Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Dante Alighieri
Dapifer
Datio wadiae
De ordine successionis ab intestato secundum ius langobardorum
De synodalibus causis et disciplini ecclesiastici
De verbis quibusdam legalibus
Decanus
Decima
Decio Filippo
Decreta seu statuta
Decretali
Decretalisti
Decretisti
Decreto legge
Decreto legislativo
Decretum
Decretum (magistri) Gratiani
Decretum di Burcardo
Decretum di Ivone di Chartres
Decretum Gelasianum
Defetari
Definitio
Deismo
Del Maino Giason
Democrazia
Deontologia
Descartes René
Desiderio
Desponsatio
Destra hegeliana
Determinismo naturalistico
Dialettici
Dicasta
Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dictatus Papae
Dieta
Dieta di Roncaglia
Diftar
Digèsta seu Pandèctae
Digesto
Dino del Mugello
Diocleziano
Dionisiana
Dipartimenti
Direttorio
Diritti fondamentali
Diritto
Diritto canonico
Diritto comune
Diritto divino
Diritto germanico
Diritto longobardo
Diritto naturale
Diritto penale romano
Diritto positivo
Diritto romano
Diritto romano [studio storico del]
Dispensa ecclesiastica
Dispensatio
Dispotismo
Dissensiones dominorum
Dissenting opinion
Distinctiones
Distinguishing
Districtio
Dittatore
Dittatura
Divisio legis
Divisione dei poteri
Divorzio
Dogado
Doge
Dohana baronum
Dohana de secretis
Domat Jean
Domestico
Dominàtus
Dominicum
Dominus legum
Donazione di Costantino
Donazione di Pipino
Donazione di Sutri
Donello Ugo
Dote
Dottori della Chiesa
Dottrina degli statuti
Duca
Ducato di Ferrara
Ducato di Mantova
Ducato di Milano
Ducato di Modena e Reggio
Duello
Durante Guglielmo
D’Andrea Giovanni



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Divorzio

Nel diritto romano era previsto come una delle cause di scioglimento del matrimonio.
In origine solo il marito aveva la facoltà di ripudiare; successivamente tale facoltà fu riconosciuta anche alla donna. Un’unica limitazione era prevista per la liberta, la quale, se divorziava di sua iniziativa dal patrono, non poteva risposarsi.
Se il matrimonio era accompagnato da conventio in manum (atto formale col quale si aveva il passaggio della moglie nella potestà maritale), il (—) scioglieva il matrimonio ma non faceva venir meno la manus, occorrendo a tal fine, un atto inverso (la diffarreatio o la remancipatio). Per il matrimonio sine manu bastava che venisse meno definitivamente la vita in comune.
In origine e fino all’epoca repubblicana, qualunque causa era valida a costituire motivo di divorzio, anche se futile.
Solo la legislazione augustea punì, con una sanzione pecuniaria, il coniuge che, col suo comportamento, avesse dato origine al (—).
Nella concezione postclassica, che ravvisò nel matrimonio un effetto del consensus iniziale, il (—) fu identificato col repudium, considerato un negozio costitutivo dello scioglimento del matrimonio.
L’avvento del cristianesimo provocò la diffusione di tendenze antidivorzistiche, che portarono all’individuazione di giuste cause di (—):
— per la donna, quando il coniuge era riconosciuto omicida, violatore di sepolcri o avvelenatore;
— per il marito, quando la moglie fosse accusata di essere adultera, mezzana o avvelenatrice.
Chi divorziava unilateralmente, fuori da questi casi era punito gravemente. Nessun limite sussisteva, invece, per il (—) biaterale, cioè per quello voluto di comune accordo dai coniugi.
Giustiniano I
[vedi] ampliò le iustae causae di divorzio unilaterale, reputando valido il repudium nel caso in cui la donna fosse andata a banchettare o fare bagni con estranei o avesse frequentato spettacoli senza il consenso del marito; nel caso in cui il marito avesse tentato di fare prostituire la moglie o l’avesse accusata falsamente di adulterio, oppure avesse mantenuto una concubina; era, infine, iusta causa per entrambi i coniugi, l’aver teso insidia alla vita dell’altro o l’aver congiurato contro l’imperatore.
Accanto al (—) ex iusta causa venne introdotto il (—) ex bona gratia, per ragioni non imputabili a nessuno dei coniugi, come la prigionia di guerra (captivitas) durata per oltre cinque anni, il voto di castità o l’impotenza manifestata nei primi tre anni di matrimonio.
Per la validità del (—) era necessario un formale libèllum repùdi: in particolare, si ritenne necessario che la manifestazione di volontà volta allo scioglimento del legame matrimoniale (producendo effetti di notevole rilevanza sociale, in ordine, soprattutto allo status dei figli) fosse espressa in modo certo, definitivo ed inequivocabile, nonché senza l’apposizione di clausole (condizione, termine).
La legislazione barbarica ammise generalmente il (—), ad eccezione dei capitolari [vedi Capitolare] dei Franchi [vedi], i quali accolsero la concezione cristiana della perpetuità e indissolubilità del matrimonio.
Nel Medioevo e fino al secolo XVIII la Chiesa assunse una posizione preminente in materia matrimoniale e la possibilità del (—) venne meno.
Fu la Rivoluzione francese [vedi] del 1789 a rintrodurre l’istituto nelle sue leggi e il Code Napoléon [vedi] lo mantenne; abolito nel 1816, fu ripristinato in Francia nel 1884.
In Italia è stato introdotto con L. 898/ 1970, modificata con L. 74/1987.