Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> 17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 IV, pag. 288 € 17,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Ecloga di Leone l’Isaurico
Edicta Diocletiàni de Christiànis
Edicta Iustiniàni
Edictum
Edictum de beneficiis regni italici
Edictum Pistense
Edictum Theodorici regis Italiae
Editti di Liutprando
Editto di Atalarico
Editto di Caracalla
Editto di Costantino
Editto di Milano
Editto di Rotari
Editto di Teodorico
Eelemosinarius
Egidiane
Eleonora d’Arborèa
Emendatores degli statuti comunali
Empirismo
Emunitas
Enciclica
Enciclopedia o Dizionario ragionato delle scienze, delle arti e dei mestieri
Enfiteusi
Enfiteusi ecclesiastica
Enrico III di Franconia
Enrico IV di Franconia
Enrico V di Franconia
Epanagoghé ton nómon
Episcopàlis audièntia
Epitome
Epitome Codicis
Epitome exactis regibus
Epitome Gai
Epitome Iuliani
Epitome iùris
Epitome Ulpiani (o Tituli ex corpore Ulpiani)
Equity
Erario
Ermogeniano
Eruli
Esarca
Esarcato
Esegesi
Esperienza giuridica
Espropriazione per pubblica utilità
Etimologiae
Eurico
Ewa
Exabìblos (o tà Basilicà)
Exactio
Exceptiones legum romanarum Petri
Exceptores
Excerpta bobiensia
Exchequer
Excubitores
Exequatur
Exfestucatio
Expositio
Expositio ad librum papiensem
Extimatores
Extravagantes communes
Extravagantes Johannis XXII



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Equity (d. comp.)

Nell’ordinamento giuridico inglese è quel settore del diritto in cui l’aequitas prevale sulla rigidità degli schemi tecnico-formali propri della Common Law [vedi]. La contrapposizione tra istituti appartenenti all’(—) ed istituti di Common Law è analoga a quella che il diritto romano aveva tra ius civile e ius honorarium.
La necessità del ricorso all’(—) affonda le sue origini nel XIV secolo, quando il complesso di regole e di tecniche della Common Law subì un irrigidimento di forme e di schemi tale da costringere i giudici in un numero ben definito e tassativo di azioni, non più discrezionalmente estensibile. La conseguenza era che i privati sempre più difficilmente riuscivano a farsi rilasciare writs [vedi] di tipo nuovo, resi necessari dalle diverse esigenze emergenti dalla realtà sociale.
Di fronte alle richieste sempre più pressanti provenienti dalle parti, il tribunale del re [vedi King’s Council] rinunciò poco a poco a prenderne in esame l’ammissibilità ai fini della discussione in aula e delegò tale compito alla Cancelleria [vedi Court of Chancery]. Il Cancelliere, nella sua qualifica di maggiore funzionario del regno e di consigliere del sovrano giudicava quali istanze fosse opportuno sottoporre al re in sede di Council. Attraverso questa via, il cancelliere cominciò sempre più frequentemente a risolvere da solo, secondo rimedi equitativi e di buona fede, le cause sottoposte al Council, senza più trasmetterle a quest’ultimo.
Col passare del tempo anche l’(—) venne a subire un processo di sedimentazione, poiché pure i Cancellieri cominciarono a manifestare resistenze nella concessione di nuovi rimedi processuali. Conseguentemente, l’(—) si trasformò in un secondo complesso di casi giudiziari che si collocò in maniera ben definita accanto alla Common Law.
Ad opera dei Judicature Acts [vedi] del 1873-1875 fu operata una parziale fusione formale tra (—) e Common Law, attraverso l’introduzione di un unico tipo di processo. Tuttavia, la distinzione continua a sussistere sotto il profilo sostanziale: ancora oggi, infatti, nel diritto inglese vi sono interessi che ricevono tutela esclusivamente in via equitativa.