Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 207/1 Elementi di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 208 € 12,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span>
Danimarca
Daphne
DAU
Davignon
Davignon Etienne
Dazi ad valorem
Dazi all’esportazione
Dazi all’importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Gasperi Alcide
De Gaulle Charles
Decisione
Decisione generale della CECA
Decisione individuale della CECA
Decisione [Titolo vi tue]
Decisione-quadro
Decisioni di associazioni di imprese
Decisioni sui generis
Deficit democratico
Deficit sostenibile
Delors
Delors Jacques
Demanio comunitario
Dematerializzazione dei titoli di credito
Denominazione d’Origine Protetta
Deregulation
Deroga
Dialogo sociale
Dichiarazione a verbale
Dichiarazione comune e accordo interistituzionale
Dichiarazione di Barcellona
Dichiarazione di Kirchberg
Dichiarazione di Petersberg
Dichiarazione di Rodi
Dichiarazione di Roma
Dichiarazione di Stoccarda
Dichiarazione Schuman
Dichiarazione transatlantica
Difensore civico europeo
Difesa comune
Diretta applicabilità del diritto comunitario
Direttiva
Direttiva dettagliata
Direzioni generali
Diritti speciali di prelievo
Diritti umani
Diritto comunitario
Diritto comunitario derivato
Diritto comunitario originario
Diritto di accesso
Diritto di inchiesta
Diritto di iniziativa
Diritto di inseguimento
Diritto di osservazione
Diritto di petizione
Diritto di proprietà
Diritto di soggiorno
Diritto di stabilimento
Diritto di voto
Diritto europeo delle società
Disavanzi eccessivi
Discarico delle spese
Discriminazione in base alla nazionalità
Disegni e modelli
Divieto di discriminazione in base ai prodotti
Divieto di discriminazione in base alla nazionalità
Documento Amministrativo Unico
Documento unico di programmazione
DOCUP
Dodicesimi provvisori
Dogana 2002
Dogane
Dooge
DOP
Doppia indicazione dei prezzi
Doppia investitura della Commissione
Doppio mandato
Drugs
DSP
Dual use
Dualità materiale
Dualità scritturale
Duisenberg Wim
Dumping
Dumping sociale
Duplice maggioranza
Duty-free




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Dialogo sociale artt. 138-139 Trattato CE

Espressione con la quale si suole definire gli incontri fra i rappresentati dell’imprenditoria e i lavoratori (v. Parti sociali) a livello europeo.
Sebbene il termine sia stato introdotto per la prima volta dall’Atto Unico Europeo (v. AUE), all’art. 139, e interiormente definito dall’art. 3 del Protocollo sulla politica sociale (v.), il primo tentativo di far incontrare le parti sociali a livello europeo risale agli anni ’70 con la creazione del Comitato permanente per i problemi dell’occupazione. Questo tentativo, però, fallì per la poca disponibilità al compromesso sia dei raggruppamenti d’interessi sia dei rappresentanti comunitari.
Tuttavia, è con gli incontri di Val Duchesse (iniziati nel 1985) che viene avviata una efficace politica per sviluppare il dialogo sociale.
A Val Duchesse si incontrarono i rappresentanti delle confederazioni europee dell’industria e dei datori di lavoro (v. UNICE), del Centro europeo dell’impresa pubblica (v. CEEP) e della Confederazione europea dei sindacati (v. CES).
Si trattò essenzialmente di uno scambio di opinioni tra le parti sociali promosso dall’autorità comunitaria per la ricerca di posizioni convergenti su argomenti di interesse comune.
Le risoluzioni finali di tali incontri si configurarono in pareri comuni (v.), terminologia voluta dalle stesse parti proprio per indicare che la convergenza delle volontà si è realizzata su una opinione e non su una vera e propria regola.
Tuttavia queste esperienze di dialogo sociale vennero considerate estremamente deludenti, dal momento che le intese raggiunte dalle parti non riuscirono a rappresentare un adeguato punto di riferimento per gli attori nazionali.
Nel frattempo intervenne l’Atto Unico Europeo che enfatizzò le potenzialità del metodo del dialogo sociale, introducendo l’art. 139 nel Trattato CE. Con tale articolo la Commissione assunse il compito di promuovere il dialogo fra le parti sociali a livello europeo e, previo il consenso delle parti stesse, venneintrodotta la possibilità che tale dialogo conducesse a vere e proprie relazioni basate su accordi collettivi.
Una maggiore valorizzazione del ruolo delle parti sociali si è realizzata con il Protocollo sulla politica sociale di Maastricht, che istituzionalizzava il dialogo fra le parti sociali a livello comunitario.
Il Trattato di Amsterdam (v.) ha modificato espressamente il Trattato CE in materia di politica sociale (v.) inglobandovi di fatto i contenuti del protocollo di Maastricht.
Il dialogo sociale a livello europeo comprende le discussioni fra le parti sociali europee, le loro azioni congiunte e i loro eventuali negoziati, nonché le discussioni fra le parti sociali e le istituzioni comunitarie.
Si svolge sia a livello interprofessionale che settoriale e prende in considerazione questioni concernenti l’occupazione nell’Unione, i problemi dell’istruzione e della formazione, l’organizzazione del mercato del lavoro e l’orientamento delle politiche comuni, consentendo di raggiungere pareri comuni indirizzati alle istituzioni comunitarie.
Nel settore interprofessionale la Commissione promuove una consultazione sistematica delle parti sociali su tutte le tematiche maggiormente rilevanti di politica economica e sociale. I comitati consultivi interprofessionali, pertanto, sono stati creati con il preciso compito di consigliare la Commissione sulla scelta ed attuazione di politiche specifiche.
A livello settoriale, invece, quali strutture di dialogo, sono nati dieci comitati paritetici (CP) e dieci gruppi di lavoro informali (GTI). Tali strutture hanno fornito, fino ad ora, un centinaio di pareri sulle proposte della Comunità aventi particolari riflessi sociali nelle rispettive competenze.
Sempre in campo settoriale, la Commissione ha inteso incentivare il dialogo sociale estendendolo progressivamente a nuovi settori di attività. Così, in base alla decisione del 20 maggio 1998, la Commissione ha istituito i comitati di dialogo settoriale “nei settori in cui le parti sociali presentino richiesta congiunta di partecipare ad un dialogo a livello europeo”. Le due parti sociali dei settori interessati devono: essere collegate a specifici settori o categorie e disporre di una organizzazione a livello europeo; essere composte da organizzazioni che formino parte integrante delle strutture delle parti sociali degli Stati membri; essere abilitate a negoziare accordi ed essere rappresentative in più Stati membri. Tali comitati dovranno sostituire i comitati paritetici.