Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Habitat
Hamilton Rating Scale for Depression
Handicap
Harlow, Harry F.
Hawthorne
Hebb
Hebb, Donald O.
Hillmann, James
Horney, Karen
Hull
Hull, Clark L.
Husserl, Edmund



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Handicap
Secondo la definizione dell'OMS, è uno svantaggio recato a un soggetto, risultante da una minorazione o da una disabilità, che limitano o impediscono l'espletamento di un ruolo considerato normale per l'età, il sesso e le caratteristiche sociali e culturali di tale individuo. Non dissimile risulta quanto enunciato dalla Legge Quadro 104 del 5-2-1992: È persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione. Il termine inglese handicap (cappello in mano) indicava originariamente un gioco in cui la posta era tenuta in mano in un cappello; è passato poi a indicare una competizione in cui, per equiparare la possibilità di vittoria, si assegna uno svantaggio al concorrente ritenuto superiore. Spesso h. viene usato come sinonimo di minorazione, termine correlato a parametri lavorativi (quali capacità di guadagno ridotta o carenza di attitudine al lavoro). Un minorato, tuttavia, ossia un individuo portatore di una compromissione o di un disordine fisico o psichico, può non trovarsi in situazione di h. se vengono richieste prestazioni proporzionate sia al livello di competenza acquisita sia alle modalità relazionali accettabili per il soggetto. Fino al 1980 le classificazioni proposte per l'h. seguivano essenzialmente il modello medico di descrizione delle malattie, per cui venivano valutate l'eziologia, la patogenesi e le manifestazioni (ad es.: h. della vista, dell'udito, dell'intelligenza, secondo la classificazione proposta dall'UNESCO nel 1974), senza lasciare spazio alle conseguenze che una malattia cronica, irreversibile o degenerativa necessariamente comporta nella vita di tutti i giorni. Sul piano pedagogico, secondo Bollea (1963) bisogna considerare l'individuo che si distacca dalla norma pedagogica stabilita dalla società scolastica, sia per ragioni comportamentali o intellettive, sia per cause sensoriali, sia per cause motorie. Di qui, emergono tre grandi categorie di disadattamenti scolastici: da turbe sensoriali, motorie e psichiche; quest'ultimo gruppo è suddivisibile ulteriormente in disturbi comportamentali e intellettivi. Nel 1980 è stata pubblicata la Classificazione Internazionale delle Menomazioni, Disabilità e Handicap (ICIDH) a opera di Philip Wood, proposta come supplemento alla Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD) per rimediare all'assenza di una classificazione che contempli insieme menomazione, disabilità e risultante h. Pur nell'impossibilità di separare nettamente gli aspetti sociali da quelli medici, l'ICIDH apporta un notevole contributo alla distinzione dei tre concetti di menomazione, disabilità e h., che risulta rilevante per l'attribuzione dei compiti ai diversi servizi rispettivamente medici, riabilitativi e sociali. Le menomazioni sono anomalie fisiche o alterazioni del funzionamento di un organo o sistema, derivanti da qualsiasi causa; per lo più rappresentano disturbi a livello d'organo (menomazioni intellettive, psicologiche, del linguaggio, della sfera uditiva o visiva, viscerali, scheletriche etc.). Le disabilità riflettono le conseguenze della menomazione in termini di prestazione funzionale; rappresentano disturbi a livello della persona (disabilità del comportamento, della comunicazione, della cura personale, locomotorie etc.). Per quanto riguarda gli handicap, in tale classificazione vengono definiti come gli svantaggi esperiti dall'individuo come risultato di una menomazione o di una disabilità; rappresentano una socializzazione della menomazione o della disabilità: 1) h. dell'orientamento; 2) h. dell'indipendenza fisica; 3) h. della mobilità; 4) h. occupazionali; 5) h. dell'integrazione sociale; 6) h. dell'autosufficienza economica; 7) altri h.: questo sottogruppo comprende altre circostanze che possono portare a uno svantaggio sociale. I vari item non sono classificati in rapporto agli individui, ma alle circostanze nelle quali i soggetti disabili possono trovarsi o che possono arrecare loro uno svantaggio.