Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
330/1 Il Vigile Urbano - Quiz per i concorsi nella Polizia Locale Municipale e Provinciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXV, pag. 528 € 30,00</span> IP1 Ipercompendio Diritto del Lavoro<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 VIII, pag. 288 € 16,00</span>
D.I.A. [Dichiarazione di inizio attività]
D.I.A. [Direzione investigativa antimafia]
D.N.A.
D.O.C.
D.O.P.
Danneggiamento
Danneggiato dal reato
Danno
Danno temuto
Dante causa
Datio in solutum
Dato personale
Datore di lavoro
Dazi doganali
Dazione in pagamento
De cuius
Debito
Debitore
Decadenza
Decartolizzazione
Decentramento amministrativo
Decisione
Decreto
Deduzioni
Deferimento del giuramento
Delazione
Delegazione
Delegificazione
Delibere assembleari
Delinquente abituale
Delinquente per tendenza
Delinquente professionale
Delitto
Demanio
Demansionamento
Democrazia
Denominazione
Denuncia
Depenalizzazione
Deposito
Deputati
Deregulation
Derelizione
Destinazione del padre di famiglia
Desuetudine
Detenuto
Detenzione
Detrazione d’imposta
Devastazione, saccheggio o strage
Devolution
Devoluzione
Diaria
Dibattimento
Dicastero
Dichiarazione
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dies a quo
Dies ad quem
Difensore
Difesa
Difetto di giurisdizione
Diffamazione
Diffida ad adempiere
Dilazione del pagamento
Diligenza
Dimissioni
Dimora
Dipartimenti
Dipendente
Dipendenti pubblici
Dipendenza
Diplomazia
Direttiva
Direttore generale (o city manager)
Direttori generali
Direzione
Direzioni regionali e provinciali del lavoro
Dirigenti
Diritti
Diritto
Discendente
Disconoscimento della paternità
Disconoscimento di scrittura privata
Discovery
Discrezionalità
Discussione
Disdetta
Disegno di legge
Disegno ornamentale
Diseredazione
Disoccupazione
Dispacci
Dispensa dalla collazione
Dispensa dall’imputazione
Disponibile
Dispositivo
Disposizioni
Dissenso politico
Dissociato
Distanze
Distretto giudiziario
Distribuzione
Distruzione e deturpamento di bellezze naturali
Ditta
Diuturnitas
Dividendo
Divieto di espatrio
Divieto di nozze
Divieto di soggiorno
Divieto e obbligo di dimora
Divisione
Divorzio
Documento
Dogana
Dolo
Domanda accessoria
Domanda giudiziale
Domanda riconvenzionale
Domande suggestive
Domicilio
Donazione
Donna
Dont
Doppia imposizione
Doppio binario
Doppio grado di giurisdizione
Dotazione organica
Dottrina
Dovere
Dow Jones
Drenaggio fiscale
Duty free shop


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Detenzione
() come potere di fatto sulla cosa (d. civ.)
La (—) può definirsi come un mero potere di fatto sulla cosa non accompagnato dall'intenzione di compiere un'attività corrispondente all'esercizio di un diritto reale. Il detentore, pertanto, si trova in un rapporto di mera contiguità fisica con la cosa, è consapevole ed esplicitamente riconosce di non poter vantare alcun diritto reale [Diritti (soggettivi)] sulla cosa stessa, essendone altri i titolari. Come appare dalla definizione, l'elemento che differenzia la (—) dal possesso è l'animus: animus possidendi, in caso di possesso, animus detinendi, in caso di (—).
In base all'art. 1141 c.c., la (—) si muta in possesso in due soli casi: quando il detentore acquista in proprietà il bene che precedentemente aveva in mera (—), ovvero, quando il detentore renda noto al proprietario la propria intenzione di continuare a tenere il bene non più come detentore, bensì per conto ed in nome proprio [Interversione del possesso].
() domiciliare (d. proc. pen.)
Si tratta di una forma di espiazione della pena definitiva presso la propria abitazione. La pena della reclusione non superiore a quattro anni e la pena dell'arresto possono essere scontate anche nella propria abitazione, in altro luogo di privata dimora ovvero in luogo di cura o assistenza, quando trattasi:
— di donna incinta o madre di prole di età inferiore ad anni dieci, con lei convivente;
— di padri esercenti la potestà, di prole di età inferiore ad anni dieci con essi conviventi, quando la madre sia deceduta o altrimenti impossibilitata a dare assistenza alla prole;
— di persone in condizioni di salute particolarmente gravi che richiedono costanti contatti con i presidi sanitari territoriali;
— di persone di età superiore ai 60 anni, se inabili anche parzialmente;
— di persone di età inferiore ai 21 anni per comprovate esigenze di salute, di studio, di lavoro e di famiglia.
La (—) può essere, altresì, applicata per l'espiazione della pena detentiva inflitta in misura non superiore a due anni, anche se costituente parte residua di maggior pena, indipendentemente dalle condizioni suddette quando non ricorrono i presupposti per l'affidamento in prova al servizio sociale e sempre che tale misura sia idonea ad evitare il pericolo che il condannato commetta altri reati.
L'art. 47quinquies della L. 26 luglio 1975, n. 354, inserito dall'art. 3 della L. 8 marzo 2001, n. 40, ha introdotto l'istituto della (—)
speciale. Nel dettaglio, in mancanza delle condizioni generali per l'applicabilità della detenzione domiciliare, le condannate madri di prole di età non superiore ad anni dieci, se non sussiste un concreto pericolo di commissione di ulteriori delitti e se vi è la possibilità di ripristinare la convivenza con i figli, possono essere ammesse ad espiare la pena nella propria abitazione, o in altro luogo di privata dimora, ovvero in luogo di cura, assistenza o accoglienza, al fine di provvedere alla cura e alla assistenza dei figli, dopo l'espiazione di almeno un terzo della pena ovvero dopo l'espiazione di almeno quindici anni nel caso di condanna all'ergastolo.
() ingiusta/illegittima [riparazione della] (d. proc. pen.)
La detenzione ingiusta od illegittima si configura allorché una persona abbia patito un periodo di custodia cautelare ingiusta o illegittima. In tal caso si matura il diritto ad un'equa riparazione, alle condizioni e nei limiti previsti dal codice.
In particolare, si ha custodia cautelare ingiusta (art. 3141) quando essa è stata sofferta da un imputato successivamente riconosciuto innocente all'esito del processo.
Si ha, invece, custodia cautelare illegittima (art. 3142) allorché essa sia stata patita da un imputato (anche se riconosciuto colpevole) in virtù di un'ordinanza cautelare illegittima adottata in difetto dei presupposti di legge dei gravi indizi e dei limiti di pena per l'adottabilità del provvedimento.
Con sentenza n. 109 del 2-4-1999, la Corte Costituzionale ha riconosciuto il diritto ad ottenere la riparazione anche in caso di arresto in flagranza o fermo ingiusti od illegittimi.
Nelle ipotesi predette è garantito il diritto ad una equa riparazione pecuniaria, nel limite massimo di euro 516.456,89 (lire un miliardo). La riparazione va in concreto commisurata alla durata della carcerazione ingiustamente sofferta ed alle conseguenze personali e familiari derivatene.