esterni, possibile base neurofisiologica della diminuita capacità di questi soggetti di relazionarsi col mondo circostante. Gli studi psicodinamici al riguardo non sono rilevanti, poiché il d.s. è collegato geneticamente alla schizofrenia. Per quanto riguarda l'approccio terapeutico, è necessario ricordare che i soggetti in questione giungono all'osservazione specialistica spesso per altri disturbi associati, come ad esempio l'abuso di sostanze. La terapia farmacologica contempla l'utilizzo di antipsicotici durante gli episodi psicotici acuti. L'approccio psicoterapeutico, pur raggiungendo progressi, mira all'introiezione di una buona relazione terapeutica piuttosto che all'interpretazione del conflitto.