Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54/20 Ultimissimi Pareri di Diritto Civile - Ultimissimi Pareri di Diritto Penale - Ultimissimi Atti Giudiziari Civile, Penale e Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >Ottobre 2019 XV, pag. 384 + 384 + 384 € 25,00</span>
C.A.F.
C.A.R.D.
C.C.I.A.A.
C.E.
C.E.C.A.
C.E.E.
C.G.I.L.
C.I.C.R.
C.I.D.
C.I.P.E.
C.I.S.A.L.
C.I.S.L.
C.I.S.NA.L.
C.N.E.L.
C.N.R.
C.O.N.I.
C.T.U.
Call center
Calunnia
Cambiale
Camera dei deputati
Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura
Camera di consiglio
Camera penale
Camere del lavoro
Camere in seduta comune
Campagna elettorale
Cancelleria
Cancelliere
Canone
Capacità
Caparra
Capitale sociale
Capitolati
Capo dello Stato
Capo di imputazione
Capostipite
Carabinieri
Carcerazione preventiva
Carenza di potere
Cariche elettive
Carichi pendenti
Carico fiscale
Carta
Carte dei servizi pubblici
Cartella di pagamento
Cartello
Casa di cura e di custodia
Casa familiare
Caschi blu
Casellario giudiziale
Caso fortuito
Cassa integrazione guadagni
Cassazione
Cassazione [ricorso per]
Cassetta di sicurezza
Catasto
Categorie protette
Catering
Causa
Causa legittima di prelazione
Causa petendi
Causalità
Cause di giustificazione
Cauzione
Censura
Centri di assistenza fiscale
Centri di servizio sociale
Centri per la formazione professionale
Centri per l’impiego
Certezza del diritto (teoria gen.)
Certificati
Certificato penale
Certificazione
Cessazione della materia del contendere
Cessio bonorum
Cessio pro soluto
Cessio pro solvendo
Cessione
Chiamata in causa
Chiamato all’eredità
Chirografari
Circolare
Circolazione
Circondario
Circonvenzione di persone incapaci
Circoscrizione
Circostanze
Citazione
Città metropolitana
Cittadinanza
Civilmente obbligato per la pena pecuniaria
Class action
Clausola
Clausola di sbarramento
Clemenza
Coalizione di Governo
Codice
Codice fiscale
Cognizione
Cognome
Coimputato
Cointeressenza
Collaboratore U.N.E.P.
Collaborazione coordinata e continuativa
Collaudo
Collazione
Collegio
Collettivizzazioni
Collocamento
Colonia agricola e casa di lavoro
Colpa
Colpevolezza
Colpo di Stato
Coltivatore diretto
Comando
Comitato
Comitato interministeriale
Comitato olimpico nazionale italiano
Comitato per il controllo sulla gestione
Comma
Commercio
Commessi
Commissari straordinari di Governo
Commissario di polizia
Commissione
Commissione europea
Commixtio sanguinis
Common law
Commorienza
Commutazione
Comodato
Comparizione in giudizio
Comparsa
Compensatio lucri cum damno
Compensazione
Competenza
Comportamento concludente
Comporto
Compossesso
Compravendita
Compromesso
Comproprietà
Computo dei termini
Comune
Comunicazione
Comunione
Comunità
Concentrazione di imprese
Concepito
Concepturus
Concertazione sociale
Concessionari della riscossione
Concessione
Conciliazione
Concordato
Concorrenza
Concorso
Concubinato
Concussione
Condanna
Condicio facti
Condicio juris
Condictio indebiti
Condizione
Condizioni generali di contratto
Condominio
Condono
Condotta
Conduttore
Conferenza
Conferimenti
Confessione
Confessoria
Confini tra Stati
Confisca
Conflitti
Confronto
Confusione
Congedo
Coniugio
Connessione
Consanguinei
Consenso informato
Conservatorie dei registri immobiliari
Consiglio
Consilium fraudis
CONSOB
Consorzio
Constatazione amichevole
Constitutum possessorium
Consuetudine
Consulenza tecnica
Consumatore
Contemplatio domini
Contenzioso tributario
Continenza di cause
Continuato
Conto corrente
Conto economico
Contrabbando
Contraddittorio
Contrattazione collettiva
Contratti bancari
Contratti della Pubblica Amministrazione
Contratto
Contravvenzione
Contribuente
Controesame
Controllo contabile
Controllo di legittimità costituzionale
Controllo giudiziario sulle società
Controllo nelle società di capitali
Controllo societario
Contumacia
Convalescenza dell’atto
Convalida
Convenuto
Convenzione
Conversione
Convivenza
Cooperativa
Copia autentica
Copyright
Corpo del reato
Corpo elettorale
Corporate governance
Corporativismo
Correzione delle sentenze
Corrispondenza
Corruzione propria
Corso concorso
Corte
Cosa
Cosa giudicata
Costituzione
Costituzione in mora
Costituzione [in giudizio]
Cottimo
Creazioni intellettuali
Credito
Credito privilegiato
Creditore
Criminalità organizzata
Crimini internazionali
Crisi di Governo
Cronaca
Cross-examination
Culpa in contrahendo
Culpa in eligendo
Culpa in vigilando
Cuneo fiscale
Curatela
Curatore
Custode
Custodia cautelare in carcere


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Consorzio
() agrario (d. civ.)
