Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Dante Alighieri
Dapifer
Datio wadiae
De ordine successionis ab intestato secundum ius langobardorum
De synodalibus causis et disciplini ecclesiastici
De verbis quibusdam legalibus
Decanus
Decima
Decio Filippo
Decreta seu statuta
Decretali
Decretalisti
Decretisti
Decreto legge
Decreto legislativo
Decretum
Decretum (magistri) Gratiani
Decretum di Burcardo
Decretum di Ivone di Chartres
Decretum Gelasianum
Defetari
Definitio
Deismo
Del Maino Giason
Democrazia
Deontologia
Descartes René
Desiderio
Desponsatio
Destra hegeliana
Determinismo naturalistico
Dialettici
Dicasta
Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dictatus Papae
Dieta
Dieta di Roncaglia
Diftar
Digèsta seu Pandèctae
Digesto
Dino del Mugello
Diocleziano
Dionisiana
Dipartimenti
Direttorio
Diritti fondamentali
Diritto
Diritto canonico
Diritto comune
Diritto divino
Diritto germanico
Diritto longobardo
Diritto naturale
Diritto penale romano
Diritto positivo
Diritto romano
Diritto romano [studio storico del]
Dispensa ecclesiastica
Dispensatio
Dispotismo
Dissensiones dominorum
Dissenting opinion
Distinctiones
Distinguishing
Districtio
Dittatore
Dittatura
Divisio legis
Divisione dei poteri
Divorzio
Dogado
Doge
Dohana baronum
Dohana de secretis
Domat Jean
Domestico
Dominàtus
Dominicum
Dominus legum
Donazione di Costantino
Donazione di Pipino
Donazione di Sutri
Donello Ugo
Dote
Dottori della Chiesa
Dottrina degli statuti
Duca
Ducato di Ferrara
Ducato di Mantova
Ducato di Milano
Ducato di Modena e Reggio
Duello
Durante Guglielmo
D’Andrea Giovanni



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Dante Alighieri (Firenze 1265 – Ravenna 1321)

Poeta, scrittore e uomo politico.
Ha qui rilievo per il contributo fornito ai concetti politici e giuridici medievali. In tal senso l’opera maggiormente attinente è il De Monarchia (1312-1313). Esso fu scritto in occasione della venuta in Italia dell’imperatore Enrico VII di Lussemburgo, che nel 1311 scese nella penisola per farsi incoronare, nell’intento di restaurare l’autorità superiore dell’impero [vedi Sacro romano impero].
Nel De Monarchia (—) distinse nettamente la Chiesa e l’impero, senza stabilire alcun rapporto di gerarchia fra i due ordini. In considerazione della dualità della natura umana, l’uomo apparve a (—) destinato a due fini diversi: l’uno incorruttibile, l’altro corruttibile. Ed è all’impero che egli affidò il compito di guidare l’uomo al suo fine di essere corruttibile.
Nel De Monarchia (—) affrontò tre problemi: se l’impero fosse necessario al bene del mondo; se i Romani avessero avuto tale diritto; se l’impero derivasse direttamente da Dio. Egli considerò l’unità politica della civiltà universale come naturale. Ritenendo che l’attività di conoscenza fosse possibile solo all’umanità nel suo complesso, (—) rinvenne tale fine nell’unità politica del genere umano. Essa si sarebbe storicamente realizzata con il regno di Augusto (27 a.C.-14 d.C.), durante il quale, come nel paradiso terrestre, si era avverata la felicità umana: non è un caso, per (—), che Gesù sia venuto al mondo durante tale periodo. Augusto nel campo temporale, Cristo in quello spirituale, fecero la felicità dell’uomo.
La realizzazione storica della felicità umana permise a (—) di stabilire la necessità dell’impero e di riconoscerne ai Romani la legittimità. L’ambito temporale gli apparve dunque distinto dall’autorità spirituale del papa. Imperatore e papa, novelli Augusto e Cesare, esercitavano il loro ministero rispettivamente, per la felicità terrena e quella celeste, ma in maniera autonoma, in quanto entrambi promanavano da Dio. L’impero era dunque, per (—), perfetto, un’autorità di per sé sacra, che non aveva bisogno della guida spirituale della Chiesa.
La concezione dantesca dell’impero non può essere considerata utopistica, poiché l’impresa di Enrico VII fu vista come realisticamente possibile da molti uomini del suo tempo. Dopo il fallimento di tale impresa, non è da escludere un parziale ripensamento di (—) su tali temi. In effetti nella Divina Commedia, egli sembrò accettare la subordinazione delle forze politiche ad una suprema autorità spirituale, fermo restando il carattere sacro dell’impero.