Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Danimarca
Daphne
DAU
Davignon
Davignon Etienne
Dazi ad valorem
Dazi all’esportazione
Dazi all’importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Gasperi Alcide
De Gaulle Charles
Decisione
Decisione generale della CECA
Decisione individuale della CECA
Decisione [Titolo vi tue]
Decisione-quadro
Decisioni di associazioni di imprese
Decisioni sui generis
Deficit democratico
Deficit sostenibile
Delors
Delors Jacques
Demanio comunitario
Dematerializzazione dei titoli di credito
Denominazione d’Origine Protetta
Deregulation
Deroga
Dialogo sociale
Dichiarazione a verbale
Dichiarazione comune e accordo interistituzionale
Dichiarazione di Barcellona
Dichiarazione di Kirchberg
Dichiarazione di Petersberg
Dichiarazione di Rodi
Dichiarazione di Roma
Dichiarazione di Stoccarda
Dichiarazione Schuman
Dichiarazione transatlantica
Difensore civico europeo
Difesa comune
Diretta applicabilità del diritto comunitario
Direttiva
Direttiva dettagliata
Direzioni generali
Diritti speciali di prelievo
Diritti umani
Diritto comunitario
Diritto comunitario derivato
Diritto comunitario originario
Diritto di accesso
Diritto di inchiesta
Diritto di iniziativa
Diritto di inseguimento
Diritto di osservazione
Diritto di petizione
Diritto di proprietà
Diritto di soggiorno
Diritto di stabilimento
Diritto di voto
Diritto europeo delle società
Disavanzi eccessivi
Discarico delle spese
Discriminazione in base alla nazionalità
Disegni e modelli
Divieto di discriminazione in base ai prodotti
Divieto di discriminazione in base alla nazionalità
Documento Amministrativo Unico
Documento unico di programmazione
DOCUP
Dodicesimi provvisori
Dogana 2002
Dogane
Dooge
DOP
Doppia indicazione dei prezzi
Doppia investitura della Commissione
Doppio mandato
Drugs
DSP
Dual use
Dualità materiale
Dualità scritturale
Duisenberg Wim
Dumping
Dumping sociale
Duplice maggioranza
Duty-free




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Direttiva art. 249 Trattato CE; art. 161 Trattato Euratom

È un atto vincolante (v.) delle istituzioni comunitarie previsto dall’art. 249 del Trattato istitutivo della Comunità europea il quale stabilisce che le direttive vincolano lo Stato membro cui sono rivolte per quanto riguarda il risultato da raggiungere.
Requisiti formali della direttiva sono:
— la portata individuale. Esse hanno come destinatari gli Stati membri (e le imprese nella CECA). A tal proposito le direttive si distinguono in:
a) generali, se indirizzate a tutti gli Stati membri;
b) individuali o particolari, se indirizzate ad uno o ad alcuni di essi;
— l’obbligatorietà di risultato. A differenza dei regolamenti comunitari (v.) e delle decisioni (v.), le direttive impongono solo l’obbligo di raggiungere un risultato, lasciando liberi gli Stati di adottare le misure dagli stessi ritenute opportune;
— la motivazione. Le direttive devono essere motivate e devono riferirsi ai pareri (v.) obbligatori o alle proposte previsti dal Trattato.
A causa del loro carattere individuale questi atti devono essere notificati ai destinatari e acquistano efficacia dalla data della notifica (v.) o da una data successiva, se indicata; è tuttavia invalsa la prassi di pubblicarle anche sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità (v. GUCE), oltre naturalmente a notificarle.
Inoltre le direttive fissano un termine per la loro attuazione. Pertanto, se gli Stati membri entro detto termine non adottano le misure interne di esecuzione, commettono una violazione del trattato ai sensi dell’art. 226.
Per quanto riguarda l’efficacia, le direttive, secondo l’art. 249, non hanno efficacia diretta (v. Diretta applicabilità del diritto comunitario), cioè non producono diritti ed obblighi che i giudici nazionali devono far osservare. Perciò la dottrina (POCAR) sostiene che le direttive non sono direttamente applicabili, ma hanno un’efficacia mediata attraverso i provvedimenti che gli Stati intenderanno adottare, nel rispetto dei principi fondamentali del Trattato.
Si può ritenere che si possa parlare di efficacia diretta delle direttive quando queste ultime:
— impongono al destinatario del provvedimento di tenere un comportamento di carattere negativo: in tal caso, infatti, non è necessario nessun provvedimento di esecuzione;
— ribadiscono un obbligo già previsto dal Trattato e quindi già produttivo di effetti, specificandone solo la portata e i tempi di attuazione;
— contengono con precisione le norme interne che gli Stati sono tenuti ad adottare (v. Direttiva dettagliata).
Nell’ordinamento italiano le direttive sono state di regola recepite attraverso leggi ordinarie di esecuzione per ciascun provvedimento comunitario, modificando in tal modo norme già esistenti o introducendone di nuove. Questa procedura non ha creato difficoltà fino al 1985, dato l’esiguo numero di direttive emanate; con l’adozione del Libro bianco sul completamento del mercato interno (v.), il numero dei provvedimenti comunitari da trasferire nell’ordinamento italiano cresceva sensibilmente, rivelando l’inadeguatezza della procedura in vigore. Si è così proceduto, in applicazione dell’art. 76 della Costituzione, all’attuazione delle disposizioni legislative comunitarie anche mediante leggi delega al Governo, che avrebbe emanato l’atto normativo (decreto legislativo, regolamento, decreto del Presidente della Repubblica) necessario, data la natura della materia oggetto di direttiva.
Ma per recuperare il ritardo accumulato dall’ordinamento italiano nel recepimento delle direttive comunitarie, si è proceduto alla razionalizzazione di tale sistema con l’emanazione della L. 9 marzo 1989, n. 86, la cosiddetta Legge La Pergola (v.), che ha stabilito le norme generali del sistema di recepimento delle direttive comunitarie e ha disposto l’emanazione della legge comunitaria (v.).