Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
C.A.F.
C.A.R.D.
C.C.I.A.A.
C.E.
C.E.C.A.
C.E.E.
C.G.I.L.
C.I.C.R.
C.I.D.
C.I.P.E.
C.I.S.A.L.
C.I.S.L.
C.I.S.NA.L.
C.N.E.L.
C.N.R.
C.O.N.I.
C.T.U.
Call center
Calunnia
Cambiale
Camera dei deputati
Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura
Camera di consiglio
Camera penale
Camere del lavoro
Camere in seduta comune
Campagna elettorale
Cancelleria
Cancelliere
Canone
Capacità
Caparra
Capitale sociale
Capitolati
Capo dello Stato
Capo di imputazione
Capostipite
Carabinieri
Carcerazione preventiva
Carenza di potere
Cariche elettive
Carichi pendenti
Carico fiscale
Carta
Carte dei servizi pubblici
Cartella di pagamento
Cartello
Casa di cura e di custodia
Casa familiare
Caschi blu
Casellario giudiziale
Caso fortuito
Cassa integrazione guadagni
Cassazione
Cassazione [ricorso per]
Cassetta di sicurezza
Catasto
Categorie protette
Catering
Causa
Causa legittima di prelazione
Causa petendi
Causalità
Cause di giustificazione
Cauzione
Censura
Centri di assistenza fiscale
Centri di servizio sociale
Centri per la formazione professionale
Centri per l’impiego
Certezza del diritto (teoria gen.)
Certificati
Certificato penale
Certificazione
Cessazione della materia del contendere
Cessio bonorum
Cessio pro soluto
Cessio pro solvendo
Cessione
Chiamata in causa
Chiamato all’eredità
Chirografari
Circolare
Circolazione
Circondario
Circonvenzione di persone incapaci
Circoscrizione
Circostanze
Citazione
Città metropolitana
Cittadinanza
Civilmente obbligato per la pena pecuniaria
Class action
Clausola
Clausola di sbarramento
Clemenza
Coalizione di Governo
Codice
Codice fiscale
Cognizione
Cognome
Coimputato
Cointeressenza
Collaboratore U.N.E.P.
Collaborazione coordinata e continuativa
Collaudo
Collazione
Collegio
Collettivizzazioni
Collocamento
Colonia agricola e casa di lavoro
Colpa
Colpevolezza
Colpo di Stato
Coltivatore diretto
Comando
Comitato
Comitato interministeriale
Comitato olimpico nazionale italiano
Comitato per il controllo sulla gestione
Comma
Commercio
Commessi
Commissari straordinari di Governo
Commissario di polizia
Commissione
Commissione europea
Commixtio sanguinis
Common law
Commorienza
Commutazione
Comodato
Comparizione in giudizio
Comparsa
Compensatio lucri cum damno
Compensazione
Competenza
Comportamento concludente
Comporto
Compossesso
Compravendita
Compromesso
Comproprietà
Computo dei termini
Comune
Comunicazione
Comunione
Comunità
Concentrazione di imprese
Concepito
Concepturus
Concertazione sociale
Concessionari della riscossione
Concessione
Conciliazione
Concordato
Concorrenza
Concorso
Concubinato
Concussione
Condanna
Condicio facti
Condicio juris
Condictio indebiti
Condizione
Condizioni generali di contratto
Condominio
Condono
Condotta
Conduttore
Conferenza
Conferimenti
Confessione
Confessoria
Confini tra Stati
Confisca
Conflitti
Confronto
Confusione
Congedo
Coniugio
Connessione
Consanguinei
Consenso informato
Conservatorie dei registri immobiliari
Consiglio
Consilium fraudis
CONSOB
Consorzio
Constatazione amichevole
Constitutum possessorium
Consuetudine
Consulenza tecnica
Consumatore
Contemplatio domini
Contenzioso tributario
Continenza di cause
Continuato
Conto corrente
Conto economico
Contrabbando
Contraddittorio
Contrattazione collettiva
Contratti bancari
Contratti della Pubblica Amministrazione
Contratto
Contravvenzione
Contribuente
Controesame
Controllo contabile
Controllo di legittimità costituzionale
Controllo giudiziario sulle società
Controllo nelle società di capitali
Controllo societario
Contumacia
Convalescenza dell’atto
Convalida
Convenuto
Convenzione
Conversione
Convivenza
Cooperativa
Copia autentica
Copyright
Corpo del reato
Corpo elettorale
Corporate governance
Corporativismo
Correzione delle sentenze
Corrispondenza
Corruzione propria
Corso concorso
Corte
Cosa
Cosa giudicata
Costituzione
Costituzione in mora
Costituzione [in giudizio]
Cottimo
Creazioni intellettuali
Credito
Credito privilegiato
Creditore
Criminalità organizzata
Crimini internazionali
Crisi di Governo
Cronaca
Cross-examination
Culpa in contrahendo
Culpa in eligendo
Culpa in vigilando
Cuneo fiscale
Curatela
Curatore
Custode
Custodia cautelare in carcere


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Conflitti
() di attribuzione (d. cost.)
