Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
IP1 Ipercompendio Diritto del Lavoro<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 VIII, pag. 288 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span>
D.I.A. [Dichiarazione di inizio attività]
D.I.A. [Direzione investigativa antimafia]
D.N.A.
D.O.C.
D.O.P.
Danneggiamento
Danneggiato dal reato
Danno
Danno temuto
Dante causa
Datio in solutum
Dato personale
Datore di lavoro
Dazi doganali
Dazione in pagamento
De cuius
Debito
Debitore
Decadenza
Decartolizzazione
Decentramento amministrativo
Decisione
Decreto
Deduzioni
Deferimento del giuramento
Delazione
Delegazione
Delegificazione
Delibere assembleari
Delinquente abituale
Delinquente per tendenza
Delinquente professionale
Delitto
Demanio
Demansionamento
Democrazia
Denominazione
Denuncia
Depenalizzazione
Deposito
Deputati
Deregulation
Derelizione
Destinazione del padre di famiglia
Desuetudine
Detenuto
Detenzione
Detrazione d’imposta
Devastazione, saccheggio o strage
Devolution
Devoluzione
Diaria
Dibattimento
Dicastero
Dichiarazione
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dies a quo
Dies ad quem
Difensore
Difesa
Difetto di giurisdizione
Diffamazione
Diffida ad adempiere
Dilazione del pagamento
Diligenza
Dimissioni
Dimora
Dipartimenti
Dipendente
Dipendenti pubblici
Dipendenza
Diplomazia
Direttiva
Direttore generale (o city manager)
Direttori generali
Direzione
Direzioni regionali e provinciali del lavoro
Dirigenti
Diritti
Diritto
Discendente
Disconoscimento della paternità
Disconoscimento di scrittura privata
Discovery
Discrezionalità
Discussione
Disdetta
Disegno di legge
Disegno ornamentale
Diseredazione
Disoccupazione
Dispacci
Dispensa dalla collazione
Dispensa dall’imputazione
Disponibile
Dispositivo
Disposizioni
Dissenso politico
Dissociato
Distanze
Distretto giudiziario
Distribuzione
Distruzione e deturpamento di bellezze naturali
Ditta
Diuturnitas
Dividendo
Divieto di espatrio
Divieto di nozze
Divieto di soggiorno
Divieto e obbligo di dimora
Divisione
Divorzio
Documento
Dogana
Dolo
Domanda accessoria
Domanda giudiziale
Domanda riconvenzionale
Domande suggestive
Domicilio
Donazione
Donna
Dont
Doppia imposizione
Doppio binario
Doppio grado di giurisdizione
Dotazione organica
Dottrina
Dovere
Dow Jones
Drenaggio fiscale
Duty free shop


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Denuncia
() dei vizi della cosa venduta (d. civ.)
È l'atto con il quale il compratore ha l'onere di comunicare al venditore i vizi della cosa al fine di far valere la garanzia di cui all'art. 1492 c.c. La denuncia deve avvenire, a pena di decadenza, entro otto giorni dalla scoperta del vizio. Essa non è necessaria se il venditore ha riconosciuto l'esistenza del vizio o l'ha occultato [Compravendita]. Una particolare discipina è prevista per la vendita di beni di consumo [Compravendita (contratto di)]: fermo restando che la denuncia non è necessaria nel caso di riconoscimento o di occultamento del vizio da parte del venditore, il consumatore deve denunciare il vizio entro due mesi dalla scoperta (art. 132, D.Lgs. 6-9-2005, n. 206).
() di nuova opera e danno temuto (d. proc. civ.)
[Nunciazione (Azioni di)].
() nel diritto amministrativo (d. amm.)
Atto che nel procedimento amministrativo si sostanzia nella presentazione, da parte dei privati, di dichiarazioni rivolte a che vengano attivati i poteri di un'autorità amministrativa.
Talvolta la presentazione della (—) può costituire un obbligo, come nel caso della (—) dei redditi.
() nel diritto penale (d. proc. pen.)
Si definisce (—) l'atto con cui ogni persona, anche se diversa dalla persona offesa dal reato, informa il pubblico ministero o un ufficiale di polizia giudiziaria di un fatto che può costituire reato perseguibile d'ufficio. Può provenire da privati, da pubblici ufficiali (artt. 357 e 360 c.p.) o incaricati di pubblico servizio (art. 358 c.p.) ed è destinata al pubblico ministero in quanto organo di indagine, che va informato di fatti suscettibili di determinare l'esercizio dell'azione penale.
Per i privati la presentazione della (—) ha natura facoltativa, almeno di norma; per i soggetti qualificati, invece, è sempre obbligatoria, purché la notitia criminis sia stata da essi appresa in conseguenza del loro servizio. È escluso l'obbligo di (—) per il difensore e gli altri soggetti di cui all'art. 391bis, anche in relazione ai reati dei quali abbiano avuto notizia nel corso delle attività investigative da essi svolte (art. 334bis).
L'obbligo di (—) incombe anche sul giudice amministrativo o civile, tenuto, in quanto tale, a presentare la (—) direttamente al P.M.
Circa la forma, i soggetti qualificati devono redigerla per iscritto, mentre i privati possono presentarla anche oralmente. In tal caso, il P.M. o l'ufficiale di P.G. che la ricevono ne redigono verbale, che è sottoscritto dal denunciante.