È l'ente pubblico, la persona giuridica privata, la società cooperativa e, più in generale, la struttura organizzativa cui sono assegnati specifici compiti in materia agraria. Tra essi ricordiamo i consorzi di bonifica, di miglioramento fondiario, per l'uso comune delle acque.
() tra enti locali (d. amm.)
Struttura associativa dotata di personalità giuridica, costituita dagli enti locali per la gestione associata di uno o più servizi o funzioni. Il legislatore riconosce agli enti locali ampio margine di valutazione circa l'opportunità di riunirsi in (—) facoltativi provvedendo, preliminarmente, alla stipula di una convenzione. Sulla loro disciplina e sul loro funzionamento è intervenuta anche la L. 448/2001 (legge finanziaria per il 2002), che ha inteso apportare modifiche alla disciplina in tema di servizi pubblici locali, in particolare, su modalità di scelta e tipologia dell'affidamento, distinte in base alla natura dei servizi da svolgere (di rilevanza industriale o meno). Vi sono tuttavia dei casi del tutto eccezionali nei quali (in presenza di un rilevante interesse pubblico) lo Stato può disporre con legge la costituzione di (—) obbligatori cui sono tenuti ad aderire tutti gli enti locali individuati dalla legge statale.
() amministrativo (d. amm.)
Ente pubblico, di tipo associativo, preposto alla realizzazione e gestione di opere o servizi di interesse comune ai soggetti consorziati.
I (—) possono essere di vario tipo a seconda che siano costituiti tra enti con personalità giuridica o di fatto, e ancora tra enti pubblici o privati.
Si distingue tra (—) obbligatori, quando è la legge che ne impone la costituzione, e (—) facoltativi.
Contratto di () (d. comm.)
L'art. 2602 c.c. definisce il (—) come il contratto con cui più imprenditori istituiscono un'organizzazione comune per la disciplina o per lo svolgimento di determinate fasi delle rispettive imprese.
Elemento qualificante è dunque la creazione di un'organizzazione comune, in cui risiede anche la più importante differenza tra il (—) e il cartello.
Le fattispecie di (—) previste normativamente sono le seguenti:
— (—) anticoncorrenziali. Si tratta di contratti conclusi da imprenditori esercenti attività uguali o affini, allo scopo di disciplinare, limitandola, la reciproca concorrenza. Essi rappresentano, invero, un tipo di limitazione negoziale della concorrenza di cui all'art. 2596 c.c.: ne è esempio il (—) per il contingentamento della produzione e degli scambi tra imprese concorrenti;
— (—) interaziendali. Sono contratti finalizzati a creare una collaborazione tra imprenditori per lo svolgimento di determinate fasi dell'attività d'impresa: ad esempio, più imprenditori creano un (—) per la gestione comune della distribuzione, della pubblicità etc.
Il riconoscimento del (—) con funzioni di collaborazione e di coordinamento è la novità introdotta dalla legge di riforma (L. 377/76): nell'originario testo dell'art. 2602 c.c., infatti, venivano riconosciuti solo i (—) con funzioni anticoncorrenziali, con la conseguente esclusione dei contratti con finalità di cooperazione che si inquadravano tra le associazioni non riconosciute del Libro primo del Codice Civile.
Si distinguono inoltre:
— (—) con attività interna, in cui vi è un'organizzazione comune il cui compito si esaurisce nel regolare i rapporti fra consorziati e nel controllare il rispetto del contratto;
— (—) con attività esterna, in cui i consorziati, per raggiungere adeguatamente lo scopo consortile, entrano in rapporto con i terzi, mediante la creazione di un ufficio comune.
La distinzione rileva specialmente sul piano normativo poiché alla disciplina di generale applicazione (artt. 2603-2611 c.c.), si affiancano disposizioni particolari ai (—) con attività esterna.
Le norme unitarie concernono in particolare:
— la forma e il contenuto del contratto: è sancita la forma scritta a pena di nullità e l'indicazione dell'oggetto, degli obblighi assunti dai consociati e gli altri elementi specificati nell'art. 2603, co. 2, c.c.;
— la durata: può essere stabilita dalle parti ovvero, in mancanza, si reputa concluso per un periodo di 10 anni;
— la partecipazione: le parti devono essere imprenditori e, se sono specificate le condizioni di ammissione, il contratto si reputa aperto. In caso contrario la partecipazione di nuovi membri è rimessa alla volontà unanime dei consorziati.
Fonte del (—) può essere:
— la volontà dei consorziati, che si manifesta nel contratto consortile [(—) volontario];
— l'atto della pubblica autorità: in questo caso si ha un (—) obbligatorio, che ricorre quando l'autorità governativa dispone con proprio provvedimento la costituzione di (—) tra imprese, qualora la costituzione stessa risponda alle esigenze dell'organizzazione della produzione (art. 2616 c.c.) o serva per la gestione collettiva dei prodotti agricoli dei quali sia prescritto l'ammasso (art. 2617 c.c.). Il (—) obbligatorio, a differenza di quello volontario, può considerarsi un istituto di diritto pubblico;
— la legge [(—) coattivo].
Società consortile
La L. 377/76 ha previsto la possibilità di costituire società lucrative (sia di persone che di capitali, ma non società semplici) che abbiano come oggetto sociale lo scopo consortile, ossia la disciplina e lo svolgimento di determinate fasi delle rispettive imprese.
Circa la normativa applicabile alle (—), si discute se debba applicarsi solo la disciplina del tipo sociale prescelto, ovvero una disciplina mista, ossia societaria e consortile.