Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
IP1 Ipercompendio Diritto del Lavoro<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 VIII, pag. 288 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span>
F.A.O.
F.M.I.
F.P.L.D.
Facta concludentia
Factoring
Fallimento
Falsa testimonianza
Falsità materiale e falsità ideologica
Falso
Falsus procurator
Famiglia
Fasce deboli
Fascismo
Fatti notori
Fattispecie
Fatto giuridico
Fatto illecito
Fattura
Favor
Favoreggiamento
Fecondazione artificiale
Fede
Fedecommesso
Fedeltà
Federalismo
Ferie
Fermo
Festività
Festivo
Fictio iuris
Fideiussione
Fido bancario
Fiducia
Figlio
Filiazione
Financial futures
Finanziamento dei partiti
Finestra
Firma
Fiscal drag
Fiscalizzazione degli oneri sociali
Fisco
Fitto
Flagranza
Flessibilità nell’impiego di forza lavoro
Flottante
Foglio di via
Fomazione del passivo
Fondazione
Fondo comune di investimento
Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto
Fondo Monetario Internazionale
Fondo nazionale per le politiche sociali
Fondo patrimoniale
Fondo pensione
Fondo pensioni lavoratori dipendenti
Fondo perequativo
Fondo sostitutivo
Fonti del diritto
Food and Agricultural Organization
Forma del negozio giuridico
Forma di governo
Forma di Stato
Formazione continua
Formazione professionale
Formazioni sociali
Formula esecutiva
Formulari
Foro
Forum
Forza maggiore
Forze armate
Forze di pace dell’O.N.U.
Franchi tiratori
Franchigia
Franchising
Frazionamento
Free-lance
Frode
Frutti
Fumo passivo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Delegazione
() apostolica (d. internaz.)
Organo della Santa Sede istituito all'estero per l'espletamento di compiti di rappresentanza. Più specificamente la (—) ha il compito di verificare l'esistenza delle condizioni necessarie per l'allacciamento di stabili rapporti diplomatici tra Santa Sede e lo Stato presso la quale è inviata.
La (—) e i membri di essa usufruiscono del trattamento riservato ai diplomatici
() diplomatica (d. internaz.)
Organo collegiale non avente carattere permanente istituito dagli Stati per l'espletamento di relazioni internazionali.
Le (—) possono essere preposte dallo Stato a partecipare a negoziati, a conferenze internazionali, o a consessi di organismi internazionali [Organizzazione internazionale].
Le (—) sono formate da delegati, titolari del potere di manifestare la volontà dello Stato, e da esperti e consiglieri aventi funzioni ausiliarie nel processo di formazione della volontà.
Lo status internazionale delle (—) è quello delle missioni speciali.
Le (—) sono, per natura, organi destinati ad estinguersi con l'espletamento delle loro missioni, salvo il caso in cui abbiano partecipato ad una conferenza internazionale e questa preveda l'istituzione di organismi internazionali: in tal caso si trasformano, ordinariamente, in organi permanenti di queste ultime detti rappresentanze permanenti.
() quale strumento di assunzione del debito altrui (d. civ.)
È un istituto col quale si realizza la successione a titolo particolare nel debito (artt. 1268 ss. c.c.).
In particolare, nella (—) il debitore (delegante) ordina ad un terzo (delegato) di assumersi il debito nei confronti del creditore (delegatario), o di eseguire nei confronti di quest'ultimo la prestazione.
La giurisprudenza definisce la (—) come un contratto trilaterale, in contrasto con parte della dottrina che vi riconosce, invece, tre distinti negozi collegati (l'ordine del delegante, l'atto di assunzione del debito da parte del delegato e l'accettazione del delegatario).
Si distingue quindi tra:
— (—) di pagamento, che ricorre quando il debitore delega un terzo a eseguire il pagamento al creditore (delegatio solvendi) (art. 1269 c.c.);
— (—) di debito, che ricorre quando il debitore delega un altro soggetto ad assumersi l'obbligazione verso il creditore, cioè a promettergli il pagamento ad una data scadenza futura (delegatio promittendi).
 Tale ultima ipotesi di (—) può realizzarsi in forma cumulativa, quando il nuovo debitore si affianca a quello originario, oppure in forma liberatoria, quando il delegatario acconsente a liberare il delegante, estinguendo il rapporto obbligatorio originario.
La (—) è detta titolata quando le parti fanno espresso riferimento ai rapporti sottostanti, ossia quando il delegato si obbliga nei confronti del creditore nei limiti di validità ed efficacia dei sottostanti rapporti intercorrenti tra delegante e delegato, da un lato, e tra delegante e creditore dall'altro. Tali rapporti sono:
— il rapporto tra delegante e delegato (cd. rapporto di provvista), in base al quale il secondo assume il debito o paga per estinguere il proprio debito nei confronti del delegante;
— il rapporto tra delegante e delegatario (cd. rapporto di valuta), in base al quale il primo ordina al delegato di pagare o di obbligarsi nei confronti del delegatario per estinguere il proprio debito nei confronti di quest'ultimo.
Qualora il delegato, in esecuzione di un ordine del delegante, promette o adempie la prestazione senza richiamare alcuno dei rapporti summenzionati, siamo in presenza di una (—) astratta o pura.