Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Dante Alighieri
Dapifer
Datio wadiae
De ordine successionis ab intestato secundum ius langobardorum
De synodalibus causis et disciplini ecclesiastici
De verbis quibusdam legalibus
Decanus
Decima
Decio Filippo
Decreta seu statuta
Decretali
Decretalisti
Decretisti
Decreto legge
Decreto legislativo
Decretum
Decretum (magistri) Gratiani
Decretum di Burcardo
Decretum di Ivone di Chartres
Decretum Gelasianum
Defetari
Definitio
Deismo
Del Maino Giason
Democrazia
Deontologia
Descartes René
Desiderio
Desponsatio
Destra hegeliana
Determinismo naturalistico
Dialettici
Dicasta
Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dictatus Papae
Dieta
Dieta di Roncaglia
Diftar
Digèsta seu Pandèctae
Digesto
Dino del Mugello
Diocleziano
Dionisiana
Dipartimenti
Direttorio
Diritti fondamentali
Diritto
Diritto canonico
Diritto comune
Diritto divino
Diritto germanico
Diritto longobardo
Diritto naturale
Diritto penale romano
Diritto positivo
Diritto romano
Diritto romano [studio storico del]
Dispensa ecclesiastica
Dispensatio
Dispotismo
Dissensiones dominorum
Dissenting opinion
Distinctiones
Distinguishing
Districtio
Dittatore
Dittatura
Divisio legis
Divisione dei poteri
Divorzio
Dogado
Doge
Dohana baronum
Dohana de secretis
Domat Jean
Domestico
Dominàtus
Dominicum
Dominus legum
Donazione di Costantino
Donazione di Pipino
Donazione di Sutri
Donello Ugo
Dote
Dottori della Chiesa
Dottrina degli statuti
Duca
Ducato di Ferrara
Ducato di Mantova
Ducato di Milano
Ducato di Modena e Reggio
Duello
Durante Guglielmo
D’Andrea Giovanni



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Diritto comune

Grandioso fenomeno giuridico, che si colloca al centro della storia europea del diritto.
L’espressione designa il diritto romano giustinianeo [vedi Corpus iuris civilis] e il diritto canonico [vedi], così come furono elaborati ed interpretati tra i secoli XII-XVIII dalla dottrina e dalla giurisprudenza dell’Europa occidentale [vedi Glossatori].
L’identificazione del (—) col diritto romano affonda le sue radici nell’Alto Medioevo e si ricollega alla rinascita dell’impero [vedi Renovatio imperii] attuata nei secoli IX e X in seguito all’opera unificatrice di Carlo Magno [vedi] prima, degli Ottoni [vedi Ottone I di Sassonia il Grande; Ottone II; Ottone III] e degli Svevi [vedi] poi. Alla concezione universalistica medievale del sacrum imperium, inteso come sancta romana respublica universale e indivisibile, non poteva non fare riscontro una visione universalistica anche nella sfera del diritto: ad un unico impero non poteva che corrispondere un solo diritto (ius commune), volto a disciplinare la vita giuridica di tutti i popoli riuniti nell’impero e partecipi di un comune patrimonio di valori spirituali e culturali.
Il rinnovato impero romano-cristiano era considerato come posto al servizio del genere umano per volontà divina e l’unum ius in grado di regolare i rapporti intersoggettivi era ritenuto il diritto romano, universale espressione della volontà dell’imperatore. I principi ispiratori di tale universalistica concezione politico-giuridica sono contenuti in un trattatello del secolo XII, intitolato Quaestiones de iuris subtilitatibus [vedi], che la recente storiografia attribuisce al glossatore bolognese Piacentino [vedi].
È merito dei primi giuristi di Bologna di avere realizzato l’elaborazione dottrinale del diritto romano giustinianeo [vedi Corpus iuris civilis] come unum ius per tutti i popoli dell’impero e di aver considerato l’imperatore quale unico legittimo depositario del diritto, intendendo per diritto il diritto romano.
Con la scuola di Bologna il diritto romano giustinianeo, vecchio di seicento anni, venne elaborato come diritto vigente, come legge che, nel serrato confronto con le legislazioni particolari (iura propria) del tempo (costituzioni degli ordinamenti monarchici, consuetudini feudali e statuti comunali e corporativi) si poneva come legge generale e sovraordinata. In definitiva, il contrasto tra diritto romano (ius commune dell’impero) e iura propria fu risolto non attraverso la negazione dell’esistenza della pluralità degli ordinamenti minori, ma attraverso la costruzione di un sistema delle fonti del diritto, in cui il diritto romano era legge comune (ius commune) sovrastante i diritti particolari.
Quando nei secoli XIV e XV i vari ordinamenti particolari acquistarono autonomia rispetto alla compagine universale dell’impero, il (—) assunse un carattere integrativo e sussidiario, ossia venne applicato solo nell’ipotesi in cui non vi fossero norme particolari che disponessero per il caso concreto. Fu tuttavia con l’avvento dei principati [vedi] che si determinò la definitiva crisi del (—): venendo meno l’idea che i popoli facessero parte di una unità spirituale e culturale, conseguentemente crollò l’idea di un diritto romano comune e universale e, per converso, si affermò il principio secondo cui nei territori soggetti al principe il primo ius commune fosse non il diritto romano giustinianeo (ossia un diritto imperiale) ma il placitum principis, cioè la diretta espressione della volontà del monarca. Il diritto romano conservò il carattere di sussidiarietà rispetto alle leggi principesche, anche se per i suoi caratteri di superiore completezza si elevò sempre al di sopra dei diritti particolari che lo recepivano.
Da un punto di vista dottrinale si pose quale base del (—) anche il diritto canonico e l’integrazione tra ius canonicum e ius civile diede luogo ad un sistema che venne espresso con l’endiadi utrumque ius [vedi]. A differenza del diritto romano giustinianeo, che ad un certo punto della sua evoluzione assunse carattere suppletivo, il diritto canonico fu (—) in maniera specifica, perchè non tollerò mai di essere derogato o integrato dagli iura propria ed inoltre non si evolse attraverso un’attività giurisprudenziale ma soltanto attraverso l’attività legislativa del pontefice.