Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
ICD
Id
Ideazione
Identificazione
Identificazione proiettiva
Identità
Identità di genere
Idiot savant
Idiozia
Igiene mentale
Illusione
Imago
Immaginario
Immedesimazione (o empatia)
Imprinting
Incesto
Incongruenza
Inconscio
Incorporazione
Individuazione
Inerzia
Infantilismo
Infanzia
Inferiorità
Influenza/Persuasione
Innatismo
Input-Output
Insicurezza
Insight
Insonnia fatale familiare
Insonnie
Instabilità
Insuccesso
Intelligenza
Interesse
Interiorizzazione
Interna
Introiezione
Introspezione
Io
Io
Io
Io
Io corporeo
Io falso
Io ideale
Io incorporeo
Io onirico
Io-piacere, Io-realtà
Ipnosi
Ipocondria
Ippocampo
Irrazionale
Isolamento
Isomorfismo
Isteria
Istinto



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Insonnie
Disturbi del sonno. Possono essere così classificate.
1) Insonnia primaria. Il termine primaria indica che l'i. si manifesta indipendentemente da qualsiasi altra condizione fisica o medica. È una forma di i. dipendente da fattori di stress generici che determinando tensione interiore. È caratterizzata da difficoltà nell'addormentamento, ripetuti risvegli notturni e una pessima qualità di sonno che persistono da almeno un mese. Il trattamento può comprendere le tecniche di decondizionamento, la meditazione trascendentale, musiche rilassanti, sedativi o ipnotici somministrati con attenzione.
2) Insonnia da errata percezione del sonno (pseudoinsonnia). Viene riferita dai pazienti un'incapacità di addormentarsi o veglia completa per tutta la notte, con attività mentale notturna molto intensa, senza apparenti reperti di alterazione oggettiva. Rappresenterebbe meno del 5% delle i., se non trattata può cronicizzate o aggravarsi con la comparsa di disturbi depressivi e/o d'ansia.
3) Insonnia idiopatica. È rappresentata dall'incapacità di ottenere un sonno soddisfacente sin dalla nascita, con marcato allungamento della latenza di addormentamento, forte riduzione dell'efficienza del sonno con incremento del numero e della durata dei risvegli notturni. È un disturbo che insorge alla nascita e presenta andamento cronico, costituendo meno dell'1% delle i. Risultano utili le tecniche di rilassamento e gli antidepressivi.
4) Insonnia da disturbi psichici. L'i. nelle affezioni psichiatriche costituisce un sintomo di frequente riscontro, soprattutto in corso di disturbi d'ansia, disturbi dell'umore e schizofrenia. L'i. indotta da ansia si manifesta più spesso con la difficoltà a iniziare e a mantenere il sonno, mentre in corso di disturbi dell'umore (di tipo sia depressivo sia maniacale) risultano prevalentemente disturbate le fasi intermedie (frammentazione) e tardive (come il risveglio precoce nei pazienti depressi). Le alterazioni del sonno nella schizofrenia risultano nel complesso modeste, limitate a una percentuale non significativa di pazienti e aspecifiche. Fondamentale appare, in tale contesto, un'adeguata e congrua terapia del disturbo psichiatrico primitivo, sia sotto il profilo psicofarmacologico (benzodiazepinico, antidepressivo o neurolettico); sia, laddove necessario, psicoterapico.
5) Insonnia da movimenti periodici nel sonno (mioclono notturno). È caratterizzata da contrazioni muscolari stereotipate, periodiche, in una o entrambe le gambe, che intervengono durante il sonno, prevalentemente durante le fasi meno profonde, e che consistono nell'estensione dell'alluce, nella dorsiflessione della caviglia, talora seguite da flessione del ginocchio e dell'anca, della durata di 0,5-5 secondi e con una periodicità di 20-40 secondi, per una durata complessiva di alcune ore. Il trattamento dovrebbe essere riservato ai pazienti con alterazioni della struttura e della continuità del sonno e si avvale di presidi farmacologici come farmaci dopaminergici (L-dopa, bromocriptina, selegilina, inibitori delle MAO-B) e benzodiazepine (in particolare clonazepam) e gli oppioidi.
6) Sindrome delle gambe senza riposo. È caratterizzata da una sensazione interna, sgradevole, localizzata tipicamente tra il ginocchio e la caviglia, solitamente bilaterale (ma sporadicamente con una prevalenza di un arto), che insorge a riposo nella tarda serata e specialmente nella fase di rilassamento muscolare che precede il sonno. La sintomatologia viene alleviata solo dal movimento e a volte risulta talmente intensa da determinare la necessità di alzarsi, camminare e posare il piede su una superficie fredda. L'incidenza, pari al 5%, risulta aumentata in corso di gravidanza (11-27%) e di anemia sideropenica (24-42%); sovente risulta associata a mielopatie o neuropatie e all'assunzione di farmaci (neurolettici, caffeina, beta-bloccanti). Il trattamento si avvale di benzodiazepine (clonazepam, alprazolam, triazolam, temazepam), dopaminergici (L-dopa, bromocriptina), oppioidi (a basse dosi e nei casi più severi).
7) Insonnia da abuso di sostanze psicoattive. Le sostanze cui è stata correlata l'insorgenza di i., spesso indotta mediante meccanismi diversi, appartengono sia al gruppo degli stimolanti (amine simpaticomimetiche, cocaina, nicotina e metilxantine, per blocco dei meccanismi inibitori o sollecitazione di meccanismi eccitatori) sia dei depressori del SNC (barbiturici, benzodiazepine e alcool, attraverso una disorganizzazione del pattern fisiologico, per abuso o al momento della sospensione delle stesse, per meccanismi farmacocinetici intrinseci al farmaco stesso). La terapia di tale disturbo prevede non soltanto la sospensione della sostanza in questione, ma la parallela presa in carico terapeutica del disturbo psichiatrico concomitante.