Controversie che insorgono tra soggetti titolari di una sfera di competenza costituzionalmente riservata.
I (—) possono interessare i poteri dello Stato, cioè gli organi i cui atti e comportamenti siano idonei a configurarsi come espressione ultima ed immodificabile dei rispettivi poteri. L'art. 134 Cost. attribuisce alla Corte Costituzionale il compito di giudicare sui (—) tra poteri dello Stato.
Il giudizio dinanzi alla Corte può essere originato sia dalla rivendicazione di competenze che si ritengono usurpate da altri, sia dalla denuncia del cattivo uso delle attribuzioni altrui che intralcia il pieno esercizio delle proprie competenze.
I (—) tra i poteri dello Stato vanno distinti sia da quelli tra la P.A. e l'autorità giudiziaria (artt. 41 e 368 c.p.c.), che, esaurendosi in questioni di giurisdizione, vanno risolti dalle Sezioni Unite della Cassazione dietro esperimento del regolamento di giurisdizione, sia dai conflitti amministrativi, che, intercorrendo tra organi di una stessa amministrazione, vanno risolti dal superiore gerarchico o, in caso di sua mancanza, dall'autorità cui tale potere, caso per caso, sia conferito dalla legge.
I (—) possono inoltre sorgere tra Stato e Regioni e fra Regioni quando siano violate norme della Costituzione o di leggi Costituzionali.
() di competenza (d. amm.; d. proc. gen.)
Si ha conflitto quando due o più autorità affermano o negano, contemporaneamente, la propria potestà di conoscere una determinata questione o materia, ovvero quando esiste la sola possibilità che sorga tale contrasto.
I conflitti possono, quindi, essere:
— positivi, quando due (o più) autorità affermano la propria potestà di conoscere della questione;
— negativi, quando invece tutte le autorità negano tale loro potestà;
— reali, quando le autorità si siano già pronunciate circa l'appartenenza o meno ad esse della potestà di conoscere la questione;
— virtuali, quando vi sia solo la possibilità che si determinino tali pronunce.
A seconda poi del potere cui appartengono le autorità in conflitto possono aversi le seguenti specie di conflitti:
— di attribuzione tra poteri dello Stato diversi;
— di giurisdizione, che intervengono tra due o più giudici appartenenti a giurisdizioni diverse;
— di competenza, quando le autorità appartengono allo stesso potere o allo stesso ordine giurisdizionale (es.: conflitto fra due giudici ordinari come Giudice di pace e Tribunale, conflitto tra due T.A.R., conflitti tra Prefetto e Sindaco etc.).
I (—) fra organi amministrativi possono sorgere:
— fra organi investiti della medesima funzione amministrativa (conflitti interni);
— fra organi, o autorità, investiti di funzioni amministrative diverse (conflitti esterni).
La soluzione dei conflitti può sempre avvenire in due momenti diversi: in via preventiva e diretta, ad opera di un organo amministrativo gerarchicamente superiore [Gerarchia (Rapporto di)], a ciò designato dalla legge o dagli stessi organi interessati; in via successiva e indiretta, mediante i rimedi previsti dalla giustizia amministrativa, e cioè impugnando gli atti emanati in presenza del vizio di incompetenza.
In ambito processuale si ha conflitto quando due o più giudici affermano o negano, contemporaneamente, la propria potestà di conoscere una determinata questione o materia, ovvero quando esiste la sola possibilità che sorga tale contrasto.
Il rimedio principale per la risoluzione dei (—) è il regolamento di competenza. Le parti, tuttavia, possono utilizzare anche gli ordinari mezzi di impugnazione, però solo se il giudice abbia pronunciato sentenza oltre che sulla competenza anche sul merito.
() di giurisdizione (d. proc. gen.)
Si hanno nel caso in cui due o più giudici appartenenti a diverse giurisdizioni contemporaneamente affermano o negano (conflitti positivi o negativi) di avere il potere di decidere una determinata controversia (es. giudice ordinario e giudice militare).
Per tali conflitti si applica la medesima disciplina prevista per i conflitti di competenza, cui si rinvia integralmente.
() di interessi (d. civ., d.com.)
