Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Facies
Fairbairn, W. Ronald D.
Fallica
Fallocentrismo
Famiglia
Famiglia
Fanciullezza
Fenichel, Otto
Fenomenologia
Ferenczi, Sàndor
Fessura sinaptica
Feticcio
Feticismo
Fisiognomica
Fissazione
Flooding (Immersione)
Fobia
Focale
Focus Group
Fodor, Jerry Alan
Folie à deux
Forced Thinking
Formazione
Formazione del sintomo
Formazione di compromesso
Freud, Anna
Freud, Sigmund
Frustrazione
Funzionalismo
Funzione
Fusione



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Fanciullezza [disturbo disintegrativo della]
Disturbo caratterizzato dalla marcata regressione in diverse aree del funzionamento del bambino, dopo un periodo di almeno 2 anni di sviluppo apparentemente normale. I criteri diagnostici del DSM-IV-R sono rappresentati da: a) sviluppo apparentemente normale nei primi 2 anni dopo la nascita; b) perdita clinicamente significativa di capacità già acquisite in precedenza (prima dei 10 anni) in almeno 2 aree tra: espressione o ricezione del linguaggio, capacità sociali o comportamento adattativo, controllo della defecazione o della minzione, gioco, abilità motorie; c) anomalie del funzionamento in almeno 2 aree tra: compromissione qualitativa dell'interazione sociale (comportamenti non verbali, reciprocità sociale mancante), compromissione qualitativa della comunicazione (ad esempio, ritardo o mancanza del linguaggio parlato), modalità di comportamento, interessi o attività ristretti, ripetitivi e stereotipati, incluse stereotipie motorie e manierismi; d) esclusione del disturbo generalizzato di sviluppo o di schizofrenia. È di solito associato a ritardo mentale, anche grave, anomalie elettroencefalografiche, epilessia e, talvolta, a malattie (leucodistrofia metacromatica, cerebrali organiche o altre). È più comune nei maschi. Nella maggior parte dei casi l'esordio è tra i 3 e i 4 anni, insidioso, con irritabilità, ansia, quindi perdita del linguaggio. Per lo più il disturbo si arresta a un plateau, talora prosegue progressivamente (soprattutto in compresenza di alterazione neurologica), talora si osserva qualche lieve miglioramento. La causa è ignota. Si distingue dall'autismo perché nel disturbo disintegrativo si ha perdita di un patrimonio acquisito in precedenza (il bambino arrivava a formulare frasi verbali). La terapia è simile a quella dell'autismo.