Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Abbandono
Abbandono
Aberrazione
Abilità
Abituazione
Abitudine
Abnegazione
Abrahm, Karl
Abreazione
Abulia
Accelerazione ideica
Accesso
Accomodamento
Accomodazione
Acculturazione
Acetilcolina
Acquisito
Acting-out
Adattamento
Adattamento
Addestramento
ADHD
Adler, Alfred
Adolescenza
Adrenalina
Adultismo
Adultità
Adulto
Adultomorfismo
Afanisi
Afasia
Affettività
Affettivo
Affetto
Affezione
Affidamento
Affiliazione
Afflizione
Afonia
Afrodisiaco
Agente
Aggiustamento
Aggressione
Aggressività
Agire
Agitazione
Agnosia
Agorafobia
Agrafia
Agrammatismo
Alcolismo
Alessia
Alexitimia
Alfabetizzazione
Alienazione parentale
Alloerotismo
Alloplastico
Allport, Gordon W.
Allucinazione
Allucinogeni
Allucinosi
Alternanza psicosomatica
Alzheimer
Ambieguale
Ambiguità
Ambivalenza
Ambiversione
Ambizione
Amicizia
Amigdala
Amimia
Ammiccamento
Amnesia
Anaclitica
Anaclitica
Anale
Anale
Analisi
Analisi del discorso
Analizzante
Analizzato
Anamnesi
Anancasmo
Androginia
Andropausa
Anedonia
Anencefalia
Anestesia
Anginofobia
Angoscia
Anima
Animazione
Animismo
Animus
Annullamento
Anomia
Anoressia
Anorgasmia
Anormalità
Ansia
Ansia
Ansia di separazione
Ansiolitici
Antagonista
Anticipazione
Antidepressivi
Antipsichiatria
Antipsicotici
Antisociale
Apatia
Appagamento
Apparato psichico
Appercezione
Appiattimento affettivo
Apprendimento
Apprendimento
Apprensione
Approccio
Approvazione
Aprassia
Archetipo
Artificialismo
Arto fantasma
Ascesi
Asimbolia
Aspettativa
Aspirazione
Assenza
Assertività
Assessment/Valutazione
Assimilazione
Assistente sociale
Associazione
Associazionismo
Assone
Astenia
Astinenza
Astinenza
Astrazione
Astuzia
Atarassia
Atassia
Atavismo
Atrofia cerebrale
Attaccamento
Attaccamento
Atteggiamento
Attendibilità
Attenzione
Attitudine
Attività/Passività
Atto educativo
Attrazione/Repulsione
Aura
Autismo
Autismo infantile
Autoaccusa
Autoaffermazione
Autoanalisi
Autocontrollo
Autocoscienza
Autocritica
Autoeducazione
Autoerotismo
Autolesionismo
Automatismo
Automatizzazione
Autonomia funzionale
Autonomia/Eteronomia
Autopunizione
Autorealizzazione
Autorecettori
Autoscopia
Autostima
Autosuggestione
Autosvalutazione
Autovalutazione
Auxologia
Avarizia
Avversivo
Azione



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Fenomenologia
Significa, secondo Heidegger, apofanei ta fainomena, cioè lasciare vedere da sé ciò che si mostra così come si mostra da sé. La f. rappresenta un movimento, un indirizzo della psichiatria in stretto legame con la filosofia, in particolare con l'esistenzialismo, capace di condurre epistemologicamente la psichiatria nella sfera delle scienze umane, inserendola in un'area ermeneutica posta tra le scienze della natura e le scienze del sociale. Sono presenti diversi aspetti: a) la fenomenologia soggettiva di Karl Jaspers, rifacentesi ai criteri di Dilthey, che è la dottrina dei fondamenti soggettivi della vita psichica (paradigma debole), come descritto nella Allgemeine Psychopathologie. Questa ha il compito di presentificarci chiaramente gli stati psichici come sono provati dai pazienti, di delimitarli, di distinguerli e di enunciarli. La psiche diviene essere nel proprio mondo. La f. di Jaspers è quindi un metodo, non una teoria. La delimitazione tra psicotico e non psicotico avviene attraverso la comprensibilità degli eventi della persona esaminata, che possono essere rivissuti o meno dall'esaminatore e, se incomprensibili, afferenti alla sfera dello psicotico. La soggettività dell'esaminatore e la sua capacità di rivivere-comprendere si ergono come barriera definitoria tra psicosi e non psicosi. b) La f. descrittiva nel senso di Edmund Husserl, caratteristicamente oggettiva, si rifà da un lato alla corrente daseinanalitica (heideggeriana) con Binswanger e, dall'altro, alla fenomenologia strutturale di von Gebsattel, Fischer, Minkowski e Straus, diretta a cogliere la struttura portante (assiale) delle manifestazioni psicopatologiche. c) L'analisi esistenziale di Ludwig Binswanger, secondo cui i disturbi psicopatologici sono disturbi della comunicazione e il principio fondamentale del metodo fenomenologico consiste nel limitare l'analisi a ciò che è realmente presente nella coscienza, cioè a ciò che è immanente alla coscienza. Il conoscere fenomenologico-daseinanalitico trova nella f. il metodo e nella condizione umana (Dasein, ovvero l'esserci) l'oggetto dell'analisi. La f. è, in tal senso, un metodo di ricerca che ha come oggetto la condizione umana. La Daseinanalyse si rifà al concetto fondamentale di Heidegger, il quale afferma che il pensiero e i modi di essere dell'uomo possono essere indagati soltanto a partire dall'a-priori della struttura fondamentale dell'esistenza come io-nel-mondo (Dasein = presenza). La struttura unitaria io-nel-mondo viene descritta in termini di spazialità, temporalità e corporalità. d) La f. di Minkowski, che utilizza l'intuizione come elemento del conoscere. Von Gebsattel si distingue per il rigore con cui porta innanzi il proprio discorso e per l'attenzione al tema del tempo. Straus sottolinea l'esperienza allucinatoria come una comunicazione distorta, disturbata. Edmund Husserl (f. descrittiva) introduce la nozione di Lebenswelt (mondo della vita). L'elemento mondo del Dasein troverebbe con la Lebenswelt la sua specificazione più approfondita nel senso che il primo termine di esso (l'Io) riconosce il secondo termine (il mondo) come sua appartenenza, mondo suo proprio, presenza allargata, sfera originaria, atmosfera di stato nascente. La f. oggettiva coglie quindi anche la destrutturazione psicotica come elemento comunicativo, come cifra, e a esso attribuisce un senso, un significato non condiviso, peraltro, né dalla f. soggettiva, che ritiene incomprensibile l'esperienza psicotica, né dalla psichiatria biologica, che assolutizza, in una raccolta puntuale di sintomi, la condizione clinica come patologico-altro-da-sé rispetto all'esaminatore.