Si distinguono due ipotesi di (—):
— nella rappresentanza: si ha quando il rappresentante, che è tenuto ad agire nell'interesse del rappresentato (art. 1388 c.c.), utilizza il potere conferitogli per realizzare, al contrario, l'interesse proprio o di un terzo. In tal caso, il contratto concluso dal rappresentante in (—) è annullabile [Annullamento] su istanza del dominus negotii, se il conflitto era conosciuto o riconoscibile dal terzo (art. 1394 c.c.).
 Secondo parte della dottrina non è sufficiente che il conflitto sia meramente potenziale, ma è necessario che effettivamente il rappresentante abbia abusato dei poteri conferitigli, in danno del dominus ed in favore del terzo;
— nelle società: si ha quando il socio o l'amministratore hanno, per conto proprio o di terzi, un interesse in conflitto con quello della società, interesse che non possono realizzare se non sacrificando quello societario (artt. 2373 e 2391 c.c.).
Il D.Lgs. 6/2003, recante riforma delle società di capitali, in vigore dall'1-1-2004, è intervenuto sulla disciplina del (—), riformulando gli artt. 2373 e 2391 c.c. Il nuovo art. 2373 c.c. sul (—) del socio non presenta particolari innovazioni; cambia, invece, la disciplina del (—) degli amministratori, limitandosi l'obbligo di astensione ai soli amministratori delegati e prevedendosi, negli altri casi, il rimedio dell'impugnativa della deliberazione.
() di interessi delle cariche istituzionali (d. pubbl.)
Situazione che si verifica quando un soggetto ricopre una carica istituzionale che comporta l'obbligo di adottare decisioni destinate a incidere in maniera sostanziale sull'assetto economico del Paese e, contemporaneamente, detiene anche un rilevante potere economico, in particolare in settori delicati come quello delle telecomunicazioni e soggetti ad un regime di concessione da parte dello Stato; ciò comporta la possibilità di un abuso a fini personali della carica istituzionale ricoperta tanto nell'ipotesi in cui tale decisione sia adottata per favorire interessi personali quanto per danneggiare eventuali concorrenti.
In altri Stati la problematica del (—) è stata da tempo affrontata e risolta attraverso disposizioni costituzionali o legislative, che impongono al soggetto titolare di cariche pubbliche di procedere ad una netta separazione tra gli interessi personali economici e l'esercizio di una carica pubblica.
In Italia il tema del (—) si è posto concretamente nel 1994, quando, in seguito alla vittoria elettorale del centro-destra, la carica di Presidente del Consiglio fu assunta da Silvio Berlusconi, proprietario di società che operano nel settore delle telecomunicazioni.
La materia è oggi disciplinata dalla L. 215/2004, che stabilisce che i titolari delle cariche di governo debbono dedicarsi esclusivamente alla cura degli interessi pubblici. La legge si applica al Presidente del Consiglio dei ministri, ai Ministri, ai Vice Ministri, ai sottosegretari di Stato, ai Commissari straordinari del Governo. Secondo il provvedimento sussiste situazione di conflitto di interessi quando il titolare di cariche di governo partecipa all'adozione di un atto, o omette un atto dovuto, che ha un'incidenza specifica e preferenziale sul suo patrimonio o su quello dei congiunti (art. 3).
Vengono definite le ipotesi di incompatibilità. Il titolare di cariche di governo, nello svolgimento del proprio incarico, non può (art. 2):
— ricoprire cariche o uffici pubblici diversi dal mandato parlamentare e di amministratore di enti locali;
— ricoprire cariche o uffici o svolgere altre funzioni comunque denominate in enti di diritto pubblico, anche economici;
— ricoprire cariche o uffici o svolgere altre funzioni comunque denominate ovvero esercitare compiti di gestione in società aventi fini di lucro o in attività di rilievo imprenditoriale;
— esercitare attività professionali o di lavoro autonomo in materie connesse con la carica di governo, di qualunque natura, anche se gratuite, a favore di soggetti pubblici o privati;
— esercitare qualsiasi tipo di impiego o lavoro pubblico;
— esercitare qualsiasi tipo di impiego o lavoro privato.
Gli incarichi e le funzioni indicati cessano dalla data del relativo giuramento e comunque dell'effettiva assunzione della carica.
All'Autorità garante della concorrenza e del mercato [Autorità amministrative indipendenti] è affidata la vigilanza sugli atti del Governo in relazione ad eventuali (—). Nel caso di imprese editoriali la competenza a vigilare è affidata all'Autorità garante per le telecomunicazioni (artt. 6-7), che può sanzionare le imprese secondo quanto previsto dalla legge sulla par condicio.