Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Danimarca
Daphne
DAU
Davignon
Davignon Etienne
Dazi ad valorem
Dazi all’esportazione
Dazi all’importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Gasperi Alcide
De Gaulle Charles
Decisione
Decisione generale della CECA
Decisione individuale della CECA
Decisione [Titolo vi tue]
Decisione-quadro
Decisioni di associazioni di imprese
Decisioni sui generis
Deficit democratico
Deficit sostenibile
Delors
Delors Jacques
Demanio comunitario
Dematerializzazione dei titoli di credito
Denominazione d’Origine Protetta
Deregulation
Deroga
Dialogo sociale
Dichiarazione a verbale
Dichiarazione comune e accordo interistituzionale
Dichiarazione di Barcellona
Dichiarazione di Kirchberg
Dichiarazione di Petersberg
Dichiarazione di Rodi
Dichiarazione di Roma
Dichiarazione di Stoccarda
Dichiarazione Schuman
Dichiarazione transatlantica
Difensore civico europeo
Difesa comune
Diretta applicabilità del diritto comunitario
Direttiva
Direttiva dettagliata
Direzioni generali
Diritti speciali di prelievo
Diritti umani
Diritto comunitario
Diritto comunitario derivato
Diritto comunitario originario
Diritto di accesso
Diritto di inchiesta
Diritto di iniziativa
Diritto di inseguimento
Diritto di osservazione
Diritto di petizione
Diritto di proprietà
Diritto di soggiorno
Diritto di stabilimento
Diritto di voto
Diritto europeo delle società
Disavanzi eccessivi
Discarico delle spese
Discriminazione in base alla nazionalità
Disegni e modelli
Divieto di discriminazione in base ai prodotti
Divieto di discriminazione in base alla nazionalità
Documento Amministrativo Unico
Documento unico di programmazione
DOCUP
Dodicesimi provvisori
Dogana 2002
Dogane
Dooge
DOP
Doppia indicazione dei prezzi
Doppia investitura della Commissione
Doppio mandato
Drugs
DSP
Dual use
Dualità materiale
Dualità scritturale
Duisenberg Wim
Dumping
Dumping sociale
Duplice maggioranza
Duty-free




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Diritto comunitario derivato art. 249 Trattato CE

Insieme di norme giuridiche emanate dagli organi comunitari per la realizzazione degli obiettivi definiti dai trattati.
Il Trattato istitutivo della Comunità europea, in quanto trattato quadro (v.), si limita a definire i principi e gli obiettivi generali della Comunità, lasciando alle istituzioni ampi poteri circa la loro realizzazione attraverso l’emanazione di specifiche norme.
Tali norme costituiscono il cd. diritto derivato, in quanto promanano dalle regole formali contenute nei trattati (v. Diritto comunitario originario). Esse sono pertanto gerarchicamente subordinate ai trattati non potendo in alcun modo disattendere le norme in essi contenute. L’art. 249 del Trattato CE dispone che “per l’assolvimento dei loro compiti e alle condizioni contemplate dal presente Trattato, il Parlamento europeo congiuntamente con il Consiglio, il Consiglio e la Commissione adottano regolamenti comunitari (v.) e direttive (v.), prendono decisioni (v.) e formulano raccomandazioni (v.) o pareri (v.)”.
Per ciò che concerne l’individuazione dello strumento giuridico da utilizzare, generalmente sono i trattati a precisare quale tipo di atto le istituzioni sono tenute ad adottare. Tuttavia qualora ciò non sia espressamente indicato dalle disposizioni del trattato o sia concessa alle istituzioni una scelta tra diverse misure, queste possono discrezionalmente emanare il tipo di atto che considerano più opportuno.
Accanto agli atti elencati e disciplinati dal trattato esistono poi altri atti che possono essere emanati dagli organi comunitari, pur sfuggendo alle categorie previste dall’art. 249. Si tratta dei cd. atti atipici (v.), tra cui rientrano alcuni atti vincolanti (v.) come gli atti di autorizzazione e di concessione e gli atti interni con i quali le istituzioni regolano il proprio funzionamento, e atti non vincolanti (v.), quali proposte, richieste, dichiarazioni e programmi d’azione.
Per l’emanazione degli atti comunitari si rende necessaria l’esistenza di alcuni requisiti formali, quali la motivazione (v. Motivazione degli atti comunitari) e la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee (v. GUCE) in ciascuna delle lingue ufficiali (v.) della Comunità.
Viene altresì richiesta l’indicazione della loro base giuridica, al fine di poter verificare la legittimità e la correttezza della procedura osservata per la loro adozione. Si tratta di un requisito di forma essenziale per la formulazione dell’atto, in quanto l’inosservanza della base giuridica può comportare il suo annullamento (v. Ricorso per annullamento).
Quanto al rapporto fra diritto comunitario derivato e diritto degli Stati membri, mentre per i regolamenti è lo stesso trattato a prevedere che essi siano obbligatori in tutti i loro elementi e direttamente applicabili in ciascuno degli Stati membri, per le direttive e le decisioni la diretta applicabilità è stata riconosciuta soltanto attraverso una costante giurisprudenza della Corte di Giustizia in tal senso (v. Diretta applicabilità del diritto comunitario).