Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
38/2 Compendio di Economia degli Intermediari Finanziari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 208 € 21,00</span> 342/1 Concorso Comune di Roma - 250 Istruttori e 100 Funzionari Amministrativi - Manuale per la prova scritta e orale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 512 € 32,00</span>
P.I.P.
P.M.
P.M.I.
P.Q.M.
Pacchetto
Pacta sunt servanda
Pactum de non petendo
Pactum de retrovendendo
Pactum fiduciae
Paesaggio
Paga base
Pagamento
Pagherò cambiario
PagoBancomat
Par condicio
Parafiscalità
Parastato
Parasubordinazione
Parcella
Parchi
Parentela
Parere
Pari causa turpitudinis
Pari opportunità tra uomo e donna
Parità retributiva
Parlamento
Parricidio
Part time
Parte
Partecipazione
Parti comuni di un edificio
Particella catastale
Partita I.V.A.
Partiti politici
Passaggio
Passaporto diplomatico
Passivo
Paternità
Patologia del negozio giuridico
Patria
Patrimonialità
Patrimonio
Patrocinio
Patronage
Patronato
Patteggiamento
Patti lateranensi
Patto
Pauliana
Peace keeping
Peculato
Pedofilia
Pegno
Pena
Pendenza
Pensiero
Pensione
Pentimento operoso
Percosse
Perdono giudiziale
Perenzione
Perequazione tributaria
Pericolo
Pericolosità sociale
Periodo di comporto
Periodo d’imposta
Perizia
Permanente
Permesso
Permuta
Perpetuatio
Perquisizione
Persona
Personalità
Pertinenza
Petitorie e possessorie
Petitum
Petizione
Pianificazione
Piano
Piattaforma continentale
Piazzista
Picchettaggio
Piccola società cooperativa
Piede libero
Pigione
Pignorabilità dei beni
Pignoramento
Plagio
Plenipotenziari
Pluralismo
Plurioffensivo (reato)
Plusvalenza
Polizia
Polizza
Popolo
Pornografia minorile
Portierato
Possesso
Possessorie
Possideo quia possideo
Postilla
Potere
Potestà
Poveri
Prassi
Praticantato
Preavviso
Precario
Precettazione
Precetto
Precisazione delle conclusioni
Preclusione
Prefetto
Prelazione
Prelegato
Preleggi
Preliminare
Premeditazione
Premio
Premorienza
Prepensionamento
Prescrizione
Presidente
Presidenzialismo
Prestatore di lavoro
Prestazione
Presunzione
Presupposizione
Preterintenzione
Preterizione
Previdenza
Prezzo
Prigionieri di guerra
Primarie
Principi
Prior in tempore potior in iure
Privacy
Privativa
Privatizzazione
Privilegio
Probatio diabolica
Probation processuale
Probiviri
Procacciatore d’affari
Procedimenti
Procedimento
Procedura
Procedure concorsuali
Processo
Proclami pubblici
Procura
Procura della Repubblica
Procuratore
Prodigalità
Prodotti finanziari
Produttore
Professionalità nel reato
Professione intellettuale
Profitto
Profughi
Progetto individuale di inserimento
Progressione criminosa
Progressività del sistema tributario
Progressivo
Promessa
Promotore finanziario
Promulgazione delle leggi
Proporzionale
Proposta contrattuale
Proposta di legge
Proprietà
Proprio
Prorogatio
Proscioglimento
Prostituzione
Protesto
Protutore
Prova
Provincia
Provocazione
Provvedimenti
Provvigione
Provvisionale
Provvisoria esecuzione
Pubblica amministrazione
Pubblicazione
Pubblicità
Pubblico
Puntuazione
Purgazione
Putativo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Detenzione
() come potere di fatto sulla cosa (d. civ.)
La (—) può definirsi come un mero potere di fatto sulla cosa non accompagnato dall'intenzione di compiere un'attività corrispondente all'esercizio di un diritto reale. Il detentore, pertanto, si trova in un rapporto di mera contiguità fisica con la cosa, è consapevole ed esplicitamente riconosce di non poter vantare alcun diritto reale [Diritti (soggettivi)] sulla cosa stessa, essendone altri i titolari. Come appare dalla definizione, l'elemento che differenzia la (—) dal possesso è l'animus: animus possidendi, in caso di possesso, animus detinendi, in caso di (—).
