Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44 Compendio di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 272 € 22,00</span> 25/4 Manuale di Contabilità e Finanza degli Enti Locali<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIII, pag. 400 € 30,00</span> 13/1 Compendio di Contabilità di Stato e degli Enti Pubblici<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 416 € 22,00</span> 44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 332 Concorso 45 posti Area Amministrativo Contabile Sesto Fiorentino - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 800 € 40,00</span>
Affitti
Appalti pubblici
Arrotondamento
Assegno
Assicurazioni
Azioni




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
585 Nuovo Dizionario di Economia e gestione Aziendale

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Contabilità e Finanza
Assegno

Come si compila un assegno in euro? La presenza dei decimali impone alcune cautele nella compilazione, che deve essere effettuata seguendo le indicazioni fornite dall’associazione di categoria delle banche.




In particolare occorre fare attenzione:
nell’indicazione dell’importo in cifre. I nuovi assegni sono già predisposti con due caselle finali dopo la virgola (cfr. fac-simile) che vanno comunque riempite sia nel caso in cui l’importo contenga decimali (ad esempio 3520,50 euro) sia nel caso in cui si è in presenza di una cifra tonda (ad esempio 3520 euro): in quest’ultimo caso dopo la virgola vanno inseriti due zero;
nell’indicazione dell’importo in lettere. L’importo in lettere deve essere riportato soltanto per la cifra intera (tremilacinquecentoventi) mentre i decimali possono essere scritti anche in numeri preceduti da una barra (ad esempio tremilacinquecentoventi/50). I decimali devono essere riportati anche nell’ipotesi in cui si tratti di una cifra tonda (ad esempio tremilacinquecentoventi/00).
Sono comunque consentite altre diciture come «tremilacinquecentoventi/50 centesimi», «tremilacinquecentoventi e cinquanta centesimi», «tremilacinquecentoventi e 50 centesimi» o «tremilacinquecentoventi e cinquanta cent».
Per quanto riguarda gli assegni occorre segnalare anche che:
— dal 1° gennaio 2002 non potranno essere emessi (né potranno essere incassati) assegni in lire; lo stabilisce esplicitamente l’articolo 1 del decreto legge 350/2001;
— gli assegni in lire ricevuti entro il 31 dicembre 2001, ma non ancora incassati, saranno pagati dalle banche in euro, convertendo il valore espresso in lire (lo stabilisce sempre il decreto 350/2001);
— bisogna fare attenzione a non accettare assegni post-datati in lire;
— chi utilizza regolarmente assegni deve chiedere alla propria banca il rilascio di un carnet di assegni in euro con anticipo rispetto alla data del 31 dicembre (tutte le banche hanno già provveduto a stamparli);
— gli assegni in lire non utilizzati possono essere restituiti alla propria banca o semplicemente distrutti (tagliandoli).