Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> 526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Ganser
Gesell
Gestalt
Gestalt
Gilles de la Tourette
Gioco
Goodenough
Groddeck, George W.
Gruppo
Gruppo



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Gruppo
Nel linguaggio comune il termine ha connotazioni diverse e aspecifiche, mentre in ambito psicosociale indica un insieme di persone non molto numerose, accomunate da interessi comuni e che pertanto si sentono parte integrante del g., ovvero suoi membri. Il g. diventa oggetto di studio delle scienze sociali a partire dagli anni Quaranta, nel momento in cui si fa strada il concetto di g. come totalità dinamica, avanzato da Kurt Lewin. Il primo a riconoscere una valenza psicologica oltre che sociale al g. fu Emile Durkheim, mentre Lewin si muoverà su un terreno prettamente psicosociale per la sua analisi.
1) Processi interni al gruppo. La psicologia sociale ha individuato vari fenomeni riscontrabili nella dinamica di g.: in primo luogo la comunicazione interpersonale, i processi di influenza, la coesione, la creazione di ruoli e la leadership. Secondo Lewin questi fenomeni non sono irrelati, ma spesso si influenzano reciprocamente secondo un modello di causalità circolare. Ad esempio, il fatto che la rete di comunicazione nell'ambito di un g. possa essere libera, vincolata o centralizzata, determina diverse modalità di formazione dei ruoli o di emersione di norme.
2) Tipi di gruppo. Oltre alle distinzioni ovvie fatte sulla base delle diversità legate all'ambiente, alle situazioni, agli scopi etc., una distinzione preliminare da farsi è quella introdotta da Cooley nel 1909 che distingue tra g. primari e g. secondari. I primi, denominati anche g. faccia a faccia, sono caratterizzati da un forte senso di appartenenza e da forti legami affettivi (famiglia, g. adolescenziali etc.), in cui è forte il processo di identificazione. I secondi sono quelli che si formano per scopi, ad esempio, politici o professionali, in cui vigono soprattutto elementi formali e dove, in genere, non si creano relazioni affettivamente degne di nota. Un'altra importante distinzione è quella fatta da Merton nel 1975, che distingue i g. di appartenenza dai g. di riferimento. Nei primi ciascun membro si identifica fortemente, orientando il suo agire in base alle norme vigenti nel g. I secondi sono, invece, g. ai quali gli individui si riferiscono per indirizzare il proprio comportamento e la propria condotta. Robert King Merton definisce socializzazione anticipata l'aspirazione di un individuo a diventare membro di un g. di riferimento. Altre distinzioni psicosociologiche sono quelle fra g. interni, in cui l'individuo è completamente inserito, e g. esterni, ai quali l'individuo non appartiene e nei cui confronti può spesso nutrire sentimenti di avversione. Esistono, inoltre, g. naturali e g. sperimentali. Esempio per antonomasia di g. naturale è la famiglia. I g. sperimentali sono, invece, quelli che si formano in vista di determinati obiettivi, come le psicoterapie di gruppo.