In base all'art. 1141 c.c., la (—) si muta in possesso in due soli casi: quando il detentore acquista in proprietà il bene che precedentemente aveva in mera (—), ovvero, quando il detentore renda noto al proprietario la propria intenzione di continuare a tenere il bene non più come detentore, bensì per conto ed in nome proprio [Interversione del possesso].
() domiciliare (d. proc. pen.)
Si tratta di una forma di espiazione della pena definitiva presso la propria abitazione. La pena della reclusione non superiore a quattro anni e la pena dell'arresto possono essere scontate anche nella propria abitazione, in altro luogo di privata dimora ovvero in luogo di cura o assistenza, quando trattasi:
— di donna incinta o madre di prole di età inferiore ad anni dieci, con lei convivente;
— di padri esercenti la potestà, di prole di età inferiore ad anni dieci con essi conviventi, quando la madre sia deceduta o altrimenti impossibilitata a dare assistenza alla prole;
— di persone in condizioni di salute particolarmente gravi che richiedono costanti contatti con i presidi sanitari territoriali;
— di persone di età superiore ai 60 anni, se inabili anche parzialmente;
— di persone di età inferiore ai 21 anni per comprovate esigenze di salute, di studio, di lavoro e di famiglia.
La (—) può essere, altresì, applicata per l'espiazione della pena detentiva inflitta in misura non superiore a due anni, anche se costituente parte residua di maggior pena, indipendentemente dalle condizioni suddette quando non ricorrono i presupposti per l'affidamento in prova al servizio sociale e sempre che tale misura sia idonea ad evitare il pericolo che il condannato commetta altri reati.
L'art. 47quinquies della L. 26 luglio 1975, n. 354, inserito dall'art. 3 della L. 8 marzo 2001, n. 40, ha introdotto l'istituto della (—)
speciale. Nel dettaglio, in mancanza delle condizioni generali per l'applicabilità della detenzione domiciliare, le condannate madri di prole di età non superiore ad anni dieci, se non sussiste un concreto pericolo di commissione di ulteriori delitti e se vi è la possibilità di ripristinare la convivenza con i figli, possono essere ammesse ad espiare la pena nella propria abitazione, o in altro luogo di privata dimora, ovvero in luogo di cura, assistenza o accoglienza, al fine di provvedere alla cura e alla assistenza dei figli, dopo l'espiazione di almeno un terzo della pena ovvero dopo l'espiazione di almeno quindici anni nel caso di condanna all'ergastolo.
() ingiusta/illegittima [riparazione della] (d. proc. pen.)
La detenzione ingiusta od illegittima si configura allorché una persona abbia patito un periodo di custodia cautelare ingiusta o illegittima. In tal caso si matura il diritto ad un'equa riparazione, alle condizioni e nei limiti previsti dal codice.
In particolare, si ha custodia cautelare ingiusta (art. 3141) quando essa è stata sofferta da un imputato successivamente riconosciuto innocente all'esito del processo.
Si ha, invece, custodia cautelare illegittima (art. 3142) allorché essa sia stata patita da un imputato (anche se riconosciuto colpevole) in virtù di un'ordinanza cautelare illegittima adottata in difetto dei presupposti di legge dei gravi indizi e dei limiti di pena per l'adottabilità del provvedimento.
Con sentenza n. 109 del 2-4-1999, la Corte Costituzionale ha riconosciuto il diritto ad ottenere la riparazione anche in caso di arresto in flagranza o fermo ingiusti od illegittimi.
Nelle ipotesi predette è garantito il diritto ad una equa riparazione pecuniaria, nel limite massimo di euro 516.456,89 (lire un miliardo). La riparazione va in concreto commisurata alla durata della carcerazione ingiustamente sofferta ed alle conseguenze personali e familiari derivatene.