Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
503/3 Codice Penale e di Procedura Penale Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXXV Settembre, pag. 1824 € 25,00</span> 511/1 Quattro Codici Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XVIII, pag. 1824 € 26,00</span> 502/1 Codice Penale Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XLII, pag. 1056 € 14,00</span> C100 Codice Civile (C1) + Codice Penale (C3) - Annotati con la Giurisprudenza<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 3520 + 1984 € 126,00</span> E3/A Codice Penale Esplicato minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIII Settembre, pag. 1280 € 20,00</span> C3 Codice Penale commentato - Annotato con la Giurisprudenza + Appendice di aggiornamento novembre 2020<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXVI, pag. 2048 € 68,00</span>
T.A.R.
T.F.R.
T.U.I.R.
Tassa
Tassatività
Telefax
Telegramma
Telelavoro
Televendita
Tempo
Tempus regit actum
Tendenza a delinquere
Tentativo
Tenuità del fatto
Termine
Termine ragionevole del processo
Territorialità della legge penale
Territorio dello Stato
Terzo
Testamento
Testimonianza
Testo unico
Tipicità
Titolarità
Titolo
Tolleranza
Traditio
Transazione
Translatio judicii
Trapianto di organi
Trascrizione
Trasformazione di società
Trasparenza
Trasporto
Trattamento dei dati personali
Trattamento di fine rapporto
Trattativa privata
Trattative
Trattato
Trattazione della causa
Tribunale
Tributo
Truffa
Tutela


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Delitto (d. pen.)
I reati possono essere oggetto di diverse classificazioni.
La distinzione generale più importante è quella espressamente prevista dal codice fra (—) e contravvenzioni. L'elemento distintivo è rappresentato dalla pena: infatti, per i (—) la legge prevede la pena dell'ergastolo, della reclusione, e, nei casi meno gravi, della multa.
In tema di elemento soggettivo per i (—) si risponde in via generale solo per dolo salvo i casi di (—) preterintenzionali o colposi espressamente previsti dalla legge; inoltre solo i (—) sono assoggettabili alla disciplina del tentativo (art. 56 c.p.).
() aggravato dall'evento
Si dicono aggravati o qualificati dall'evento i (—) che subiscono un aumento di pena per il verificarsi di un evento ulteriore, rispetto al fatto che già costituisce reato: evento che viene posto a carico dell'agente come semplice conseguenza della sua azione od omissione.
Sono tali, ad esempio, i (—) previsti dall'art. 3683 (calunnia da cui deriva una condanna), dagli artt. 571 (abuso di mezzi di correzione e di disciplina se dal fatto deriva una lesione personale o la morte), 5722 (maltrattamenti in famiglia se dal fatto deriva una lesione personale o la morte) c.p.
() politico
Ai sensi dell'art. 8 c.p., (—) politico è ogni delitto che offende un interesse politico dello Stato o un diritto politico del cittadino (concezione oggettiva), ovvero il delitto comune determinato in tutto o in parte da motivi politici (concezione soggettiva).
Il codice penale del 1930 ha accolto una nozione assai ampia di delitto politico in linea con l'ideologia dell'epoca fascista tesa a reprimere ogni forma di ribellione nei confronti dell'ordine costituito.
Con l'avvento della Costituzione repubblicana si è avuto un'inversione di tendenza tanto che il delitto politico è stato da essa sottoposto ad un regime di favore: infatti, gli artt. 10 e 26 Cost. sanciscono rispettivamente il divieto di estradizione dello straniero e del cittadino per delitti politici.
() preterintenzionale
Nel (—) preterintenzionale vi è la volontà di un evento minore e la non volontà di un evento più grave che si verifica come conseguenza della condotta dell'agente. L'art. 432, c.p. stabilisce che il (—) è preterintenzionale, o oltre le intenzioni quando dall'azione o dall'omissione deriva un evento dannoso o pericoloso più grave di quello voluto dall'agente.
Il codice prevede un unico caso di (—) preterintenzionale: l'omicidio preterintenzionale (art. 584 c.p.) dove la morte è conseguenza non voluta dei delitti di percosse o lesioni. In tale fattispecie occorre accertare la sussistenza del nesso causale fra l'evento più grave (la morte) e la condotta dell'agente diretta a ledere o percuotere, allo scopo di accertare se la morte derivi da cause sopravvenute da sole sufficienti a produrla (secondo il disposto dall'art. 41, secondo comma, c.p.). A tal proposito, l'azione può considerarsi causa dell'evento quando, per le modalità di realizzazione e i mezzi adoperati, può dirsi adeguata al verificarsi di esso.
La L. 194/78 poi ha introdotto l'aborto preterintenzionale, cagionato cioè con azioni dirette a provocare lesioni alla donna (art. 182).
() tentato
[Tentativo].